Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Condividere, ma una risata ci seppellirà, di Angela Donatella Rega

Condividere, ma una risata ci seppellirà, di Angela Donatella Rega

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 31/03/2022 09:36
Non possiamo non osservare, nel nostro mondo infodemico, indifferente ed individualista, come ci sia una spinta irrefrenabile, in ciascuno di noi, alla condivisione…

La condivisione è l’asse portante dei social, ne abbiamo abbondantemente analizzato gli aspetti negativi, trascurandone forse i positivi. 

Bene, sapete come avviene quando hai improvvisamente un’illuminazione? Mentre cogitavo sui problemi del mondo, come mi capita di fare all’incirca dalla nascita, e nel frattempo sbrigavo faccende varie, mi sono fermata di colpo battendomi una mano sulla fronte. Ma com’è che non ci ho mai pensato? 

La soluzione dei problemi del mondo sta in quella parola: condivisione, che così cara ci sta da quando possiamo condividere tutto, dalla settima portata di un ristorante al sorriso dei nostri bambini, al pelo del nostro gatto.

Condividere è fantastico. Alcuni ci provano anche con quello che mettono a tavola, con la propria mensa, e dicono di sentirsi felici nel farlo.

Quindi si può essere felici nel condividere.

E se questa simpatica attitudine la trasferissimo su scala mondiale alle Nazioni, ai Continenti?

Certo, una parte delle organizzazioni sovranazionali ci prova da sempre, ma sempre con quelle difficoltà, ormai inspiegabili, dovute alla difesa di ciò che è proprio all’interno di un confine.

Confine? Cosa significa confine ormai? C’è qualcosa, di ciò che una Nazione ha, che si fermi al proprio confine? Che non lo oltrepassi? Assolutamente niente. 

Continui scambi, compravendite, scambi culturali anche. Invece si pensa ancora a confini ed armi…mah!

Ho compreso bene le parole di papa Francesco quando dice “mi sono vergognato di sapere che il 2% del Pil sarebbe stato destinato agli armamenti”. Ha provato vergogna per gli altri per quelli che dovrebbero vergognarsi ma non ci arrivano ancora.  E’ come quando un tuo compagno di classe, cui vuoi bene, è interrogato e non ha studiato al punto che non riesce neanche a rispondere a qualcosa che, se ci pensasse su, saprebbe dire benissimo perché è facile, intuitivo. Poi ti vergogni per lui, ovvio!

Intanto parlano di un gran reset mondiale organizzato dai potenti, i complottisti.

Ma se fosse vero, che vergogna! Non sarebbe più facile fare una politica concorde di contenimento demografico e di sicurezza alimentare attraverso la condivisione delle risorse? Il tutto in pace?

È così difficile essere, a seconda di quello che si è ora, meno ricchi, meno poveri e tutti più felici?

Inspiegabile davvero, questo rifiuto della felicità. 

Non è complicato. Bisognerebbe finirla una buona volta con questa storia del guadagno anche a costo della vita (degli altri). 

Basterebbe poco. Ma i grandi della Terra, piccoli come risorse intellettive evidentemente, non ci arrivano ancora. Pazienza, quando ci arriveranno, noi non ci saremo e neanche i grandi di ora, naturalmente. 

Dite che sono ottimista, perché penso che ci arriveranno?

Ma noooo! Dalla barbarie si evolve, suvvia, e la condivisione è il prossimo passo evolutivo. Rideranno di noi, gli esseri umani del futuro, anche quelli bionici, che, dicono, ci saranno ed anche i robot antropomorfi, statene certi. A sera intorno alla pompa di calore ad energia eolica rideranno a crepapelle raccontando le storie del nostro tempo.  

* [redazione Cercasi un Fine]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.