Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Da Conte a Biden: la politica che (non) si rinnova, di Rocco D’Ambrosio

Da Conte a Biden: la politica che (non) si rinnova, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/01/2021 10:09
A parte il nome di battesimo in comune, altri paralleli e convergenze sono tutte da cercare, per il passato, e da costruire, per il futuro. Non parliamo di persone, ovviamente, ma di politica, tra pandemia e crisi economica, e tant’altro…

Nel giro di poche ore siamo passati dalla diretta dal Senato italiano, con Giuseppe Conte, al giuramento di Joseph Robinette Biden Jr.. A parte il nome di battesimo in comune, altri paralleli e convergenze sono tutte da cercare, per il passato, e da costruire, per il futuro. Non parliamo di persone, ovviamente, ma di politica, tra pandemia e crisi economica, e tant’altro.

Il “Democracy Index – The Economist” pone gli Stati Uniti al 25° posto e l’Italia al 35°, ambedue non tra le democrazie piene (full) ma tra quelle difettose, danneggiate (flawed). A ognuno i suoi panni danneggiati e sporchi da lavare: non c’è dubbio che sono tanti! Alcuni simili, altri no. Riusciranno gli esecutivi interessati a salire in classica verso una democrazia più piena? Risposta difficilissima. La risposta, tuttavia non sta tanto nei discorsi inaugurali, quanto nelle pieghe delle scelte politiche, nell’allocazione delle risorse, nelle scelte culturali, nei fondi per scuola e università, nelle politiche per il lavoro e in quelle sociali e sanitarie. La politica è un campo ampio e complesso. Parlare di salute, scuola, università e lavoro non è un richiamo retorico, né tantomeno un riferimento solo alla crisi attuale. È ben di più. La lezione aristotelica – con alcuni limiti storici e concettuali – ha ancora il valore di bussola nell’orientare il rinnovamento delle nostre democrazie. In particolare: Aristotele afferma che la città nasce per garantire la buona vita, la vita felice e chi in essa detiene il potere è costituito per creare le condizioni della buona vita, cioè il bene pubblico o comune, nella piena giustizia. Altrimenti la comunità degenera. È qui il criterio fondamentale per leggere tutte le degenerazioni democratiche attuali.

Il concetto di degenerazione, in Aristotele, procede di pari passo con l’identificazione della città migliore, cioè quella città dove la natura umana si può attuare al meglio. Le caratteristiche di questa sono tre: educazione dei cittadini, costituzione legislativa e amministrazione pratica; tutti aspetti che si devono distinguere per la loro eccellenza, altrimenti la democrazia degenera. Ancora più chiaramente va detto che oggi non ci può essere buona politica se mancano tre elementi.
Un rinnovato impegno educativo: scuola, università e media necessitano di fondi, linee guida e politiche per educare, altrimenti ignoranza, rabbia, volgarità, corruzione e populismo cresceranno ancora più.

Il rinnovamento istituzionale nel quadro costituzionale: le riforme vanno fatte, subito, bene e senza personalismi e interessi di bottega. In casa nostra: senza una seria legge elettorale non ci sarà mai autentica rappresentanza e fondata stabilità dell’esecutivo.
L’amministrazione pratica, gli anglosassoni le chiamano policies. In Parlamento, come nel Governo e nelle Regioni, abbiamo parecchi politici che hanno perso il contatto con la realtà, vivono nel mondo dei loro piccoli (e alcune volte sporchi) interessi, spesso con un IO ingombrante che si sazia solo di follower e consensi. Due esempi: alcuni parlano di DAD ma non hanno la più pallida idea del peso, di questo tipo di didattica, su studenti, docenti e genitori; oppure altri parlano di ospedali e non hanno mai ascoltato le testimonianze di chi ci lavora o ci soffre, oggi, negli ospedali.

Da poco è finito il discorso di Joe Biden, come 46° presidente degli Stati Uniti. Seguendolo ho notato la capacità di intrecciare parole, ferme e precise, a emozioni, forti e sentite. C’è sempre una possibilità per la democrazia, che è “debole e fragile”, ha appena detto. Ha anche fatto riferimento alla possibilità che deve prima aprirsi nell’interiorità di ognuno; rifiutare ogni manipolazione della verità, costruire unità. “Lo so – ha detto Biden – parlare di unità può sembrare una folle fantasia in questi giorni. So che le forze che ci dividono sono profonde e reali. E so anche che non sono una novità. Ma l’unità è l’unica strada per andare avanti”.

 

https://formiche.net/2021/01/conte-biden-politica-che-non-si-rinnova-dambrosio/

Azioni sul documento
  • Stampa
Presentazione del libro "Il Potere. Uno spazio Inquieto" di Rocco D'Ambrosio

Giovedì 12 agosto 2021 alle ore 19:00 - Piazza Adua, Cassano delle Murge (BA)

Giovedì 12 AGOSTO 2021 dalle ore 19:00
Piazza Adua, Cassano delle Murge (BA)

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.