Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Come salvare il sistema parlamentare e la democrazia, di Montesquieu

Come salvare il sistema parlamentare e la democrazia, di Montesquieu

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/01/2019 10:24
La funzione legislativa deve necessariamente tornare a essere un terreno nel quale si incontrano – o si scontrano -, maggioranza e opposizioni. E nel quale il governo sia uno degli attori, non l'unico…

Due voci importanti della nostra democrazia si sono levate a difesa del parlamento. Quella del capo dello Stato, che ha in consegna, in sintesi, la tutela della Costituzione. A ridosso, quella del presidente della Camera con una lettera al Sole 24 ore, meno attesa e quindi assai apprezzabile. Aprono un dibattito tra difensori di un sistema parlamentare, e quindi di una democrazia come la nostra; e detrattori, o agnostici. Questi ultimi particolarmente forti al momento, perché detentori del potere di governo: nella loro interpretazione il potere supremo.

Come dimostra lo sgombero delle camere dalla procedura di formazione della legge di bilancio, la più importante. Pesa la difficoltà di voce della Corte costituzionale in un tema delicato quale le relazioni tra organi costituzionali. Come rendere l'orrore costituzionale di questa situazione, in mezzo a leader che parlano da mattina ovunque attraverso i “social media”, sempre e solo con i loro adoranti seguaci, ma mai in un’aula del parlamento; e con quali mezzi?

Proviamo in una sintesi esagerata, che non consente di sviluppare i singoli punti, a tratteggiare un credibile parlamento del terzo millennio, con pochi interventi normativi o di condotta istituzionale. La funzione legislativa deve necessariamente tornare a essere un terreno nel quale si incontrano – o si scontrano-, maggioranza e opposizioni. E nel quale il governo sia uno degli attori, non l'unico. Il compito è facile, in un certo senso, più di quanto non ritenga il presidente Fico. Non c'è bisogno di inventare nulla, di riformare nulla, basta seguire la lettera dell’articolo 72 della Costituzione: i disegni di legge sono presentati alle Camere, assegnati alle commissioni competenti, che li discutono e li emendano, se del caso, per poi trasmetterli alle rispettive assemblee; che a loro volta li discutono e li approvano, con o senza modifiche, prima “articolo per articolo”, poi con voto finale.

Basta quindi mostruosi e incomprensibili maxiemendamenti in totale spregio agli elettori; e quindi mai più un testo, anche di centinaia di norme spesso reciprocamente incompatibili, approvato con un solo voto di fiducia, e quindi non approvato nel merito. Contemporaneamente, al macero un ventennio di precedenti sempre più anticostituzionali, fino a questo ultimo; e custoditi spesso a vantaggio delle maggioranze e del governo, e solo “ concessi” alle opposizioni. Le altre funzioni- informative, di controllo, di inchiesta - potranno essere conservate senza l'ottusa pretesa di farle competere con i mezzi sociali.

Si pensi al paradosso (uno tra i mille, quotidiani) del ministro Di Maio, che è intervenuto in tutti i modi e luoghi possibili sulle questioni riguardanti le attività del padre, rifiutandosi con sdegno di riferirne in una delle Camere. Andrebbe prevista la possibilità per una minoranza qualificata di chiedere e ottenere la parola del governo su grandi temi di politica interna ed estera, sui rapporti con le istituzioni europee, e altri di analoga portata. Attività di sindacato ispettivo, di controllo sul governo, di inchiesta, che nascono come strumenti di tutela delle minoranze, vanno asciugati e concentrati, riservandoli ai grandi temi, senza che il governo possa sottrarsi. Con le opportune forma di pubblicità.

Ancora, in tempi di contrasto e reciproco disprezzo come unica modalità di relazione politica, diventa necessario il ritorno a una terzietà reale dei presidenti delle Camere – attiva, e non limitata ai momenti di attività delle assemblee -, quale non si è vista in questa recentissima fase. Tema delicatissimo, che la politica non apprezza se non quando non ne scorga la convenienza; e che ha vissuto nelle ultime legislature strappi dolorosi, come la coesistenza di funzioni di capopartito e di presidente di assemblea.

E tanti altri, meno vistosi ma spesso più subdoli. La presidenza di una camera deve essere una fase di castità politica, nella quale ogni singolo parlamentare non debba vedere nel presidente un avversario politico. Con un ulteriore risvolto di grande importanza istituzionale: la posizione di corpi burocratici specialistici sotto la guida di presidenti non super partes trasforma quelle burocrazie in potenti strumenti di deformazione della dialettica politica.

In alternativa, si può studiare la autonomizzazione di talune funzioni della burocrazia, ed essenzialmente di quella di segretario generale, con poteri simili a quelli di organismi indipendenti. Per finire, o meglio per cominciare, è tempo di restituire prestigio anche formale alla figura e alla funzione del parlamentare, ricostituendo il rapporto con l'elettore attraverso il voto diretto, e quindi la funzione di rappresentanza. Un sasso nello stagno, se qualcuno lo vorrà raccogliere e ributtare.

 

https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2019-01-03/come-salvare-sistema-parlamentare-e-democrazia-195125.shtml?uuid=AEVT268G

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.