Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / COMUNICATO DELLA COMUNITA' SAN BENEDETTO AL PORTO: sulla nomina di GIANNI DE GENNARO

COMUNICATO DELLA COMUNITA' SAN BENEDETTO AL PORTO: sulla nomina di GIANNI DE GENNARO

creato da D. — ultima modifica 22/09/2015 11:39
La Comunità San Benedetto al Porto fondata da don Andrea Gallo si è schierata contro la nomina di Gianni De Gennaro alla guida dellaFondazione Ansaldo, una fondazione creata da Finmeccanica, Comune di Genova, Provincia di Genova e Regione Liguria, che si è occupa di cultura, istruzione e lavoro...

La Comunità San Benedetto al Porto fondata da don Andrea Gallo si è schierata contro la nomina di Gianni De Gennaro alla guida dellaFondazione Ansaldo, una fondazione creata da Finmeccanica, Comune di Genova, Provincia di Genova e Regione Liguria, che si è occupa di cultura, istruzione e lavoro. Ecco il comunicato pubblicato sulla pagina Facebook ancora attiva del sacerdote ligure ormai scomparso.

Quando Claudio Scajola era minstro degli Interni, Gianni de Gennaro era a capo della Polizia Italiana.
Quando le forze “dell'ordine” entrarono in quella notte alla Diaz il ministro Claudio Scajola stava già dormendo.

Nessun responsabile per la macelleria messicana della Diaz, per le torture di Bolzaneto, per i selvaggi pestaggi di strada.
La storia pero', al di la delle girandole di sentenze contrastanti, non si cancella, nei ricordi della città e del paese.
Spesso,specie in questi giorni che ci avvicinano all'anniversario della sua scomparsa ,ci chiedono se ci manca Don Andrea Gallo.
Cosa avrebbe detto su l'uno o l'altro argomento.
Non possiamo sapere quello che avrebbe detto esattamente sulla nomina di Gianni de Gennaro a capo della Fondazione Ansaldo, ma possiamo solo sapere che avrebbe saputo risvegliare le coscienze e l'attenzione di molti a Genova e oltre i confini cittadini su questa scelta che ci lascia sgomenti.
Auspichiamo che tanti: persone,cittadini,associazioni,istituzioni,in città e non solo prendano voce, coraggio di opinione.
Ci sentiamo parte della storia che ha preceduto e vissuto quelle giornate, la storia collettiva delle giornate del G8 di Genova nel luglio 2001 non è rimovibile nel silenzio.
Sempre camminando sulle orme di Don Gallo.

Associazione Comunità San Benedetto al Porto

P.s. Nella foto Don Andrea Gallo con Franca Rame il 19 Luglio 2001 in visita alla Stadio Carlini ,dove erano accolti i Disobbedienti

La presa di posizione della Comunità legata a Don Gallo ha determinato anche l’avvio di una petizione sulla piattaforma Avaaz. “La nomina di Gianni de Gennaro a presidente della fondazione Ansaldo costituisce una provocazione nei confronti dei cittadini di Genova e delle centinaia di migliaia di persone che hanno partecipato alle manifestazioni di Genova durante il G8 del 2001. La fondazione Ansaldo rappresenta per molti cittadine e per molti lavoratori un luogo di conservazione della memoria industriale ed operaia genovese ed Italiana. Dopo le violenze e gli abusi delle forze dell’ordine nel luglio del 2001, le omissioni e gli ostacoli all’accertamento della verità messi in opera dalla polizia sotto il comando di De Gennaro, dopo l’impunità diffusa non meritiamo questa ulteriore offesa”. Le proteste della Comunità fondata da don Gallo non sono le uniche determinate dall’arrivo di De Gennaro al vertice dell’Ansaldo. Il consigliere d’amministrazione della fondazione Luca Borzani si era dimesso, anche se il sindaco di Genova, Marco Doria, le ha respinto. Il portavoce del Genova Social Forum, Vittorio Agnoletto, ha diffuso un durissimo comunicato contro De Gennaro, a causa della gestione del G8 del 2001 nel capoluogo ligure, contrassegnato da scontri, violenze e dalla morte di Carlo Giuliani.

fonte: http://www.gadlerner.it/2014/05/12/la-comunita-di-don-gallo-contro-la-nomina-di-de-gennaro-alla-fondazione-ansaldo-di-genova, 12.05.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.