Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Criminalità organizzata e corruzione: tra il dire e il fare, di Giovanni Maria Flick

Criminalità organizzata e corruzione: tra il dire e il fare, di Giovanni Maria Flick

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 17/09/2018 09:45
Serve "uno sforzo per la cultura della reputazione, della vergogna e della legalità"…

Da qualche tempo il tema della lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione sembrava sostituito da altri (l’immigrazione, le nazionalizzazioni, il conflitto con l’Europa) nel dibattito mediatico e politico, tranne il richiamo di qualcuno all’emergenza che esso rappresenta tuttora per il nostro paese. Quel tema affiora ora nella polemica sulle concessioni e sui disastri come il crollo del ponte Morandi a Genova, con l’ombra della corruzione. Perciò si preannunciano per quest’ultima interventi nuovi e risolutivi: l’ennesimo aumento delle pene per i responsabili e anche per l’impresa interessata (se si riuscirà ad applicarle); il Daspo (che però esiste già dal 1981 con successive modifiche, nel divieto temporaneo di contrattare con la pubblica amministrazione che oggi diverrebbe perpetuo di diritto o di fatto, per evitare censure di incostituzionalità); l’agente “sotto copertura” (anch’esso già previsto in altri casi e molto discutibile, se si volesse invece trasformarlo in un “agente provocatore”); un “premio” per il corrotto o corruttore “pentito” che confessi prima di essere scoperto e restituisca il maltolto; l’applicazione delle norme sulla trasparenza ai partiti politici e alle fondazioni ex bancarie.

Già si parla di modifiche in Parlamento della proposta del Governo, che ha incontrato dissensi fra le due componenti della maggioranza e ha registrato sia approvazioni che critiche di eccessivo rigore o al contrario di lassismo fra gli addetti ai lavori. Essa è stata presentata con qualche enfasi come una rivoluzione nella lotta alla corruzione, uno “spazza-corrotti”. Si vedrà alla prova dei fatti, ricordando che prima di applicare le sanzioni occorre individuare e condannare in via definitiva i responsabili, prescrizione permettendo; ricordando che è importante a tal fine rompere il vincolo di omertà e segretezza tra corruttore e corrotto. Quella proposta forse offre l’occasione – nel contesto di una giustizia notoriamente paralizzata – per riflettere brevemente sul modo di reagire di fronte a Mafiacity e a Tangentopoli: due mali endemici (ben prima delle stragi di Capaci e di via D’Amelio e di Mani Pulite) per la vita del nostro paese, per la crisi nel suo sviluppo, per il rapporto fra diritto, economia e politica. Entrambi quei mali incidono pesantemente sulla capacità di attrarre investimenti esteri e sulla competitività; provocano ingenti aumenti dei costi e sprechi di risorse; inquinano con il denaro sporco l’economia e l’impresa legale; corrodono alla base la fiducia e il senso della legalità.

I due tipi di criminalità – organizzata e corruttiva – si saldano strettamente. Dove non basta il ricorso alla violenza e all’intimidazione della prima, soccorre quello alla forza di persuasione della seconda e viceversa; presentano aspetti (l’omertà) e obiettivi (il profitto illecito) comuni. Si giustifica così l’utilizzo entro certi limiti degli stessi strumenti di contrasto nei loro confronti; non si giustifica invece la loro asserita identità e sovrapposizione, perché la criminalità organizzata si fonda sulla violenza e la corruzione sullo scambio illecito.

Per questo la pericolosità della criminalità organizzata è avvertita ben più di quella della corruzione. Solo ora – in tempi di crisi e di globalizzazione dei mercati – si guarda con preoccupazione alla corruzione: più a quella percepita che a quella reale di cui è difficile conoscere gli effettivi costi e dimensioni. Ne è conferma lo sviluppo ben più marcato e incisivo della azione di contrasto alla criminalità organizzata nei venticinque anni trascorsi a partire dal 1992: le misure di prevenzione patrimoniale; i relativi strumenti di indagine; i maxiprocessi; le videoconferenze; il codice antimafia etc. Invece l’azione di contrasto alla corruzione – nonostante i reiterati buoni propositi – è iniziata in pratica soltanto a partire dal 2012: con l’inasprimento reiterato delle pene; con il codice degli appalti e i suoi problemi; con l’istituzione di una autorità anticorruzione tuttofare; con l’introduzione di nuovi reati, come la corruzione per l’esercizio della funzione, quella per induzione, il traffico di influenze; con la previsione di una serie di obblighi e di controlli prevalentemente burocratici, formali e fra loro sovrapposti; con l’imposizione a tappeto di una trasparenza altrettanto formale. I risultati non sono stati particolarmente brillanti, a giudicare dalla reiterazione dei fatti di corruzione; i controlli burocratici rischiano di intralciare inutilmente l’attività imprenditoriale.

I due tipi di criminalità – organizzata e corruttiva – si saldano strettamente. Dove non basta il ricorso alla violenza e all’intimidazione della prima, soccorre quello alla forza di persuasione della seconda e viceversa; presentano aspetti (l’omertà) e obiettivi (il profitto illecito) comuni. Si giustifica così l’utilizzo entro certi limiti degli stessi strumenti di contrasto nei loro confronti; non si giustifica invece la loro asserita identità e sovrapposizione, perché la criminalità organizzata si fonda sulla violenza e la corruzione sullo scambio illecito.

Per questo la pericolosità della criminalità organizzata è avvertita ben più di quella della corruzione. Solo ora – in tempi di crisi e di globalizzazione dei mercati – si guarda con preoccupazione alla corruzione: più a quella percepita che a quella reale di cui è difficile conoscere gli effettivi costi e dimensioni. Ne è conferma lo sviluppo ben più marcato e incisivo della azione di contrasto alla criminalità organizzata nei venticinque anni trascorsi a partire dal 1992: le misure di prevenzione patrimoniale; i relativi strumenti di indagine; i maxiprocessi; le videoconferenze; il codice antimafia etc. Invece l’azione di contrasto alla corruzione – nonostante i reiterati buoni propositi – è iniziata in pratica soltanto a partire dal 2012: con l’inasprimento reiterato delle pene; con il codice degli appalti e i suoi problemi; con l’istituzione di una autorità anticorruzione tuttofare; con l’introduzione di nuovi reati, come la corruzione per l’esercizio della funzione, quella per induzione, il traffico di influenze; con la previsione di una serie di obblighi e di controlli prevalentemente burocratici, formali e fra loro sovrapposti; con l’imposizione a tappeto di una trasparenza altrettanto formale. I risultati non sono stati particolarmente brillanti, a giudicare dalla reiterazione dei fatti di corruzione; i controlli burocratici rischiano di intralciare inutilmente l’attività imprenditoriale.

Mafiacity e Tangentopoli si collocano entrambe nel territorio esteso di Nerolandia. In esso la mancanza di trasparenza effettiva (si pensi alla soppressione di fatto e alla reintroduzione tardiva dell’incriminazione per falso in bilancio; alle carenze più volte denunziate del diritto penale societario e fallimentare); l’evasione fiscale; la globalizzazione degli scambi e dei mercati; la molteplicità e diversità di fonti normative e giurisprudenziali (il c.d. multilevel) rendono sempre più difficile la tracciabilità del denaro (da dove proviene e dove va). La tracciabilità è però essenziale per individuare il duplice obiettivo della criminalità organizzata e di quella corruttiva: consentire la conservazione e il reinvestimento del denaro frutto di attività criminale; trasformare in impresa lecita quella illecita che produce quel denaro e se ne alimenta.

Un problema essenziale da risolvere per contrastare la criminalità organizzata è rappresentato dal c.d. secondo livello: quello degli insospettabili. La loro professionalità, esperienza e rispettabilità consente di far circolare, lavare ed investire il denaro sporco, attraverso istituti di credito, società finanziarie, professionisti non sempre e non necessariamente consapevoli della realtà in cui e per cui operano.

È il problema del c.d. concorso esterno nell’associazione di tipo mafioso senza fare parte di quest’ultima, ma prestando ad essa un aiuto consapevole e causalmente determinante. Qualcuno (compresa la Corte CEDU di Strasburgo) mette in dubbio la sua punibilità in mancanza di una previsione normativa specifica; tuttavia a molti essa non sembra necessaria poiché in realtà la punibilità si fonda sull’interpretazione e sull’applicazione di norme generali del codice penale.

Per la corruzione, un profilo problematico è rappresentato dalla tendenza a ricomprendere in essa la c.d. maladministration: una sorta di corruzione colposa che affiancherebbe quella tradizionale, dolosa. È una tendenza in qualche modo favorita dalla imprecisione nella definizione legislativa della condotta corruttiva, dovuta anche alla molteplicità delle fonti normative (quella nazionale e quelle convenzionali e sovranazionali). Rischia di dilatare eccessivamente la portata dell’incriminazione e di complicarne l’interpretazione.

Un altro profilo problematico della corruzione – nel contesto della sua internazionalizzazione in un mercato globale – è la riduzione sostanziale di essa ad un delitto contro la concorrenza. Quest’ultima è certamente danneggiata dalla corruzione; ma esasperando questa prospettiva si rischia, nel rapporto fra stati, di utilizzare la sua repressione come strumento per liberarsi di concorrenti stranieri scomodi, a favore dei propri imprenditori.

Infine, due aspetti problematici sono riferibili a entrambe le forme di criminalità. Il primo è rappresentato dalla sperimentata insufficienza di perseguire soltanto le persone fisiche per questi (e altri) delitti; e di “ignorare” le realtà giuridiche e imprenditoriali nell’interesse delle quali le persone fisiche agiscono. Sulla base di impegni internazionali si è cercato di risolvere il problema chiamando l’impresa – ovviamente con la minaccia di sanzioni pecuniarie o interdittive adeguate – a rispondere del delitto commesso dai suoi dipendenti e/o dai vertici, se non prova di aver adottato una organizzazione e dei modelli in grado di impedire quel tipo di delitto. Le ambiguità e le difficoltà sperimentate nell’applicazione di questo rimedio – modulato soprattutto sulla esperienza di oltreatlantico – hanno impedito di ottenere risultati soddisfacenti nel suo primo quindicennio di vita, a dire degli stessi magistrati chiamati ad applicarla.
Il secondo aspetto problematico – soprattutto per la corruzione – è rappresentato dalla scarsa efficacia di una repressione la quale, nonostante la minaccia di una pena in teoria sempre più elevata, è in pratica vanificata dai tempi lunghissimi della nostra disastrata giustizia penale e dallatagliola della prescrizione. Non si era offerta sino ad ora alcuna “agevolazione” – prevista invece per il terrorismo e per la criminalità organizzata – al corrotto o al corruttore pentito per superare il muro dell’omertà. Si è invece prevista una punizione (attenuata) anche per il corruttore “indotto” o “quasi costretto” a pagare la tangente: in una condizione quindi vicina alla concussione, di vittima e al tempo stesso di responsabile del delitto.

Forse per questo in carcere si incontrano pochissimi colletti bianchi che scontano una pena definitiva per corruzione, a differenza di altri paesi come la Germania e gli Stati Uniti. Certamente per questo lo stato ha scelto con molta decisione la via della prevenzione, ispirandosi anche in questo caso a modelli di oltreoceano ed al sistema del bastone e della carota. In un primo momento in cambio della immunità si è chiesto all’impresa di collaborare; poi le si è chiesto di sostituirsi in pratica all’autorità nelle indagini e nella individuazione del colpevole (secondo qualcuno, del capro espiatorio o della testa di legno); infine le si è chiesto di accettare l’estromissione totale o parziale dalla gestione, affidata a consulenti del pubblico ministero. Una sorta di negoziazione non consentita dalla previsione costituzionale di obbligatorietà dell’azione penale; un percorso che accentua molto, con qualche perplessità, la via del sospetto e della inversione dell’onere della prova, con garanzie minori di quelle della repressione ed anch’essa non coerente con il nostro sistema penale costituzionale.

I risultati non particolarmente brillanti dell’azione di contrasto alla corruzione ottenuti, suggeriscono perciò di provare a seguire un metodo in parte diverso. Esso venne avviato venti anni fa per affrontare la crisi della giustizia; poi venne abbandonato ritornando al metodo tradizionale degli interventi spot, frammentari, disorganici, legati a stimoli contingenti o molte volte elettorali. Era il metodo di un intervento coordinato e globale sui diversi fronti del pianeta giustizia: dall’organizzazione dei mezzi al personale, al processo, alla esecuzione della pena e della sentenza civile; dal “modo” di esercitare giustizia al “contenuto” di essa, attraverso l’equilibrio fra efficienza, rapidità e garanzie.
Applicare questo metodo al tema della corruzione e della criminalità organizzata significa abbandonare il ricorso agli interventi spot. Significa muovere dalla educazione alla legalità – quindi al valore della reputazione e della vergogna – per “salire” prima all’etica imprenditoriale e ai relativi codici di autoregolamentazione; poi all’osservanza delle regole amministrative del mercato e di quelle civilistiche della gestione dell’impresa ed ai rispettivi strumenti di controllo (che vi sono e sono molteplici, nella autorità di vigilanza e nella corporate governance). Soltanto dopo di questo percorso si può giungere prima alla media ratio della prevenzione, fondata sulla pericolosità delle persone o dei beni (denaro o droga pesante, armi etc.); poi alla extrema ratio della repressione penale, attraverso il ricorso ai c.d. reati sentinella, al delitto di riciclaggio e a quello di corruzione sul piano sostanziale ed attraverso gli strumenti idonei di investigazione, come la tracciabilità del denaro e le Altrimenti si rischiano disfunzioni; sovrapposizioni; complicazioni capaci di rendere ulteriormente difficile una gestione che già di per sé non è facile. Si rischia di utilizzare degli interventi formali, quando non inutili e più onerosi dei risultati che si ottengono con il ricorso agli interventi spot, come venne osservato dai vertici della Corte dei Conti nel 2017. È un metodo meno appariscente di quello seguito sino ad ora; ma potrebbe rivelarsi più utile e produttivo di risultati.

Resta molto da fare, prima di poter cantare vittoria. Mi sembra vada fatto con freddezza e ragionevolezza, senza troppa enfasi a parole, cominciando dalla base: uno sforzo per la cultura della reputazione, della vergogna e della legalità, dalla quale siamo ancora molto lontani nel nostro paese; senza attendersi soluzioni miracolistiche dalle grida manzoniane o addirittura dalla scomunica di mafiosi e di corrotti..

 

https://www.riparteilfuturo.it/blog/articoli/giovanni-maria-flick-italia-interrotta-incontro-alla-camera

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.