Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Diamoci una mano: promuovere la cittadinanza attiva nei territori, di Giulia Agresti

Diamoci una mano: promuovere la cittadinanza attiva nei territori, di Giulia Agresti

creato da D. — ultima modifica 15/09/2015 10:54
Il progetto consente ai soggetti coinvolti di sviluppare nuove capacità e di rendere un servizio utile .alla comunità. L’iniziativa coinvolgerà i cittadini soprattutto nei settori della tutela dei beni culturali e paesaggistici

Grazie al contributo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e al sostegno dell’Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) prende vita il progetto “Diamoci una mano”. L’iniziativa ha durata biennale ed è finalizzata ad un maggiore coinvolgimento dei cittadini, beneficiari di misure di sostegno al reddito, in attività di cura e riqualificazione della propria città.

Diamoci una mano” punta avalorizzare il coinvolgimento attivo della persona. Il protocollo d’intesa, che dà vita al progetto, è stato firmato lo scorso 28 gennaio dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, dal presidente dell’Anci Piero Fassino e dal portavoce del Forum nazionale del terzo settore Pietro Barberi. L’iniziativa prevede che, chi beneficiasse di misure di sostegno al reddito, potrà svolgere un’attività di volontariato in favore del proprio comune di residenza. Tali attività saranno organizzate e guidate da organizzazioni di terzo settore, comuni ed enti locali. Per avviare concretamente questo progetto ed assicurarne una buona riuscita, è necessario che i comuni e le associazioni coinvolte forniscano ai cittadini ogni informazione utile sulle finalità e le modalità di funzionamento di questo progetto. A tal fine l’Anci si impegna a favorire, da parte delle amministrazioni comunali, la realizzazione di numerose iniziative.

L’idea alla base del progetto

Coloro che sceglieranno di impegnarsi in attività di cura e rigenerazione della città riceveranno in cambio una certificazione delle competenze acquisite in modo che i volontari le possano riutilizzare nella ricerca di un nuovo impiego. La copertura assicurativa, garantita ai cittadini che decidono di partecipare, verrà attivata dall’Inail e gli oneri ad essa relativi saranno sostenuti da un fondo creato ad hoc, che come il progetto, avrà durata biennale. Una volta accertata la disponibilità del soggetto e verificata la sua rispondenza ai requisiti richiesti, l’organizzazione di terzo settore potrà quindi richiedere all’Inail l’attivazione della copertura assicurativa, garantita dal fondo istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Il decreto ministeriale che lo regola (90 del 2014), disciplina le modalità di utilizzo del fondo, stabilendo anche i requisiti necessari per poter beneficiare della copertura assicurativa. In concreto, può accedervi chi beneficia di alcune misure di sostegno al reddito, come per esempio i cassintegrati o chi gode di un’integrazione salariale. I volontari interverranno in specifici settori tra i quali la Protezione civile, l’ambiente, la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale delle città. Il presidente dell’Anci Piero Fassino ha sottolineato il valore morale del progetto “Diamoci una mano” che consente ai soggetti coinvolti non solo di sviluppare nuove capacità, ma anche di rendere un servizio utile alla comunità.

fonte: www.labsus.org, 23.02.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.