Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Come affrontare i “lupi solitari”. Un diritto europeo sulla sicurezza nazionale?, di Annita Sciacovelli

Come affrontare i “lupi solitari”. Un diritto europeo sulla sicurezza nazionale?, di Annita Sciacovelli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/08/2021 08:57
Come gestire la questione anche alla luce della situazione in Afghanistan? Il commento di Annita Sciacovelli, professoressa di diritto dell’Unione europea, Università degli studi di Bari Aldo Moro, visiting research fellow presso il Center for Business in Society (IESE, Business School, Barcellona), specialista in cybersecurity…

L’analisi della questione afgana non lascia dubbi circa l’urgenza per l’Italia di continuare a impegnarsi nel contrasto al terrorismo internazionale di matrice jihadista. A dispetto della perdita di posizioni del Daesh in Siria e Iraq, il terrorismo rappresenta la più grande minaccia per l’Unione europea traendo un importante vantaggio dalla pandemia di Covid-19.

Continuamente le istituzioni europee e internazionali pongono in evidenza lo stretto legame esistente tra la crescente esposizione di giovani al materiale sull’auto-radicalizzazione online e gli attacchi terroristici anche informatici, tanto da coniare i termini di cyber Jihad e cyber Califfato.

Sul punto, il Parlamento europeo, nel policy-insight su “Capire la politica dell’antiterrorismo nell’Unione europea 2021”, ha posto l’accento sull’incremento del fenomeno dei cosiddetti “lupi solitari”. Il termine indica una specifica tipologia di terrorista. Solitamente giovane e radicalizzato (spesso in carcere), il soggetto in questione progetta le proprie azioni violente, che apparentemente mancano di un’affiliazione diretta con le note organizzazioni terroristiche.

Uno studio incentrato su questa tipologia di criminale ha delineato tre profili in base alla personalità (se si tratta di un individuo spinto a compiere azioni violente a causa della povertà, ovvero di crisi interpersonali o familiari), all’ideologia (se si tratta di un individuo spinto da idee nazionalistiche, religiose o politiche), o alla psico-patologia (se si tratta di un individuo spinto dalla predisposizione o dal disordine mentale, o dal desiderio di morte).

Della questione si è occupata anche l’Europol che, in uno studio su “Terrorism Situation and Trend Report, 2021”, ha osservato un aumento di attacchi terroristici rispetto al 2019 a opera dei “lupi solitari” cittadini europei, sovente reduci dell’esperienza di foreign fighters nell’Isis.

Da un punto di vista operativo, sventare questo tipo di attacchi è molto complesso per la difficoltà di raccolta delle informazioni a causa della quasi totale assenza di supporto esterno al terrorista, ciò che sposta l’attività investigativa nella fase preventiva e che può basarsi sull’uso di strumenti tecnologici avanzati.

Infatti, l’attività d’Intelligence può essere supportata da strumenti di sorveglianza biometrica di massa che, grazie all’ausilio dell’intelligenza artificiale, consentono la raccolta di dati e meta-dati utili a rilevare comportamenti anomali in rete e nell’ambiente fisico e a individuare i soggetti potenzialmente pericolosi.

L’analisi dei dati biometrici è prevista anche dall’Agenda urbana digitale per la pubblica sicurezza dell’Unione europea, in collaborazione con l’European Union Intelligence e Situation Centre.

A tal fine, si osserva però che, se da un lato gli strumenti indicati fungono da virtual agents e si pongono a completamento dell’intelligence umana, dall’altro, il loro utilizzo solleva importanti questioni giuridiche legate alla tutela della privacy e di altri diritti umani fondamentali.

Su tale questione si è espressa la Grande Camera della Corte europea dei diritti dell’uomo (sentenza del 25 maggio 2021, Big Brother Watch c. Regno Unito) che ha elaborato un “test di necessità” al quale sottoporre i sistemi di sorveglianza di massa, anche segreta, di cui dispongono gli Stati membri del Consiglio d’Europa (tra cui l’Italia). I giudici europei hanno riconosciuto che la finalità di tali sistemi è la protezione della sicurezza nazionale e di altri interessi da essi ritenuti vitali, onde porli a riparo da azioni terroristiche e da attacchi cyber che possono essere individuati solo per mezzo di attività investigative di intelligence rapide e preventive.

In proposito, la Corte europea, nel contesto dell’equo bilanciamento tra il diritto alla tutela della vita privata di ogni individuo (articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo) e la sicurezza nazionale, ha riconosciuto alle autorità statali un discreto margine di apprezzamento nella scelta dei mezzi necessari per tutelare l’incolumità dello Stato e assicurare la cooperazione internazionale tra agenzie nazionali di intelligence anche di Paesi terzi (nel caso di specie si trattava dell’attività svolta dai cosiddetti Five Eyes – Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda). Pertanto, anche la detection dei “lupi solitari” per mezzo della sorveglianza di massa rientra nel perimetro giuridico indicato nella citata sentenza.

La Corte europea ricorda poi che, in assenza di una minaccia effettiva alla sicurezza nazionale, la sorveglianza di massa, essendo indiscriminata, si pone in contrasto sia con la CEDU sia con la direttiva 2002/58/CE sulla e-privacy.

Il test elaborato dai giudici europei riconosce quindi legittimità alla sorveglianza messa in atto dalle agenzie di intelligence se necessaria, se previamente autorizzata di un’autorità amministrativa indipendente dall’esecutivo e se soggetta a revisione da parte di un tribunale. Si tratta di un test già adottato dal Legislatore italiano nella Legge n. 124/2007 di riforma del Sistema di intelligence.

In conclusione, spetta agli Stati membri l’ultima parola sulla scelta dei mezzi di contrasto al fenomeno del terrorismoanche cyber – alla luce della continua variabilità dell’ecosistema di sicurezza fisica e digitale. A nostro avviso, ciò impone l’elaborazione di un diritto europeo sulla sicurezza nazionale, inclusivo di un sistema di principi digitali europei, in cui dare spazio sia alla tutela dello Stato e sia al primo dei diritti umani fondamentali, quello relativo alla protezione della vita umana.

https://formiche.net/2021/08/lupi-solitari-afghanistan-sciacovelli/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.