Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Congo: si può ancora tornare indietro?, di Giovanni Pross

Congo: si può ancora tornare indietro?, di Giovanni Pross

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 25/02/2021 17:57
Le ricchezze di un popolo sono diventate ricchezze di pochi. In questo senso, l’ambasciatore Luca stava dicendo che è possibile che la politica ridiventi servizio, anello che permette al popolo di godere delle ricchezze del paese. Luca non si sentiva solo ambasciatore, ma anche cooperante, volontario…

Finalmente è successo qualcosa che ci aiuta a pensare che non esistiamo solo noi. Verrebbe proprio da dire così, perché i nostri problemi – Covid 19, economia perennemente in crisi, aumento della povertà, scuola, lavoro… – stanno monopolizzando la scena mondiale, e nemmeno le guerre ci fanno più aprire gli occhi sul mondo.

I telegiornali e la stampa hanno raccolto ipotesi sul movente dell’assassinio dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci; quasi sempre con mentalità occidentale hanno parlato, tra l’altro, di banditismo, di lotte tribali, di ribelli, di frange di eserciti regolari, di conquista o di difesa di territori ricchi in coltan, oro, uranio, diamanti… tutte ipotesi. Forse anche realistiche, ma certamente legate tra loro, e fortemente saldate dall’unico e sovrano elemento, il denaro.

Per accaparrarsi la ricchezza di quelle regioni è necessario creare paura, divisione, diffidenza, armare la gente e armarsi. Alla fine si corre il rischio di non sapere nemmeno quale sia l’obiettivo ultimo per il quale ci si ammazza.

Non si sa nemmeno perché chi, fino a ieri, era tuo pacifico vicino, oggi è un nemico da temere e da eliminare. Non lo si sa. È la strategia di chi vuole il territorio libero, di chi, forse, afferma che quei “selvaggi” hanno perso la testa e si scannano tra di loro.

Qui si aprirebbe un discorso molto lungo, sui rapporti tra l’Africa e il resto del mondo, sui modi di fare cooperazione, sulla sincerità di questa cooperazione, sugli sproporzionati o illegali ritorni che essa esige, sulle pericolose presenze di armi e armamenti che l’accompagnano.

Un discorso che si tenta di fare ogni volta che laggiù succede qualcosa di strano. Di strano perché ci tocca da vicino, e questa volta tocca persone buone, generose, desiderose di capire meglio quella gente e quella realtà per trovare il modo meno umiliante e più fraterno per aiutarle. Purtroppo, laggiù questo non è strano. È maledettamente normale.

Non dobbiamo continuamente mettere in discussione la cooperazione. Dobbiamo renderla più sincera, più equa, almeno ugualmente vantaggiosa ai differenti partner. Con le ricchezze naturali il Congo può svilupparsi in tutti i settori fondamentali della società: istruzione, salute, alimenti, democrazia… Questo non succede perché l’anello che dovrebbe congiungere l’autorità politica al popolo si è rotto.

Perché la politica non è servizio, ma modo per arricchirsi, e la corruzione aiuta questo sistema a mantenersi. Le ricchezze di un popolo sono diventate ricchezze di pochi. In questo senso, l’ambasciatore Luca stava dicendo che è possibile che la politica ridiventi servizio, anello che permette al popolo di godere delle ricchezze del paese. Luca non si sentiva solo ambasciatore, ma anche cooperante, volontario.

Qualche domanda

Sono stati fatti numerosi studi, costruite tante mappe dei gruppi cosiddetti ribelli dell’Africa centrale, si crede di aver capito qualcosa, ma la situazione non cambia. Forse è il caso, se non è già troppo tardi, di porsi qualche domanda; prima fra tutte, se conosciamo veramente qualcosa di quella regione, di quella gente.

Dobbiamo interrogarci sulla nostra tendenza, a volte non tanto nascosta, di considerare quelle popolazioni inferiori a noi. In Congo, inoltre, non ci sono fabbriche di armi. Da dove vengono allora? Quali sono le condizioni che poniamo per mettere in moto la cooperazione?

Certamente in questi giorni ci siamo complimentati con i paesi occidentali che hanno messo a disposizione dei paesi più poveri un bel gruzzolo di soldi per i vaccini anti-Covid 19. Bene! Ma perché non si mette il pacchetto anche per la ricerca di un vaccino per la malaria, più mortale di qualunque altra malattia?

È triste dover ricordarsi della situazione terribile di tanta gente solo in questi brutti avvenimenti come la morte dell’ambasciatore Luca, di Vittorio e di Mustapha, ma almeno facciamo in modo che queste morti ci aiutino a cambiare qualcosa in loro favore.

http://www.settimananews.it/informazione-internazionale/congo-si-puo-ancora-tornare-indietro/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.