Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Cosa mancava nel discorso di Letta: poveri, migranti e giustizia economica, di Rocco D’Ambrosio

Cosa mancava nel discorso di Letta: poveri, migranti e giustizia economica, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 15/03/2021 09:37
Un discorso non da partito di sinistra ma di centro, in continuità con la storia del Pd degli ultimi anni. Si adatta molto bene alla situazione dei Municipi delle zone agiate urbane (dove il Pd vince), ma, molto probabilmente, dice ben poco alle periferie e ai quartieri della (ex) classe media (dove il Pd perde)…

Seguendo il discorso di Letta, prima della sua elezione a segretario, è innegabile che siano velocemente sfilate in mente tanti immagini di questo partito, della sua storia e di quello che rappresenta per il Paese. E il suo argomentare segna una ripresa di qualità politica considerevole: argomentare logico e motivato, riferimenti alti, strategie chiare, pianificazione per un nuovo partito, insistenza sulla formazione nel partito e nel Paese, attenzione alla questione femminile e quella giovanile, all’identità europea. Non è da poco sottolineare come abbia usato più il NOI che l’IO, e questo porta al sincero augurio che la sua segreteria sia anche efficace nel liberare il PD da tutte le forme adolescenziali, autoreferenziali, corrotte e ipocrite che animano una cospicua parte della politica italiana e del Paese.

Al centro del suo programma ci sono le “donne e i giovani”. Niente da eccepire per le motivazione apportate. Eppure, per un partito che si chiama democratico e raccoglie due eredità storiche (comunista e democristiana di sinistra), qualcosa non quadra. Letta non ha mai parlato di poveri, solo una volta di “esclusi e persone in difficoltà”, né di concrete politiche del lavoro; mai di migranti, ma solo di “ius soli” e di “nuovo patto migratorio” da riformare; non ha parlato della questione vaccini come questione di giustizia economica e democratica a livello nazionale e globale; di clima solo come sfida senza precisare le relative politiche. Certo ha parlato di Europa, diritti, riforma della giustizia, riforme della PA e lotta alla mafia.

Il non aver citato la questione vaccini solleva molte domande, visto anche il fatto che, nel resoconto ufficiale della discussione all’europarlamento del 10 febbraio 2021 (www.europarl.europa.eu/news), si legge: “I deputati hanno riconosciuto che l’UE ha sottovalutato le sfide relative alla produzione di massa dei vaccini e che è necessario prendere con la massima priorità delle misure concrete per aumentare la produzione.

Molti deputati hanno esortato la Commissione a far rispettare i contratti esistenti e, allo stesso tempo, a sostenere gli Stati membri nelle loro strategie di vaccinazione. Secondo alcuni deputati, per costruire la fiducia dei cittadini negli sforzi di vaccinazione ed evitare la disinformazione, l’UE deve “dire la verità”. A tale proposito, molti deputati hanno ricordato la necessità di trasparenza sui contratti, oltre a dati completi e chiari sulla distribuzione a livello nazionale dei vaccini. Tenendo conto delle grandi quantità di denaro pubblico investito, diversi deputati hanno chiesto un maggiore controllo parlamentare sull’attuazione della strategia dei vaccini”. Un partito che vuole essere autenticamente europeista non può dimenticare la questione numero della crisi pandemica oggi, a un anno dal suo inizio, così come la si dibatte in Europa.

In sintesi, a mio modesto avviso, non è stato un discorso da partito di sinistra ma di centro; in altri termini molto postcomunista e postdemocristiano di sinistra e ciò è in continuità con la storia del partito degli ultimi anni. Per dirla con un esempio romano: questo discorso si adatta molto bene alla situazione dei Municipi delle zone agiate della città (dove il PD vince), ma, molto probabilmente, dice ben poco alle periferie e ai quartieri della (ex) classe media (dove il PD perde).

Inoltre ho l’impressione che questo discorso programmatico lasci fuori alcuni filoni di pensiero sociale, sia cattolico che di sinistra, che può ancora contribuire a presenze e strategie politiche sia locali che nazionali. Infatti alcuni movimenti locali e nazionali (come “Le Sardine” e quelli ambientalistici e pacifisti) avrebbero difficoltà nel riconoscersi in esso, vista gli scarsissimi riferimenti a quei valori politici fondamentali di solidarietà e bene pubblico, sanciti nella Costituzione, per intenderci.

Orbene anche questa parte politica ha un patrimonio sano e profondo da offrire: riflessioni su lavoro, sviluppo e sicurezza, impegno per la pace, solidarietà con i migranti e multiculturalità, sindacalismo tenace, piccola imprenditoria, volontariato e terzo settore di qualità, ambiente e vivibilità delle città. Ma questa parte politica manca di una rappresentanza stabile perché le tante anime della sinistra, soprattutto in Italia (in Europa quasi per niente), si perdono in prassi e discorsi nostalgici o litigiosi. E aumentano quella sacca di elettorato orfano di rappresentanza politica, se non proprio delusa e non votante.

Letta ha citato papa Francesco e ha definito la Fratelli tutti la più bella enciclica. Proprio lì, al n. 188, si legge: “I politici sono chiamati a prendersi cura della fragilità, della fragilità dei popoli e delle persone. Prendersi cura della fragilità dice forza e tenerezza, dice lotta e fecondità in mezzo a un modello funzionalista e privatista che conduce inesorabilmente alla “cultura dello scarto”. […] Significa farsi carico del presente nella sua situazione più marginale e angosciante ed essere capaci di ungerlo di dignità. Così certamente si dà vita a un’attività intensa, perché tutto dev’essere fatto per tutelare la condizione e la dignità della persona umana”.

https://formiche.net/2021/03/cosa-mancava-nel-discorso-di-letta-poveri-migranti-e-giustizia-economica/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.