Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Contro il virus dell’individualismo. Il papa con Biden sui brevetti, di Riccardo Cristiano

Contro il virus dell’individualismo. Il papa con Biden sui brevetti, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/05/2021 16:52
La linea di Francesco non è certo una novità “pauperista”, nel corso dei secoli la Santa Sede ha sempre sostenuto posizioni affini: ad esempio nel 1848 Pio IX, l’ultimo papa re, promosse la vaccinazione dei più poveri dal vaiolo...

Dopo gli interventi del presidente statunitense Joe Biden e di molti altri, in particolare del premier italiano Mario Draghi sulla sospensione dei brevetti dei vaccini, ecco la posizione  di Francesco, chiaramente espressa in un videomessaggio al “Vax Live – The Concert To Reunite the World”, l’evento che ha visto a Los Angeles il mondo dello spettacolo e delle istituzioni sostenere l’equa distribuzione dei sieri anti-Covid.

Francesco si è rivolto direttamente ai giovani partecipanti all’evento. Pur consapevole della drammaticità del momento e dell’argomento, non ha perso l’occasione per presentarsi con il suo inequivocabile stile: “ricevete un cordiale saluto da questo vecchio, che non balla né canta come voi”. È la cifra personale di un uomo che sa adeguarsi ai contesti, e non pretende il contrario.

Quindi è entrato nel tema della guarigione, quella vera, perché il virus ha evidenziato una malattia che i giovani sanno colpire soprattutto i fragili, i poveri: “Dinanzi a tanta oscurità e incertezza c’è bisogno di luce e di speranza. Abbiamo bisogno di cammini di guarigione e di salvezza. E mi riferisco a una guarigione alla radice, che curi la causa del male e non si limiti solo ai sintomi. 

In queste radici malate troviamo il virus dell’individualismo, che non ci rende più liberi né più uguali, né più fratelli, piuttosto ci trasforma in persone indifferenti alla sofferenza degli altri”. È il cuore del suo magistero dalla sera della sua elezione, quando disse “preghiamo sempre per noi, l’uno per l’altro, preghiamo per tutto il mondo, perché ci sia una grande fratellanza”.

E invece l’individualismo rende difficile la guarigione di tutti. Il nazionalismo chiuso impedisce di scoprisi fratelli anche davanti al disastro pandemico. Bergoglio lo definisce una variante del virus dell’individualismo: “Una variante di questo virus è il nazionalismo chiuso, che impedisce, per esempio, un internazionalismo dei vaccini […] Un’altra variante è quando mettiamo le leggi del mercato o di proprietà intellettuale al di sopra delle leggi dell’amore e della salute dell’umanità. Un’altra variante è quando crediamo e fomentiamo un’economia malata, che permette che pochi molto ricchi, pochi molto ricchi, posseggano più di tutto il resto dell’umanità, e che modelli di produzione e consumo distruggano il pianeta, la nostra casa comune”.

Una visione che ricorda quella espressa solo pochi giorni fa al meeting di primavera di Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale quando ha indicato il “debito ecologico” contratto dai Paesi ricchi con quelli poveri, dove i mutamenti climatici, determinati dall’inquinamento, rendono scarse o difficili le colture tradizionali, ad esempio. Quindi la proposta sui vaccini, nella quale chiede uno spirito di giustizia “che ci mobiliti per assicurare l’accesso universale al vaccino e la sospensione temporanea del diritto di proprietà intellettuale; uno spirito di comunione che ci permetta di generare un modello economico diverso, più inclusivo, giusto, sostenibile”.

Dunque Francesco propone una sospensione temporanea dei brevetti. Una posizione che rafforza la linea di Biden, condivisa dal premier italiano Mario Draghi per il quale “i vaccini sono un bene comune globale. È prioritario aumentare la loro produzione, garantendone la sicurezza, e abbattere gli ostacoli che limitano le campagne vaccinali”. Draghi ha parlato proprio di deroga ai brevetti “a tempo e ben congegnata” che non si rivelerebbe un danno per le aziende. Altri invece sono perplessi, come accade ad esempio in Germania. La Germania con BioNtech partecipa al vaccino Pfizer.

La linea di Francesco non è certo una novità “pauperista”, nel corso dei secoli la Santa Sede ha sempre sostenuto posizioni affini: ad esempio nel 1848 Pio IX, l’ultimo papa re, promosse la vaccinazione dei più poveri dal vaiolo, arrivando ad offrire una piccola ricompensa economica per chi tornasse a farne verificare il buon esito. Oggi si parla ovviamente in termini globali, ma il virus dell’individualismo ha modificato alcuni parametri che nella differenza dei contesti e dei termini restano gli stessi.

 https://formiche.net/2021/05/papa-con-biden-sui-brevetti-vaccini/

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.