Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Corruzione, whistleblowing: segnalazioni raddoppiate, il 90% nella Pa, di Alessia Tripodi

Corruzione, whistleblowing: segnalazioni raddoppiate, il 90% nella Pa, di Alessia Tripodi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 28/06/2018 19:53
“L’incremento delle segnalazioni è il segnale dell’aumento dell’anticorruzione e significa che le persone non girano più la testa dall’altra parte”…

Whistleblowing, negli ultimi 5 mesi le “soffiate” su casi di corruzione nelle aziende pubbliche e private sono raddoppiate rispetto al 2017, superando la media di due al giorno. Un vero e proprio boom che investe soprattutto il settore pubblico (regioni ed enti locali in primis), dove si concentra il 90% delle segnalazioni. Agenzia delle Entrate, Rai, Leonardo Spa e Consip le amministrazioni che registrano il maggior numero di ”denunce”.

Sono i dati che emergono da un rapporto dell’Anac sul whistleblowing illustrato oggi dal presidente Raffaele Cantone, che avverte: «Le segnalazioni aumentano in qualità e quantità, ma serve più tutela per i whistleblower», ovvero per i dipendenti che denunciano gli illeciti. Proprio la tutela del lavoratore è uno dei cardini della legge che nel 2017 ha introdotto il whistleblowing nel nostro sistema.

Da gennaio oltre 300 fascicoli aperti
Da gennaio a maggio 2018, i fascicoli aperti dall'Anac su segnalazioni di illeciti sono stati 334, in tutto il 2017 sono stati 364, nel 2016 erano 174 e nel 2015 erano 125. Secondo i dati, oltre il 90% dei casi di whistleblowing avvengono nel settore pubblico. Nel 56,3% dei casi a segnalare è un dipendente pubblico, nel 12,3%, invece, è un dirigente pubblico.

Più “soffiate” nelle regioni e al Sud

Chi segnala lavora prevalentemente nelle regioni o negli enti locali (36.2% dei casi). A seguire, altre amministrazioni (ministeri, enti, autorità portuali) 17%, istituzioni scolastiche (università, conservatori, licei) 16.8%, aziende sanitarie e ospedaliere (15%). Da inizio anno, Anac ha già inviato 16 segnalazioni alla competente Procura della Repubblica per fatti di rilievo penale, 10 alla Corte dei conti (sussistenza di danno erariale), 15 all'Ispettorato della Funzione pubblica. Il 42,8% delle segnalazioni sono state effettuate al Sud, il 32,3% al Nord, il 21,8% al Centro, meno dell'1% dall'estero (2,4% non indicato).

Ritorsioni, corruzione e appalti illegittimi
Nel 2018 le tipologie di condotte illecite segnalate più frequentemente all'Anac riguardano “ritorsioni” (25% dei casi) a causa di demansionamento e trasferimenti illegittimi derivanti da segnalazioni. Al secondo posto ci sono i casi di “corruzione” e “cattiva amministrazione”, con il 22% e al terzo posto gli “appalti illegittimi”, con il 17%.

Agenzia delle Entrate e Rai in testa

Secondo Anac, l'amministrazione con il maggior numero di segnalazioni di whistleblowing registrate nel 2017 è l'Agenzia delle Entrate, con 56 segnalazioni, che in 11 casi sono state inviate alla Procura penale, alla Procura della Corte dei conti o all'Ufficio Disciplina e che hanno portato all'arresto di dipendenti e a indagini penali. Al secondo posto c'è la Rai, con 53 segnalazioni(11 istruttorie sono in corso). Da Leonardo Spa sono arrivate 27 segnalazioni(nel 45% dei casi risultate fondate). Palermo è l'amministrazione cittadina con il maggior numero di segnalazioni (21), seguita da Milano (19) e Roma Capitale (11 casi, con due rinvii alla Procura della Repubblica). Dalla Ausl Bologna sono arrivate 12 segnalazioni. Da Consip sono stati segnalati 11 casi relativi a presunte irregolarità nell'ambito di gare e convenzioni quadro.

Cantone: non si gira più la testa dall’altra parte

«Il rapporto è fatto da luci e ombre, restano alcune criticità però c'è un miglioramento sulla qualità e la quantità delle segnalazioni» ha detto Cantone. Sottolineando che «l'incremento delle segnalazioni non è il segnale se c'è un aumento della corruzione, ma al contrario è il segnale dell'aumento dell'anticorruzione e significa che le persone non girano più la testa dall'altra parte».

Più tutela per i whistleblower
Ma per il presidente Anac «le segnalazioni potrebbero ulteriormente aumentare se ci fosse un minimo di certezza sul fatto che il whistleblower venga tutelato». «Mi ha confortato - ha aggiunto Cantone - ciò che ha detto il procuratore Pignatone, ossia che in casi seppur limitati potrebbe entrare in gioco la possibilità di applicare la nuova legge prevista per i testimoni di giustizia».

Agente sotto copertura? Buona scelta
«Quella dell'agente sotto copertura sarebbe una buona scelta, ma bisogna capire bene perchè è una scelta molto delicata», ha aggiunto poi Cantone riferendosi alla proposta del governo. Nella lotta alla corruzione «mi piacerebbe che venissero fatte quelle norme che io da tempo invoco - ha continuato il presidente Anac - come la regolamentazione delle fondazioni politiche e la legge sulle lobby. C'è poi questo intervento per il Daspo ai corrotti, che va compreso, ma mi pare vada nella giusta direzione».

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-06-28/corruzione-whistleblowing-segnalazioni-raddoppiate-90percento-pa-113939.shtml?uuid=AEu8ltDF&refresh_ce=1

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.