Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Detenuti italiani: senza dignità, di Francesco Rosati

Detenuti italiani: senza dignità, di Francesco Rosati

creato da Denj — ultima modifica 15/09/2015 10:28
Presentato il IX Rapporto dell'Osservatorio Antigone sulle condizioni di detenzione in Italia: sovraffollamento, condizioni igienico-sanitarie disastrose, morti e suicidi.

 

Nel 2010 l'Osservatorio Antigone aveva denunciato che nel carcere romano di Regina Coeli, 600 posti di capienza regolamentare e più di 1000 detenuti, non funzionava il riscaldamento né tanto meno l'acqua calda. In due anni la situazione è tutt'altro che migliorata; casi come questo sono purtroppo all'ordine del giorno. A Milano, nel carcere di San Vittore, la condizione cronica di sovraffollamento delle celle impone di  stipare letteralmente letti a castello e brandine, persino davanti alle finestre, tanto che da aprile fino a ottobre queste vengono rimosse, anche perché non si riuscirebbe ad aprirle. A Poggioreale a Napoli, il più grande carcere italiano e uno dei più grandi e in peggiori condizioni d'Europa, si trovano fino a 18 detenuti per cella, costretti a stabilire dei turni per qualsiasi genere di attività: a fronte di 1347 posti, attualmente sono presenti più di 2600 detenuti. Nel gennaio 2010 era stato proclamato lo stato d'emergenza delle carceri italiane: a oggi si può dire che lo stato di emergenza è divenuto permanente. E' quanto emerge dal IX Rapporto dell'Osservatorio Antigone sulle condizioni di detenzione in Italia, presentato a Roma il 19 novembre scorso e intitolato "Senza dignità"; il lavoro di quest'anno è comprensivo anche di un documentario, "Inside Carceri" (visibile gratuitamente on line al sito: www.insidecarceri.com). Un tasso incredibile di sovraffollamento (142 per cento, ossia 140 persone ogni 100 posti), con punte del 268,8% (Mistretta, Sicilia) e 254,9% (Brescia Canton Bello). 20mila detenuti in più della capienza regolamentare.

Un detenuto su tre è straniero. Gli immigrati in carcere sul territorio italiano sono quasi 24mila, pari al 35,6 per cento dell'intera popolazione carceraria. Nonostante la cancellazione del carcere per il reato di clandestinità, la percentuale di stranieri è pressoché identica rispetto a due anni fa. Secondo Antigone, le cause sono da imputare al fallimento della Legge 199/2010, la cosiddetta "Svuota carceri" che prevedeva, per i detenuti con pena da scontare inferiore a un anno, la possibilità di scontarla agli arresti domiciliari. Al 31 ottobre 2012, solo 8200 su 66mila hanno beneficiato dell'opportunità di scontare il restante anno di pena in detenzione domiciliare. Il più evidente segnale di enorme disagio è rappresentato da un tasso di morti e suicidi a dir poco allarmante: dall'inizio dell'anno nelle carceri italiane si sono verificate 93 morti, delle quali almeno 50 sono suicidi. Il 30 per cento di chi ha deciso di togliersi la vita è rappresentato da stranieri. Secondo l'Osservatorio Antigone le priorità sono la riforma del Codice Rocco, ormai desueto e del tutto inadeguato, per sottrarre il carcere dalla sua posizione preminente nel sistema della pene. Altrettanto importante per l'abbassamento del numero dei detenuti, intervenire sulle tre leggi Fini-Giovanardi in materia di sostanze stupefacenti, la ex-Cirielli sulla recidiva e la Bossi-Fini sull'immigrazione, che costituiscono le tre maggiori fonti di afflusso nelle carceri italiane. Per restituire dignità ai detenuti. Perché, come dice un carcerato intervistato in "Inside Carceri": «Abbiamo sbagliato ed è giusto che paghiamo. E bisogna aver rispetto per le vittime dei nostri crimini. Ma in queste condizioni noi scontiamo la nostra pena non una, ma due tre infinite volte».
Fonte: www.famigliacristiana.it, 27.11.2012
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.