Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Come dev’essere un vescovo, di Jorge Bergoglio

Come dev’essere un vescovo, di Jorge Bergoglio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/11/2018 09:41
Perché «il vescovo è amministratore di Dio, deve essere irreprensibile: questa parola è la stessa che Dio ha chiesto ad Abramo: “Cammina nella mia presenza e sii irreprensibile”. È parola fondante, di un capo»...

 

«Quando si fanno le indagini per l’elezione dei vescovi» bisogna seguire il criterio suggerito da Paolo nella sua lettera a Tito: «che siano amministratori di Dio, irreprensibili, umili servitori», e poco importa se «sono abili coi piani pastorali o sono simpatici». Facendo notare che le indicazioni risalgono proprio a san Paolo — dunque ben prima del concilio Vaticano ii — Papa Francesco, nella messa celebrata lunedì 12 novembre a Santa Marta, ha chiesto di pregare perché tutti i vescovi si riconoscano nel profilo tracciato dall’apostolo «per mettere in ordine la Chiesa».
«Nel libro degli Atti degli apostoli leggiamo come è nata la Chiesa» ha suggerito il Papa. «La Chiesa — ha spiegato — nacque in confusione, nella confusione, in disordine; con fervore, ma nel disordine, al punto che la gente che sentiva parlare gli apostoli, diceva: “sono ubriachi”».
«Confusione e così nacque la Chiesa» ha rilanciato Francesco. «E anche questa confusione — ha proseguito — appare, per esempio, quando Pietro va da Cornelio: subito una confusione e Pietro capisce che è lo Spirito lì e battezza, ma senza confusione, anzi con cose ammirabili». E ancora, ha aggiunto il Papa, «per esempio pensiamo al ministro dell’economia della regina Candàce, una cosa strana: anche quest’uomo porta la Chiesa nel suo paese». Ma «sempre c’è confusione, la forza dello Spirito, disordine e non dobbiamo spaventarci». La Chiesa «nacque così: è un bel segno quello».
«Mai la Chiesa è nata tutta ordinata, tutto a posto, senza problemi, senza confusione» ha ribadito il Pontefice. «Sempre — ha continuato — è nata così e questa confusione, questo disordine, va sistemato: è vero, perché le cose devono mettersi in ordine; pensiamo, per esempio, al primo concilio di Gerusalemme: c’era la lotta fra i giudaizzanti e i non giudaizzanti; pensiamo bene: fanno il concilio e sistemano le cose».
«Questo succede ogni volta che la Chiesa è annunciata per la prima volta» ha fatto notare il Papa, facendo riferimento al brano della lettera a Tito (1, 1-9) proposto dalla liturgia come prima lettura. «È questo ciò che Paolo lascia nella mani di Tito: “Per questo ti ho lasciato a Creta: perché tu metta ordine in quello che rimane”». In pratica, perché Tito «metta ordine nella Chiesa». Ma Paolo «gli ricorda» che la «prima cosa è la fede, gli dà il tesoro, gli dà la trasmissione della fede forte: “Paolo, servo di Dio, apostolo di Gesù Cristo per portare alla fede quelli che Dio ha scelto e per far conoscere la verità che è conforme a un’autentica religiosità, nella speranza della vita eterna — promessa fin dai secoli eterni da Dio, il quale non mente, e manifestata al tempo stabilito nella sua parola mediante la predicazione a me affidata per ordine di Dio, nostro salvatore — a Tito, mio vero figlio nella medesima fede: grazia e pace da Dio Padre”».
Paolo «trasmette tutto questo “pacco di esperienze di fede”» a Tito, ha affermato il Pontefice. E «poi dice: in quella Chiesa tu metti “ordine” e che tu “stabilisca alcuni presbiteri in ogni città, secondo le istruzioni che ti ho dato”». In pratica gli chiede che «stabilisca i vescovi e metta ordine nei laici e parla — questo lo leggeremo domani — dei giovani, degli anziani, delle vedove, delle donne: ognuno, come si deve mettere ordine». In sostanza Paolo «dà dei criteri per mettere ordine».
«Oggi — ha puntualizzato Francesco — mi fermerò sul profilo del vescovo, di come Tito deve mettere ordine con i vescovi e, con tanti preti che sono qui, sembra questo un collegio presbiteriale!» Dunque, ha proseguito, «parliamo del vescovo, infatti, come amministratore di Dio: la definizione che dà del vescovo è un “amministratore di Dio”, non dei beni, del potere, delle cordate, no: di Dio». Per questa ragione, ha affermato il Papa, il vescovo «sempre deve correggere se stesso e domandarsi: “Io sono amministratore di Dio o sono un affarista?”». Perché «il vescovo è amministratore di Dio, deve essere irreprensibile: questa parola è la stessa che Dio ha chiesto ad Abramo: “Cammina nella mia presenza e sii irreprensibile”. È parola fondante, di un capo».
San Paolo, sempre nella lettera a Tito, «dice cosa non deve essere un vescovo e poi cosa deve essere» ha affermato il Pontefice. Il vescovo, dunque, «non deve essere arrogante, cioè superbo, non collerico — che litiga sempre — non dedito al vino — possiamo dire non dedito ai vizi; il vino era abbastanza comune in quel tempo perché anche alle vedove raccomanda di non essere dedite al vino. Si vede che era un dei vizi più vicini — non violento — pensiamo a un vescovo collerico, arrogante, dedito al vino, violento».
È «una calamità per la Chiesa un vescovo del genere, anche se avesse uno solo di questi i difetti» ha fatto presente Francesco. Egli poi non deve essere «avido di guadagni disonesti: che non faccia l’affarista, che non sia attaccato ai soldi». E «questo è ciò che non deve essere il vescovo».
«Cosa deve essere il vescovo?» si è chiesto allora il Papa. E la sua risposta è stata: «Ospitale — dare ospitalità — amante del bene, assennato, giusto, santo, padrone di sé, fedele alla parola degna di fede che gli è stata insegnata». E «tutte queste virtù “perché sia in grado di esortare con la sua sana dottrina e di confutare i suoi oppositori”», come scrive san Paolo a Tito.
«Così è il vescovo, questo è il profilo del vescovo» ha rilanciato il Pontefice. «E quando si fanno le indagini per l’elezione dei vescovi — ha aggiunto — sarebbe bello fare queste domande all’inizio per sapere se si può andare avanti in altre indagini». Ma «soprattutto si vede che il vescovo deve essere umile, mite, servitore, non principe». E «questa è la parola di Dio: “Ah, sì, padre, questo è vero, questo dopo il Vaticano ii si deve fare!” — “No, dopo Paolo!”». Perché «non è una novità postconciliare questa, questo è dall’inizio, quando la Chiesa si è accorta che doveva mettere in ordine con vescovi del genere».
«Qui siamo due soltanto — ha proseguito il Papa — ma questo è per tutti, per pregare per i nostri vescovi che siano così: non che siano simpatici, non che abbiano abilità nei metodi pastorali — sì, questo è tutto buono! — ma che siano umili, miti, servitori, con tutte queste qualità e non con i vizi che ha nominato Paolo». E «nella Chiesa non si può mettere ordine senza questo atteggiamento dei vescovi: anche con quello dei preti e dei laici, ma pensiamo ai vescovi». E «Paolo lascia Tito per mettere ordine a Creta scegliendo vescovi del genere».
«Un vescovo conta davanti a Dio non se è simpatico, se predica bene, ma se è umile, se è mite, se è servitore, con tutte queste virtù» ha concluso il Pontefice, ha confidando di aver proposto questa meditazione anche perché «oggi: festeggiamo un vescovo nella liturgia»: san Giosafat Kuncewicz. E ha chiesto di riprendere «questo brano e pregare per i vescovi: che siano così, che siamo così, come Paolo ci chiede di essere».
www.osservatoreromano.va/it/news/messa-santa-marta-19

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.