Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Coinvolgere, a partire dal Terzo settore. Come si vince la partita Pnrr, di Marco Girardo

Coinvolgere, a partire dal Terzo settore. Come si vince la partita Pnrr, di Marco Girardo

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/05/2021 17:29
Il Terzo Settore, attraverso il welfare di prossimità, sta già operando nelle forme di riarticolazione del tessuto sociale e produttivo, sulla frontiera della crescita inclusiva. Sono sei milioni e mezzo di italiani, fra volontari e salariati…

Non ce n’è, le partite si vincono a centrocampo, come sanno gli allenatori decorati e in fondo tutti gli appassionati del pallone. Vale quasi sempre nel calcio, spesso in politica. La partita 'epocale' del Pnrr, una finale Champions per il nostro Paese, non dovrebbe fare eccezione. E la mediana sta nella pancia e nelle aspettative dei cittadini, più che nella testa di chi programma e decide. Si è talvolta accostato l’occasione rappresentata dal Next Generation Eu all’energia potenziale del Piano Marshall. Dote e intenti, in effetti, si assomigliano.

La differenza sta invece nell’apertura al futuro delle due Italie: un Paese ancora giovane allora, piegato dalla guerra eppure avviato ai ruggenti anni Cinquanta e Sessanta del Novecento, pronto a investire sul domani; un’Italia ben più stanca e arroccata oggi, con la paura di perdere rendite acquisite. Eppure, sotto la cenere della pandemia, si sono manifestati segni di vitalità diffusa e in molti casi condivisa. Generatività resiliente, stiamo imparando a chiamarla. Ed è proprio in questa zona del campo sociale che si gioca il successo della ripartenza.

I conti del Recovery alla fine del primo tempo sembrano quadrare. Tornano sotto il profilo tecnico – oltre ai saldi complessivi c’è un promettente equilibro tra investimenti e riforme strutturali – e pure politico, nonostante le fisiologiche fibrillazioni. 

Sia in casa, considerato l’ampio avvallo parlamentare, sia fuori, in Europa e oltre, dove ha certo pesato la credibilità internazionale del premier Mario Draghi. Il difficile, ne siamo consapevoli, viene ora. Nel secondo tempo. Quando in una manciata di mesi è necessario passare dalle 2.487 pagine di schede-progetto all’esecuzione, e alle tabelle agganciare i cantieri. Con un crono-programma serrato d’interventi a cuore aperto sui sistemi giuridici e burocratici, insieme a quello economici.

Tre decreti solo a maggio, semplificazioni incluse. Il rischio di rigetto è davvero alto, qualora non si riesca a coinvolgere l’intero corpo sociale. Dove? Nelle periferie della Pubblica amministrazione, dentro la società civile, raggiungendo soprattutto chi sta più indietro. Il Next Generation Eu ha bisogno cioè, d’ora in avanti, di quelle che il sociologo Aldo Bonomi chiama «passioni calde». 

Per tradurre sul piano esistenziale concetti astratti quali «transizione ecologica», «digitalizzazione dei processi» o gli stessi 240 miliardi del Pnrr, distillando al contempo una sensazione di partecipazione generale al cambiamento. Le poche grandi aziende private e, ci si augura, pure la macchina statale sapranno quasi sicuramente cogliere l’attimo, soprattutto se il governo avrà la forza di avviare le riforme strutturali.

E questo è un bene. Ma un consenso civile che non sia effimero e volubile come lo è patologicamente quello politico va guadagnato sempre dal basso. Solo quando anche il rider e la nuova partita Iva, il responsabile degli appalti di un piccolo Comune di montagna e lo studente alle prese con la didattica a distanza saranno persuasi che il Pnrr sia una reale opportunità, qualcosa che ci riguarda, ebbene, solo allora si potrà parlare di un processo avviato e non più di un maxipiano su fogli Excel. Come abbiamo imparato ormai molti anni fa, nessun 'racconto' può conquistarsi l’egemonia se serve a legittimare gli interessi di una categoria particolare e a scartare quelli degli altri.

E quanto più sono profonde, le riforme di struttura, tanto più hanno bisogno di essere interiorizzate dai cittadini comuni per risultare efficaci. Il contesto è decisamente più complicato, oggi, nello spazio pubblico dei social media, dove all’intellettuale organico si è sostituito l’influencer.

Per questa ragione un aiuto prezioso potrebbe arrivare dal Terzo settore. Che attraverso il welfare di prossimità sta già operando nelle forme di riarticolazione del tessuto sociale e produttivo, sulla frontiera della crescita inclusiva. Ci sono sei milioni e mezzo di italiani, fra volontari e salariati, in grado di cogliere le potenzialità del cambiamento in atto. Già le vivono, nella quotidianità del reale, ancor prima di tuffarsi nel virtuale di Instagram. Sono loro, insomma, che potrebbero cementare il consenso e trasformarlo in fiducia.

Ecco perché il 'terzo tempo' del Recovery Plan deve cominciare subito, quando si è appena iniziato a giocare il secondo: senza coinvolgere gli italiani a centrocampo, l’Italia non cambierà.

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/come-si-vince-la-partita-pnrr

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.