Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Coronavirus, così il Portogallo ha contenuto i contagi: tra sanatorie per i migranti e isolamento degli anziani, di Andrea Nicastro

Coronavirus, così il Portogallo ha contenuto i contagi: tra sanatorie per i migranti e isolamento degli anziani, di Andrea Nicastro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/04/2020 09:50
Il merito va quasi per intero al primo ministro Antonio Costa che in solitudine ha deciso la chiusura contro il parere espresso di molti suoi ministri…

Fino a pochi anni fa, il Portogallo non aveva i soldi per fare il pieno di benzina alle sue ambulanze. A inizio pandemia, nonostante una buona ripresa, continuava a non avere i letti di terapia intensiva della Germania o il Pil pro capite della Francia o la leggendaria efficienza scandinava. Eppure, oggi, il piccolo, povero Portogallo è tra i primi della classe in Europa alla prova del Coronavirus. 

Il risultato è ottimo dal punto di vista sanitario e con lode dal punto di vista politico. I punti deboli esistono, ma la stella portoghese brilla soprattutto nel confronto con i partner europei.

È da cineteca della politica europea il discorso tenuto dal capo dell’opposizione di centro-destra al dibattito sullo stato di emergenza. «La minaccia che dobbiamo combattere esige unità, solidarietà, senso di responsabilità – ha dichiarato Rui Rio -. Per me, in questo momento, il governo non è l’espressione di un partito avversario, ma la guida dell’intera nazione che tutti abbiamo il dovere di aiutare. Non parliamo più di opposizione, ma di collaborazioneSignor primo ministro Antonio Costa conti sul nostro aiuto. Le auguriamo coraggio, nervi d’acciaio e buona fortuna perché la sua fortuna è la nostra fortuna». 

Chi non invidia una classe politica così? Nelle assemblee nazionali, regionali e comunali di tutta Europa i delegati hanno invocato la forza delle greggi o si sono accapigliati nonostante i guanti e le mascherine. A Lisbona, invece… Complimenti.

Secondo successo (soprattutto di pubblico) è la regolarizzazione dei migranti clandestini. Tra tutti i Paesi europei il Portogallo è stato l’unico a varare una «sanatoria Covid-19» per gli stranieri. Una scelta umanitaria che permette ai clandestini di accedere al sistema sanitario e alle cure, ma anche un provvedimento determinante per bloccare il virus tra le fasce deboli e scoprire eventuali focolai. Sull’effettiva efficacia della ordinanza ministeriale nel contenere l’epidemia non ci sono ancora studi specifici, ma da molti Paesi si è invocato il «modello portoghese» per affrontare l’emergenza degli invisibili nella più generale emergenza sanitaria.

La scelta è stata di certo coraggiosa, innovativa e controcorrente in un panorama dominato dalle paure e dalle chiusure, ma è stata soprattutto pragmatica. Si tratta infatti di una misura provvisoria, limitata a quegli stranieri che avevano presentato domanda di permesso di soggiorno prima della pandemia. Non quindi tutti i clandestini invisibili. I diritti concessi agli stranieri irregolari scadranno appena terminata la crisi sanitaria.
Il terzo, decisivo, successo portoghese è nella lotta al virus. Un traguardo approdato prima sulle testate straniere che su quelle lusitane. Per Der Spiegel il caso Portogallo è «un miracolo», per Politico.eu «un’eccezione». I numeri sono incontestabili. Il tasso di mortalità lusitano si aggira attorno al 3,5% contro 13% di Italia o Francia. L’efficacia della risposta di Lisbona appare paragonabile più a quella dei ricchi austriaci (con una letalità al 3,3%) o dei fortunati abitanti del Lussemburgo (2,2%) che al vicino iberico. Spagna e Portogallo hanno un lunghissimo confine in comune, condizioni di clima e geografia umana paragonabili, ma dalla parte spagnola del confine la letalità del virus è all’11%, in Portogallo quasi quattro volte meno.

I politici portoghesi intervistati dall’estero stanno cominciando a credere davvero al loro tocco magico. Il ministro della Sanità António Sales ha detto al Guardian di aver «adattato la risposta alle migliori indicazioni scientifiche e all’esperienza dei Paesi vicini, modulando di volta in volta i provvedimenti a seconda delle necessità». Vero è che il lockdown è stato proclamato quando c’erano solo 448 infetti contro gli oltre 6mila di quando la Spagna ha fatto altrettanto, ma è altrettanto vero che le autorità sanitarie portoghesi hanno insistito sino all’ultimo momento sulla favola della «influenza come tante» anche quando in Italia i morti erano già centinaia. 

Il merito va quasi per intero al primo ministro Antonio Costa che in solitudine ha deciso la chiusura contro il parere espresso di molti suoi ministri. Bravissimo lui e il suo «oppositore» Rui Rio. Merito del governo Costa anche l’uscita della Sanità portoghese dall’abisso in cui era caduta dopo la crisi finanziaria e l’intervento della Troika. Dal 2015 la spesa sanitaria è aumentata del 18%, assunto 3.700 medici e 6.600 infermieri.

Basta la chiusura tempestiva del Paese a spiegare la relativa tenuta del sistema? Secondo alcune analisi è stata una condizione indispensabile, ma non l’unica. Possono aver aiutato anche il sistema centralizzato della sanità portoghese capace di mettere in campo un numero relativamente ampio di tamponi, l’isolamento dal resto del continente e, paradossalmente, le sue condizioni di arretratezza. Il cattivo sistema di trasporti pubblici (che induce a spostarsi «isolati» sulla propria auto), la scarsa connessione di vaste aree interne (rimaste quindi praticamente immuni), l’alta percentuale di anziani soli, abituati all’auto-confinamento, la bassa frequenza scolastica sono in genere elementi di sottosviluppo che nel caso della pandemia sono diventati vantaggi.

Il Portogallo è pronto a seguire le avanguardie più fortunate del continente sulla strada della riapertura. Ci sono ipotesi a prima vista bizzarre come riaprire per primi gli asili o i parrucchieri, ma il punto è economico. In questo trimestre si ipotizza un -20% di Pil e su base annua si spera di limitare il calo all’8 per cento. Dipenderà molto dal turismo. Riprenderanno i voli aerei? E la voglia di viaggiare? Il Portogallo non è padrone del suo destino, ma comunque maggioranza e opposizione ci stanno lavorando assieme.

 

https://www.corriere.it/esteri/20_aprile_21/coronavirus-regolarizzazione-migranti-isolamento-anziani-cosi-portogallo-ha-contenuto-pandemia-7d30097c-8394-11ea-ba93-4507318dbf14.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.