Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Dalla strada alla capanna di Betlemme

Dalla strada alla capanna di Betlemme

creato da webmaster ultima modifica 07/11/2015 19:33
17/10/2015 - Sono sette, in Italia, le comunità della Papa Giovanni XXIII che si occupano di cercare e accogliere i senza dimora. Oggi, nella Giornata contro la povertà, i volontari tornano a vivere in strada.

 

«Con i senza fissa dimora noi siamo alla pari: loro  sanno che viviamo come loro, che capiamo cosa vuol dire vivere e dormire in strada». Lo racconta Jonatha Ricci, coordinatore per la Condivisione di strada della Comunità Papa Giovanni XXIII, che vive nellaCapanna di Betlemme di Forlì, gomito a gomito con chi arriva dalla strada. «Io e i nostri giovani» , spiega, «non siamo operatori ma semplicemente viviamo con chi non ha un tetto, 24 ore al giorno. Io, per esempio, dormo con loro, mangio con loro, vivo gli stessi problemi».

Sono sette in Italia le Capanne di Betlemme. Sono case piuttosto spartane, per la prima accoglienza delle persone senza fissa dimora. La più antica è quella di Rimini, poi sono venute le altre.La caratteristica delle Capanne è la condivisione. Le ha volute così don Oreste Benzi, il fondatore della Papa Giovanni, e anche dopo la sua morte niente è cambiato nello spirito di accoglienza che le caratterizza.

I volontari non sono semplici operatori, in quanto condividono la vita con le persone che vengono accolte. Alcune anche in pianta stabile, altre per brevi periodi. Dalle Capanne poi, in alcuni giorni della settimana, i volontari partono per intercettare il bisogno di questi invisibili perché, come diceva don Oreste, «ci sono tanti poveri che non ci cercheranno mai, quelli li dobbiamo cercare noi».

 

SONO 140 I POSTI LETTO MESSI A DISPOSIZIONE IN ITALIA

Sotto i ponti, nelle stazioni, nei container abbandonati. E anche in questo caso, per avvicinarli e per conoscerli, i volontari praticano la strada della condivisione per poi persuaderli ad accettare ospitalità in una delle Capanne a disposizione.

A Chieti Luca Fortunato coordina la casa. «Vivo con 47 signori, fra i 50 e i 70 anni, il cui dramma è di aver perso il lavoro. Mancano loro pochi anni alla pensione e non riescono a riqualificarsi. Li abbiamo conosciuti per strada e gli abbiamo proposto di venire a stare da noi».

Sono  140 i posti letto in Italia che sono messi a disposizione dalla Papa Giovanni per l'ospitalità temporanea grazie ai volontari che scelgono di condividere la vita con i senza fissa dimora: 67.511 notti di accoglienza sono vissute ogni anno a Milano, dove le strutture sono due,  Cuneo, Bologna, Forlì, Rimini e Chieti. Le mense di strada di Roma, Torino e Milano dispensano un totale di 30.680 pasti all'anno.

 

OGGI, PER LA GIORNATA CONTRO LA POVERTÀ, I VOLONTARI TORNANO IN STRADA

Fra gli accolti ci sono giovani che sono finiti in strada per il gioco d’azzardo o per problemi di tipo relazionale, stranieri, ma anche semplicemente persone che si sono perdute a causa della solitudine.

Per la Giornata internazionale contro la povertà, che in Italia ricorda le persone senza fissa dimora, i volontari torneranno a vivere la strada: A Rimini, al fianco delle iniziative organizzate insieme alla Caritas diocesana; a Roma, partecipando all'iniziativa Miseria Ladra di Libera, a Milano unendosi alle iniziative del giornale di strada Terre di Mezzo, a Bologna con una festa nella Capanna di Betlemme di Castel Maggiore.

Fonte: famigliacristiana.it del 17/10/2015

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.