Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Cosa sono gli F35 e perché costano tanto?

Cosa sono gli F35 e perché costano tanto?

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 17:56
L’Italia spenderà tra i 13 e i 17 miliardi di euro nel progetto della costruzione degli F-35, ma i costi aumentano. Il senato ha approvato una mozione proposta dalla maggioranza che non prevede la sospensione del programma, mentre ha bocciato una mozione che chiedeva l’interruzione dell’acquisto.
Cosa sono gli F35 e perché costano tanto?

Un F-35B a decollo rapido atterra a Yuma, in Arizona il 12 novembre 2012. (Reuters/Contrasto)

Il 16 luglio il senato ha approvato con 202 voti favorevoli, 55 contrari e 15 astenuti la mozione di maggioranza proposta da Partito democratico e Popolo della libertà. La mozione prevede di avviare un’inchiesta su efficacia e costi del programma militare Joint strike fighter, che porterà all’acquisto di 90 F-35, aerei da guerra di ultima generazione molto costosi. Inoltre la mozione impegna il governo a “a non procedere a nessuna fase di ulteriore acquisizione senza che il parlamento si sia espresso nel merito, ai sensi dell’articolo 4 della legge 31 dicembre 2012, n. 244″. Il senato ha bocciato, invece, la mozione firmata dai deputati di Sel e del Movimento 5 stelle, con la partecipazione di alcuni deputati del Pd, che chiedeva al governo italiano di interrompere la partecipazione al programma. La camera ha approvato la stessa mozione il 26 giugno.

Cosa sono gli F-35?
F-35 Lightening II è un programma militare conosciuto anche come Joint strike fighter, lanciato dagli Stati Uniti insieme ad altri otto paesi alleati, tra cui l’Italia, all’inizio degli anni novanta per costruire F-35, cacciabombardieri ipertecnologici di quinta generazione che sostituiranno i vecchi aerei da guerra. Si tratta del programma militare più costoso di tutti i tempi, che prevede la realizzazione di 3.173 velivoli per una cifra complessiva di 396 miliardi di dollari, anche se nessuno è in grado di quantificare il costo finale dell’intero progetto, che per questo ha suscitato molte proteste dagli Stati Uniti all’Italia.

Secondo il sito del programma gli F-35 sono “gli aerei più affidabili e letali e garantiscono la sopravvivenza dei piloti”. Progettati dall’azienda produttrice di armamenti Lockheed Martin, dovrebbero avere la capacità di eludere la sorveglianza dei radar, andare a velocità molto elevate e disporre di un sistema digitale che permetta al pilota, attraverso un casco, di avere una visuale a 360 gradi su quello che sta succedendo mentre l’aereo è in volo.

I modelli di F-35 in cantiere sono tre:

  • F-35B a decollo rapido, che permette il decollo e l’atterraggio verticale senza bisogno di una pista, come un elicottero (nella foto). Dovrebbe essere pronto per la fine del 2015, ma è il velivolo più complesso dei tre.
  • F-35A, che sarà comprato dall’aeronautica militare, con sistemi di atterraggio e decollo tradizionali. Dovrebbe essere pronto entro fine 2016.
  • F-35C, per la marina militare, che dovrebbe essere in grado di decollare dalle portaerei. Dovrebbe essere pronto entro fine 2019.

Quanto costano gli F-35?
Secondo Time questo programma militare dovrebbe costare complessivamente circa 400 miliardi di dollari, anche se i costi totali del programma sono difficili da calcolare “perché sono già lievitati del 70 per cento da quando il Pentagono ha firmato il primo accordo nel 2001 per realizzare i primi 2.500 aerei”.

Secondo la Bbc gli aerei non saranno operativi prima del 2018, con otto anni di ritardo rispetto al progetto iniziale. I ritardi sono stati causati dalle difficoltà tecniche e dalla complessità della costruzione di questi aerei. “Quando si parla di megaprogetti militari come questi è inevitabile che i costi aumentino rispetto alle stime iniziali”, spiega David Dunaway, viceammiraglio della marina militare statunitense. Ma non ci sono solo problemi tecnici, aggiunge il Guardian. In molti si chiedono se gli F-35 non siano già stati superati al livello tecnologico dalle nuove generazioni di droni, anche perché gli F-35 sono vulnerabili ai missili a lunga gittata posseduti, per esempio, dalla Cina.

Quanto spende l’Italia per gli F-35?
L’Italia spenderà tra i 13 e i 17 miliardi di euro nel progetto. Secondo le previsioni di bilancio del 2012 del ministero della difesa, lo stato dovrebbe spendere almeno 12,2 miliardi entro il 2047. Ma i promotori della mozione alla camera dei deputati el’associazione Archivio disarmo sostengono che l’investimento sarà di almeno 14 miliardi di euro. Nel 2012 il ministro della difesa del governo Monti Giampaolo Di Paola ha annunciato che, per ridurre le spese, l’Italia acquisterà solo 90 aerei, invece dei 131 preventivati. Secondo Il Sole 24 ore ogni velivolo potrebbe costare all’Italia da 99 milioni di euro per un F-35A a 106,7 milioni di euro per un F-35B, a fronte dei 61 milioni di euro previsti da Lockheed Martin nel progetto iniziale.

Come spiega il sito dell’aeronautica militare italiana: “L’esigenza primaria italiana è quella di sostituire i velivoli AV-8B Harrier della marina militare e gli AMX e i Tornado dell’aeronautica”. L’Italia ha cominciato a collaborare al progetto dal 1994, “con un fase di esplorazione tecnologica”, per poi stringere successivamente accordi di tipo commerciale dal 1998. La sua partecipazione nel progetto è di secondo livello, cioè con una partecipazione del 5 per cento nel finanziamento.

Un aereo pieno di difetti.
La Government accountability office, l’agenzia che controlla i conti pubblici negli Stati Uniti, ha diffuso nel 2012 un documento (Restructuring added resources and reduced risk, but concurrency is still a major concern) nel quale sollevava forti preoccupazioni sull’aumento dei costi di questo programma militare. L’agenzia ha denunciato che oltre all’aumento dei costi ci sono stati ritardi nella produzione, scarso numero di collaudi, e molte richieste di cambiamenti in fase di collaudo, che fanno pensare a un ulteriore innalzamento dei costi e a un ritardo delle consegne. Uno dei problemi, ha denunciato il Washington Post, è che hanno cominciato a produrre l’aereo su larga scala anche se in forma di prototipo prima che fosse collaudato, e quindi molte esigenze tecniche e difetti sono emersi solo nella fase di collaudo.

 

fonte: http://www.internazionale.it/news/italia/2013/07/16/cosa-sono-gli-f-35-e-perche-costano-tanto/; 16 luglio 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.