Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Diamoci una mano: promuovere la cittadinanza attiva nei territori, di Giulia Agresti

Diamoci una mano: promuovere la cittadinanza attiva nei territori, di Giulia Agresti

creato da D. — ultima modifica 15/09/2015 10:54
Il progetto consente ai soggetti coinvolti di sviluppare nuove capacità e di rendere un servizio utile .alla comunità. L’iniziativa coinvolgerà i cittadini soprattutto nei settori della tutela dei beni culturali e paesaggistici

Grazie al contributo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e al sostegno dell’Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) prende vita il progetto “Diamoci una mano”. L’iniziativa ha durata biennale ed è finalizzata ad un maggiore coinvolgimento dei cittadini, beneficiari di misure di sostegno al reddito, in attività di cura e riqualificazione della propria città.

Diamoci una mano” punta avalorizzare il coinvolgimento attivo della persona. Il protocollo d’intesa, che dà vita al progetto, è stato firmato lo scorso 28 gennaio dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, dal presidente dell’Anci Piero Fassino e dal portavoce del Forum nazionale del terzo settore Pietro Barberi. L’iniziativa prevede che, chi beneficiasse di misure di sostegno al reddito, potrà svolgere un’attività di volontariato in favore del proprio comune di residenza. Tali attività saranno organizzate e guidate da organizzazioni di terzo settore, comuni ed enti locali. Per avviare concretamente questo progetto ed assicurarne una buona riuscita, è necessario che i comuni e le associazioni coinvolte forniscano ai cittadini ogni informazione utile sulle finalità e le modalità di funzionamento di questo progetto. A tal fine l’Anci si impegna a favorire, da parte delle amministrazioni comunali, la realizzazione di numerose iniziative.

L’idea alla base del progetto

Coloro che sceglieranno di impegnarsi in attività di cura e rigenerazione della città riceveranno in cambio una certificazione delle competenze acquisite in modo che i volontari le possano riutilizzare nella ricerca di un nuovo impiego. La copertura assicurativa, garantita ai cittadini che decidono di partecipare, verrà attivata dall’Inail e gli oneri ad essa relativi saranno sostenuti da un fondo creato ad hoc, che come il progetto, avrà durata biennale. Una volta accertata la disponibilità del soggetto e verificata la sua rispondenza ai requisiti richiesti, l’organizzazione di terzo settore potrà quindi richiedere all’Inail l’attivazione della copertura assicurativa, garantita dal fondo istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Il decreto ministeriale che lo regola (90 del 2014), disciplina le modalità di utilizzo del fondo, stabilendo anche i requisiti necessari per poter beneficiare della copertura assicurativa. In concreto, può accedervi chi beneficia di alcune misure di sostegno al reddito, come per esempio i cassintegrati o chi gode di un’integrazione salariale. I volontari interverranno in specifici settori tra i quali la Protezione civile, l’ambiente, la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale delle città. Il presidente dell’Anci Piero Fassino ha sottolineato il valore morale del progetto “Diamoci una mano” che consente ai soggetti coinvolti non solo di sviluppare nuove capacità, ma anche di rendere un servizio utile alla comunità.

fonte: www.labsus.org, 23.02.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.