Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Così l'Ue può impedire che Mediterraneo sia un cimitero, di Edoardo Petti

Così l'Ue può impedire che Mediterraneo sia un cimitero, di Edoardo Petti

creato da D. — ultima modifica 18/09/2015 21:37
Le proposte in uno studio della fondazione Icsa

La ricerca di una nuova ed efficace politica per il governo dei flussi migratori da parte dell’Unione Europea è percorsa da polemiche senza fine sul contenuto e le prospettive del programma “Triton”, che ha preso il posto dell’operazione “Mare Nostrum”.

Un bilancio fallimentare

Un confronto che viene arricchito dal contributo fornito dalla Fondazione “Intelligence, Culture and Strategic Analysis (Icsa). Il testo, intitolato “Dalla protezione delle frontiere alla salvaguardia della vita: allineare il diritto dell’Ue con quello delle Nazioni Unite”, punta a modificare le strategie delle istituzioni comunitarie e di molti paesi del Vecchio Continente riguardo al tema della salvaguardia della vita in mare.

La tutela della sopravvivenza delle persone in fuga da guerre, persecuzioni e carestie è clamorosamente assente nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo, rimarca la fondazione. E più volte è stata negata da numerosi Stati membri dell’Ue, nonostante il riferimento solenne alle libertà inalienabili proclamate in tutti i trattati fondamentali.

Il risultato di una strategia di respingimento compiuto spesso con il ricorso alla forza, e di rifiuto dell’accoglienza dei richiedenti asilo, è eloquente: nel 2014 il Mar Mediterraneo ha visto morire 3.419 migranti.

L’assenza di un obbligo vincolante

Una tragedia umanitaria in corso da tempo che ha ricevuto risposte del tutto inadeguate da parte di Bruxelles e della grande maggioranza dei governi europei. Che hanno concepito il tema in termini di sicurezza delle frontiere anziché di salvaguardia della vita umana. Ma che, con miopia e cinismo, ne hanno abbandonato la gestione a un unico Stato membro: l’Italia.

Eppure, ricorda il presidente della Fondazione Icsa Leonardo Tricarico, tutti i paesi aderenti all’Ue hanno sottoscritto accordi internazionali che prevedono il dovere di garantire l’incolumità in mare dei richiedenti asilo: “Il problema è che la firma non comporta alcun meccanismo sanzionatorio per chi rifiuta di realizzare l’assistenza”.

Una carenza clamorosa

La strada prospettata dal pensatoio politico e strategico consiste nell’adozione di vincoli giuridico-normativi per far rispettare un’elementare esigenza etica.

La Convenzione del 1950, rimarca il generale, è stata allargata ben 14 volte grazie a protocolli aggiuntivi che puntano a tutelare libertà come il diritto alla riservatezza e i ricongiungimenti familiari. “L’unico non ancora garantito è proprio la sopravvivenza mentre si fugge in mare da conflitti, fame, gravi violazioni umanitarie”.

“Rendere la Cedu competente per il soccorso in mare”

L’idea è introdurre un 15° protocollo in grado di colmare la lacuna e far rientrare l’obbligo di soccorso in mare nella giurisdizione della Corte europea per i diritti dell’uomo.

A qual punto i paesi che rifiutassero di assistere i profughi in pericolo potrebbero subire condanne e pagare un risarcimento adeguato.

“Governare i tragitti in mare come il traffico aereo”

Un passo logico successivo, evidenzia il presidente della fondazione, prevede la creazione di un’agenzia europea di ricerca e soccorso. “Realtà comunitaria costituita secondo standard tecnici e prestazioni di livello elevato per il salvataggio in mare. Ben più efficace rispetto al mero coordinamento del pattugliamento delle frontiere Ue esercitato dagli Stati membri”.

A giudizio di Tricarico si tratta di trasporre nel Mediterraneo ciò che attualmente avviene nei cieli: “L’autorizzazione per disciplinare il traffico aereo proviene da un organismo continentale presente a Bruxelles e chiamato Eurocontrol”.

Il ruolo dell’Italia

L’iniziativa prefigurata nel rapporto deve approdare nel Consiglio d’Europa. E può partire dal governo italiano: “Il quale potrebbe porsi alla testa delle istituzioni comunitarie in coerenza con i loro principi”.

Nel frattempo, a farsi carico di rilanciare la proposta a livello Ue è stato il gruppo socialista e democratico al Parlamento di Strasburgo.

È probabile, rileva l’ex capo di Stato maggiore dell’Aeronautica, che “singoli Stati porranno veti e tireranno calci a fronte della denuncia di comportamenti inqualificabili messi in luce dal nostro documento. Se proseguissero nell’atteggiamento di ostilità, l’Unione dovrebbe restituire il premio Nobel per la pace ricevuto nel 2012”.                                                                                                                                                  fonte: www.formiche.net, 25/03/2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.