Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Con il papa in carcere, di Elisa Lazzari

Con il papa in carcere, di Elisa Lazzari

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 12:12
Una nostra amica, volontaria nel carcere minorile di Roma, ha vissuto la visita del papa e ce la racconta...

 

Ho avuto il dono di partecipare alla Messa in Coena Domini di papa Francesco a Casal Del Marmo, l'istituto di pena minorile che c'è vicino a casa e in cui (con tanti altri volontari) trascorro le domeniche mattina romane. Ogni volta stiamo insieme un'oretta chiacchierando un po' e poi celebriamo la Messa.

Per me è un momento prezioso che mi ricorda "per chi" sono e vorrei essere (per i vuoti di annuncio e di misericordia, per gli ultimi che sono primi per Dio, ...), prezioso soprattutto in questo tempo di studio.

 

Ora posso dire che se sono "entrata" in questa celebrazione, che il papa ha voluto semplice e intima (e lo è stata), è stato grazie a loro.

Il papa li ha scelti per ripetere quel gesto di Gesù che insegna a tutti, a lui per primo, il servizio e l'umiltà; ha scelto di andare alle periferie esistenziali (come ripete in questi giorni) per incontrare questi ragazzi così bisognosi di tenerezza e misericordia.

Un incontro che porterà i suoi frutti e che già oggi è stato così raccolto, sorprendente e commovente per i ragazzi (non vedo l'ora di riviverlo con loro nel racconto), ma anche per tutti noi che abbiamo partecipato soprattutto se accostiamo all'immagine dei piedi baciati da papa Francesco i volti di questi ragazzi e qualcosa delle loro storie...

Questa sera ripenso alla grazia di essere entrata in quel cenacolo e me ne viene in mente un altro, quello del banchetto eterno nella Casa del Padre. Forse anche quando ci troveremo alle porte del Paradiso sarà più facile entrare se avremo gli amici "giusti"...

 

Elisa Lazzari, studentessa PUG, Roma

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.