Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Confusione e pregiudizio, di Angela Donatella Rega

Confusione e pregiudizio, di Angela Donatella Rega

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/06/2021 08:08
Come è possibile dipanare la matassa della confusione inculcata in noi dalla nostra atavica ed infantile paura di chi è diverso da noi (o crediamo che lo sia)?…

Formulare un giudizio prima di conoscere l’argomento o la materia o, ancor peggio, la persona di cui trattasi. Basterebbero queste poche parole per identificare il razzismo. Ma le “razze umane” non esistono, quindi più che di un pregiudizio si tratta di una vera e propria farneticazione. Una ideazione parassita. Una forma di paranoia basata su elementi inconsistenti, come la quantità di melanina presente nella pelle. E’ molto importante riconoscerlo e riconoscerselo: -Sto pensando che un'altra persona sia di “razza” diversa dalla mia, sto male, ho bisogno di cure urgenti-  Oppure potremmo pensare anche:  - Cosa mi è successo? Perché non so più guardare dentro gli occhi di una persona e mi fermo ad alcune caratteristiche esteriori?

Persona, ecco. Basterebbe guardarsi negli occhi per capire che di fronte abbiamo una persona.

Non dobbiamo confondere il bene con il male né possiamo attribuire l’origine del male ad un colore di pelle, nè ad una cultura o ad una religione diversa dalla nostra.  

Per il semplice motivo che il male ed il bene appartengono a qualsiasi cultura o etnia. 

Come è possibile dipanare la matassa della confusione inculcata in noi dalla nostra atavica ed infantile paura di chi è diverso da noi (o crediamo che lo sia)? 

Non è tanto difficile. Se siamo credenti sappiamo che Dio ha scritto le sue leggi nel cuore di tutti, ovunque siano nati, ovunque siano. Se pensiamo che Dio faccia distinzione tra il cuore di un cattolico ed il cuore di un animista o di un ateo, riduciamo Dio ad un essere imperfetto che, dopo aver dato a tutti uguali chance, non li lascerebbe liberi di scegliere se ed in quale modo far fruttare le risorse ricevute. Quindi tradizioni e culture diverse non possono essere di per sé fonti del male, perché appunto tutti, dentro di sè, conoscono il bene e la giustizia. D’altro canto per tutti è altrettanto difficile ascoltare quella “voce interiore che grida dal profondo il suo desiderio di giustizia e che seppelliamo sotto macerie della nostra indifferenza” come dice Etty Illesum.

Quindi la differenza in cosa consiste? 

Davvero siamo stupiti dal colore della pelle o rispondiamo ad istinti di branco che tendono ad allontanare chi sta fuori dalla cerchia, magari anche perché è più povero?

Sembra un atteggiamento infantile, ma i bambini, quelli veri,  cosa fanno? Si incuriosiscono, osservano, toccano, poi si attengono ai messaggi metaverbali. L’altro sorride? Bene. Mi guarda col suo sguardo profondo e amorevole? Benone. E’ fatta, possiamo giocare insieme.

Forse il male che vediamo negli altri è in noi, il male che divide (dia-ballo). L’odio e l’amore infatti appartengono a tutti, anche in una stessa famiglia ed è semplicistico legarli all’appartenenza ad un popolo. Ma di fronte alla divisione che ci dovesse tentare, ci sarebbe tanto da fare comunque.

Trovare i punti in comune, ascoltare, imparare. Insomma la “diversità” è una fonte inesauribile di incontro. Tra l’altro, se ci pensassimo un attimo, cosa sta agli antipodi di ciò che vediamo diverso? E’ semplice, ci siamo noi allo specchio. Immaginate come sarebbe noioso stare sempre e solo con noi stessi! Perché quando ci scagliamo contro chi è diverso da noi, più povero o straniero, più scuro o più bianco ecc.. pare essere questa la nostra istanza: lasciatemi stare, voglio stare solo con me stesso. Una bella noia!

Allora NIENTE PAURA, come dice una canzone di Ligabue, cominciamo da qui: cerchiamo di essere bambini nella fiducia e sperimentiamo l’apertura verso i nuovi incontri. Lasciamo il razzismo a coloro che pensano  solo a se stessi, a chi vuole dividerci, e magari tentiamo di non farli annoiare  (come accadrebbe se restassimo troppo in silenzio). protestiamo contro le palesi ingiustizie di questo mondo e smettiamola di additare i nostri fratelli poveri o chi ci appare più scuro (e magari invece ha un’anima assai più luminosa della nostra) come la causa dei nostri mali.  

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.