Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Dall’avvento del 5G al boom degli animali da compagnia, tutti i megatrend del 2020, da Il Riformista

Dall’avvento del 5G al boom degli animali da compagnia, tutti i megatrend del 2020, da Il Riformista

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 17/01/2020 20:11
Il rapporto Long-Term Megatrends dell’Italian Institute for the Future individua dieci fenomeni emergenti a partire da eventi, tendenze e segnali deboli dell’anno passato, frutto di un’attività di horizon scanning su base annuale…

I megatrend sono tendenze di vasta portata, che coinvolgono diversi settori (tecnologici, economici, sociali, demografici) e una vasta parte del mondo. Sono tendenze di lungo periodo, vale a dire che emergono e si sviluppano nel corso di decenni, diversamente dai normali trend che durano pochi anni o spesso anche solo pochi mesi. Questi report, al contrario, si occupano di individuare, a partire da fenomeni, eventi e segnali deboli dell’anno appena passato, i nuovi, potenziali megatrend emergenti.

Il primo tema del rapporto è il decoupling di Internet, ossia la tendenza a un disaccoppiamento tra il World Wide Web come lo conosciamo a trazione americana e un analogo russo. La “sovranità digitale” sta diventando infatti un’esigenza strategica primaria, dal momento che fino a oggi usare Internet significa connettersi a un’infrastruttura ospitata negli USA, Mentre la Cina, attaverso Huawei, punta all’agemonia sull’infrastruttura 5G e al sovranismo digitale, con conseguenze tutte da esplorare.

Il secondo trend riguarda il divario tra città e provincia, non nuovo, il quale si è acuito a partire dalla Grande Recessione iniziata nel 2008, alimentando risentimento e frustrazione nella parte più economicamente e socialmente fragile dell’Occidente. Quel che c’è di nuovo è che questo divario tra mondo urbano e mondo provinciale sta aumentando a tal punto da diventare la nuova linea di faglia politica, sostituendo quella tradizionale tra destra e sinistra a cui gli ultimi duecento anni circa ci hanno abituato. Di conseguenza, la provincia e le aree rurali negli Stati Uniti, in Francia, in Italia, nel Regno Unito e ora anche in molti paesi non-occidentali votano in maniera diametralmente opposta rispetto alla tendenza delle grandi città.

Il terzo trend vede al centro le sostanze psichedeliche. I trial clinici in corso negli Stati Uniti, dove la psilocibina viene sperimentata per il trattamento della depressione maggiore resistente alle terapie convenzionali, hanno infatti fornito risultati superiori alle aspettative. Le sostanze psichedeliche, a lungo messe al bando e trattate alla stregua di droghe pesanti, potrebbero presto entrare a pieno diritto nel mercato farmaceutico mondiale per i loro positivi effetti nel trattamento sia della depressione che di altri disturbi mentali, come dimostrano le sperimentazioni cliniche degli ultimi anni, al punto da parlare di un autentico “rinascinamento psichedelico“. Le applicazioni delle sostanze psichedeliche ai disturbi neurologici potrebbero essere numerosissime: oltre ai disturbi già citati, diverse sperimentazioni hanno già dato risultati molto positivi per il distress dei malati oncologici, per la dipendenza da alcol e nicotina, per lo stress post-traumatico. A tale riguardo, i ricercatori sottolineano che l’uso di queste sostanze va sempre affiancato a un percorso psicoterapeutico.

Il quarto ambiente è al centro degli interessi militari. C’è una nuova corsa agli armamenti in atto, questa volta di tipo “spaziale”. Le armi anti-satelliti rappresentano un rischio ormai noto, a cui si aggiunge la nuova sfida dei missili ipersonici. È contro di essi che gli Stati Uniti hanno appena varato la nuova U.S. Space Force, seguiti dalla Francia e (forse) dall’Italia. Le sfide dei missili ipersonici sono molteplici, non solo per la loro capacità di sfuggire agli attuali sistemi di difesa missilistici: richiedono infatti nuovi processi di decision making a causa dei tempi di risposta molto brevi. Ciò favorirebbe il rischio di un’escalation nucleare.

Il quinto trend si basa sulla crescita del divario tra le generazioni, con i Millennials e la generazione Z che accusano matures e boomers di aver “occupato il futuro”. La strutturazione del voto in coorti d’età dimostra che i giovani chiedono una rottura netta col passato e autorizzano a immaginare scenari simili a quelli che si videro dopo il 1968. La situazione attuale aggiunge al quadro un componente inedito, ovvero la percezione dei giovani che le generazioni più anziane abbiano dilapidato il loro patrimonio futuro, sia in termini economici che ambientali, a causa di un modello di crescita economica insostenibile sul lungo periodo. È a questo che si riferiscono le accuse di Greta Thunberg e del movimento Fridays for the Future: il pericolo percepito di un orizzonte futuro inesorabilmente precluso perché già esaurito e dilapidato, una sorta di violazione del patto intergenerazionale a favore delle possibilità delle generazioni a venire.

Il sesto trend riguarda il dibattito sul Green New Deal americano, formula subito copiata dall’Europa e dall’Italia, il quale suggerisce che nei prossimi anni le strategie nei confronti del cambiamento climatico inizieranno a includere anche nuove politiche economiche sostenibili. L’orientamento emergente che la formula Green New Deal suggerisce riguarda la stretta interrelazione tra sviluppo economico e decarbonizzazione: anziché considerare, come si è fatto finora, l’emergenza climatica un problema meramente tecnico-scientifico, cresce l’attenzione sul legame tra modelli insostenibili di crescita economica e devastazione dell’ambiente e del clima, puntando all’adozione di nuove politiche a favore della sostenibilità.

Nel 2019 Google ha annunciato di aver raggiunto la supremazia quantistica, tappa fondamentale nella corsa al computer quantistico, a sua volta obiettivo strategico per la gara mondiale all’intelligenza artificiale. C’è ancora molta strada da fare ma si apre una nuova era dell’informatica. Numerosi restano infatti i problemi ancora da risolvere sul versante tecnologico, in particolare quello della decoerenza, ossia dell’interferenza dell’ambiente esterno che provoca la scomparsa della sovrapposizione nei processori quantistici, producendo gravi errori di calcolo.

Il settimo trend sottolinea l’aumento dello scioglimento dei ghiacci, l’Artico è sempre più al centro di interessi economici e politici. Nuove rotte commerciali, nuovi collegamenti Internet, nuove tratte crocieristiche, nuovi giacimenti petroliferi, ma anche una crescente competizione politica tra Stati Uniti e Russia sono tra le conseguenze dei prossimi anni.

In tutto il mondo a partire dal 2016 sono aumentati gli attentati a opera di occidentali imbevuti del mito del “suprematismo bianco“, che prendono di mira neri, ispanici, musulmani ed ebrei. Alla base c’è la diffusione di teorie del complotto sulla “sostituzione etnica” che alcuni governi non fanno che alimentare. Anche l’ultimo rapporto sul terrorismo in Europa dell’Europol, pur sottostimando significativamente il fenomeno, evidenzia un aumento costante degli arresti legati al terrorismo di estrema destra nell’ultimo triennio, una minaccia considerata in crescita nell’Unione Europea.

L’ultimo trend invece si concentra su un vero e proprio boom degli animali da compagnia, un mercato che solo nell’ambito del food raggiungerà nel 2025 i 200 miliardi di dollari e che in Europa è trainato dall’Italia, dove il 60% dei nuclei familiari possiede un animale domestico. La pet economy è un’opportunità finanziaria ma al tempo stesso l’aumento degli animali domestici può rappresentare una minaccia per la fauna selvatica.

https://www.ilriformista.it/dallavvento-del-5g-al-boom-degli-animali-da-compagnia-tutti-i-megatrend-del-2020-32903/2/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 116.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 116
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: La coppia

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?) in preparazione.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.