Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Covid e destre. La politica che perde tempo fa male e non trova consensi, di Marco Iasevoli

Covid e destre. La politica che perde tempo fa male e non trova consensi, di Marco Iasevoli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/09/2021 08:51
Con un ulteriore e colpevole sciupìo di tempo si innesca un gioco pericoloso, la cui redditività anche in termini di consenso è tutta da dimostrare nella pragmatica Italia del dopo-Covid…

Viene a volte da chiedersi se i leader delle destre italiane, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, abbiano davvero l’obiettivo politico di formulare una seria proposta per il governo del Paese o prevalga la molto meno ambiziosa preoccupazione di giocare coi consensi (anche marginali) per allungare le proprie carriere personali. 

La domanda, che certamente è anche una provocazione, nasce spontanea dai fatti degli ultimi giorni, ovvero dal tempo che si sta perdendo per assumere decisioni ovvie sul contenimento dell’epidemia: nell’immediato l’estensione del Certificato verde – quello che tutti ormai chiamano Green pass – per evitare la chiusura delle attività economiche e in prospettiva, se necessario, l’obbligo vaccinale.

A turbare e far esitare Salvini e Meloni sono movimenti minoritari no-vax che, in qualche frangia, hanno provato e ancora provano a trovare sbocchi violenti e minacciosi. È davvero difficile capire cosa abbiano a che fare con queste correnti estreme i capi di partiti che rivendicano una cultura di governo e che già si esercitano – con tutt’altre parole d’ordine – nell’amministrazione di Regioni e Comuni. 

Correnti estreme che si possono anche 'pompare' e strumentalizzare in tempo elettorale, ma che poi si abbattono con potenza come un boomerang proprio contro chi le utilizza, come insegna quanto accaduto al M5s. Con un ulteriore grave effetto collaterale: si rischia di perdere la fiducia non solo del voto-zizzania, ma anche del voto-grano che nel frattempo resta spiazzato da incertezze politiche su concetti basilari.

Tra i governanti e politici europei vicini alle sensibilità politiche di Salvini e Meloni o, quantomeno, molto distanti dalla sinistra 'chiusurista', si sta ben attenti a non mettere il cappello sullo strano intruglio no-vax. D’altra parte, quando si asseconda qualsiasi tendenza che muove i sondaggi dello zerovirgola, senza vagliarla e discernerla nella più grande categoria della responsabilità, si rischia di perdere credibilità e affidabilità sia a livello interno sia, soprattutto, internazionale. 

Si diventa, per utilizzare una parola entrata nella storia recente del Paese, unfit: inadatti a governare. Un’etichetta che non si lava via facilmente. L’ultimo esempio illuminante per le destre italiane viene dal popolare (molto conservatore) austriaco Sebastian Kurz, che non ha esitato ad annunciare che eventuali nuovi lockdown riguarderanno solo i non vaccinati.

Mentre il magiaro Viktor Orbán, conteso da Salvini e Meloni nella prospettiva di una nuova formazione europea a metà strada tra Ppe e anti-europeisti, da settimane è partito con le terze dosi, anche per riparare alla fretta con cui si era affidato, fuori dalla cornice Ue, al vaccino russo. 

Certo il discorso per Meloni e Salvini va differenziato. La leader di FdI è all’opposizione e fa il 'suo gioco' specie in vista delle amministrative, in cui vuole collezionare tutte le sacche di dissenso all’attuale esecutivo. Per il capo della Lega è diverso, perché i suoi tentennamenti frenano le decisioni del governo e della maggioranza dall’interno, provocando ritardi che, quando si parla di salute, possono costare vite. 

L’ultimo 'balletto' sul decreto Covid è sintomatico: alzare un muro contro lo strumento-chiave di questa fase, il Green pass, e poi ritirarsi di buon ordine quando si ritiene che sia passato il messaggio 'io ci ho provato, avete visto, sono loro che vi tolgono la libertà e se non ci fossi io ve ne toglierebbero di più'.

Sarà così, si può starne certi, anche sull’estensione del Pass e sull’eventuale obbligo vaccinale: contorsioni e poi il 'sì sofferto', con ulteriore e colpevole sciupìo di tempo. Un gioco pericoloso e la cui redditività anche in termini di consenso è tutta da dimostrare, nella pragmatica Italia del dopo-Covid. 

Un Paese che, piaccia o non piaccia, ha un parametro nuovo (e allo stesso tempo 'antico') nella cultura di governo: Mario Draghi. Tra l’altro Salvini ha scelto consapevolmente l’impegnativo parametro-Draghi, e ha anche scommesso, raccogliendo autorevoli consigli, sulla possibilità di partecipare a un 'dividendo' politico: nel suo caso l’accreditamento presso i 'moderati'. Non è chiaro se questo dividendo non interessi più a Salvini o se, semplicemente, richiede quei tempi lunghi che un 'leader veloce' non riesce a gestire.

 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/la-politica-che-perde-tempo-fa-male-e-non-trova-consensi

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.