Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Dai codici al web, di Giuseppe Ferrara

Dai codici al web, di Giuseppe Ferrara

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 13:05
Per riflettere ancora sul tema dei libri, affrontato nel n.72 di Cercasi un fine

 

Il libro, oggetto di uso comune, nel corso della sua storia non ha avuto sempre lo stesso aspetto fisico e lo stesso significato comunicativo e, probabilmente e inesorabilmente, continuerà a cambiare forma e significati con il progredire dell’informatica.

Per molti secoli, dall’antichità romana fino all’alto medioevo ha avuto la forma di un rotolo ed era manoscritto. Solo all’inizio del XIII secolo, con la scoperta della carta, comincia ad avere una fisicità simile a quella del libro tipografico, ma la produzione, continuando a essere manuale, anche se prodotta in più copie, rendeva questi pezzi unici, preziosi e costosissimi. Il manoscritto, prodotto su commissione per soddisfare le esigenze del committente, sicuramente non era alla portata di tutti, rendendo per forza di cose, la diffusione della cultura estremamente limitata, legata al censo e ai centri di produzione e potere culturali.

La comparsa del primo libro a stampa fu un’importante novità, anche se apparentemente simile ai codici miniati: aveva la stessa forma, identico supporto ed era rivolto allo stesso pubblico di fruitori.

Nell’arco di circa 50 anni il libro inizia a divenire un prodotto industriale stampato in serie, non più copiato, non più scritto su commissione e con la  necessita di essere venduto; per questo motivo si sente l’esigenza di una presentazione pubblicitaria che ne sveli il contenuto: compare il frontespizio con il titolo, l’autore e il nome dello stampatore, al contrario dei manoscritti dove non esisteva il frontespizio perché il committente conosceva già benissimo il libro che aveva ordinato.

Con la riforma luterana la tecnica di stampa tipografica dimostra tutto il suo potenziale rivoluzionario: Lutero riesce a propagandare le sue diciassette tesi in tutta la Germania in soli sei mesi grazie ai fogli volanti stampati e affissi sulle porte delle chiese. Il potere politico, di conseguenza, s’interessò sempre più di questo strumento formidabile di propagazione di idee, tanto da preoccuparsi di controllarne il contenuto; nascono nel XVI secolo i vari indici di libri proibiti e quasi contemporaneamente l’introduzione di garanzie che validavano la liceità del contenuto come la dedicatoria, l’imprimatur, il privilegio, ecc., e di conseguenza anche pratiche opposte quali il falso luogo di stampa per sfuggire al controllo delle autorità. In questa epoca inizia il collezionismo librario con la creazione di raccolte relativamente omogenee caratterizzate da legature lussuose ed elaborate.

Già all’inizio del XVII secolo compaiono i primi cataloghi di vendita all’asta che testimoniano la rarità dei libri più antichi o di quelli più moderni stampati in un numero limitato di copie. In ogni caso, il libro tipografico rimane immutato fino al XVIII secolo quando cambia il modo di produrre la carta e subisce una svolta ulteriore nella prima metà del XIX secolo con la comparsa della linotype. Si tratta di miglioramenti tecnologici che, impiegando le macchine al posto del lavoro umano, permettono un incremento della produzione libraria e di conseguenza una più capillare e semplice diffusione di informazioni e cultura.

L’ultimo processo tecnologico conosciuto dal libro è stato la composizione elettronica. Di tutti questi passaggi tecnologici il lettore non ha avuto piena consapevolezza, in quanto alla fine si è trovato sempre un libro tra le mani, ma negli ultimi tempi, con il passaggio dal libro cartaceo a quello elettronico, il lettore non può non accorgersi della discontinuità. Il libro cessa di essere un oggetto tangibile e, per certi versi desiderabile, e diventa un file impalabile. Il libro elettronico porterà nell’immediato futuro al ridimensionamento di alcuni generi letterari, come le enciclopedie e i dizionari, perché internet permette un accesso diretto e veloce alle più disparate banche dati.

È anche probabile che molti testi scolastici e universitari in futuro potranno essere sostituiti da file pdf prodotti dai professori e stampati dagli studenti con conseguente ridimensionamento degli editori; inoltre oggi è già possibile autoprodursi il proprio libro dal testo alla distribuzione, passando per la stampa, utilizzando numerosi servizi editoriali, ISBN incluso, offerti su internet. Si realizzerebbe in tale maniera un contatto diretto tra autore e lettore che porterebbe a un accorciamento della catena del libro.

Il futuro non sembra roseo per l’editoria classica e neanche per i libri usati e di antiquariato (i libri di oggi che saranno antichi domani) per motivi non solo legati alla diffusione dell’editoria elettronica, ma anche alla scadente qualità del supporto cartaceo dei libri ancora prodotti in modo industriale. Infatti, la carta utilizzata oggi ha caratteristiche chimiche che la rendono particolarmente fragile, deteriorabile e inadatta alla conservazione nei secoli. In altri termini, si rischia, a fronte di tirature elevatissime, la perdita fisica tra non più di 150 anni dei testi stampati oggi. In questo caso sarà il solo supporto elettronico l’unica fonte virtuale di conservazione dei testi e, di conseguenza, delle idee.

[l'autore è medico, redazione di CuF, Bari]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.