Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Civiltà Cattolica sprona il Parlamento sul Terzo settore riformato da Renzi, di Fabrizia Argano

Civiltà Cattolica sprona il Parlamento sul Terzo settore riformato da Renzi, di Fabrizia Argano

creato da webmaster ultima modifica 21/09/2015 13:50
La rivista dei Gesuiti con un focus di Francesco Occhetta pone alle istituzioni l’urgenza di valorizzare “l’economia civile”.

 

Sul Terzo settore bisogna fare presto. E’ Civiltà Cattolica a suonare la sveglia alle istituzioni per una riforma che rappresenta per la rivista dei Gesuiti “una svolta culturale più che politica”.

 

LO STATO DELL’ARTE

Una riforma attesa da almeno un ventennio, studiata tra diverse commissioni governative e contenuta ora in un disegno di legge delega del Consiglio dei ministri del 10 luglio scorso che dovrebbe essere approvato velocemente dal Parlamento e diventare operativo nel 2015.

L’ECONOMIA CIVILE

E’ Padre Francesco Occhetta ad approfondire in un focus sull’ultimo numero i contenuti e il significato della riforma: “La sua ispirazione favorisce un’economia al servizio dell’uomo che supera il paradigma economico svelatosi inadeguato con la crisi economico-finanziaria. Il cuore della riforma è basato sulla promozione dell’impresa sociale e su un modello economico tripolare in cui oltre al pubblico e al privato entra a pieni titolo anche l’economia civile”, scrive il gesuita.

La scommessa è quindi su un’idea umana di economia, su un mercato non esclusivamente ripiegato sull’obiettivo del profitto a tutti i costi che rientra nella visione contenuta nell’enciclica diBenedetto XVI Caritas in veritate, la “civilizzazione dell’economia”.

I NUMERI

La riforma toccherà la vita degli enti non commerciali, delle organizzazioni di volontariato, delle Onlus, delle cooperative sociali delle società e associazioni sportive dilettantistiche, fino alle fondazioni lirico-sinfoniche. Un settore che è ormai parte integrante del sistema produttivo del Paese, come dimostrano i dati Istat riportati da Occhetta: in Italia esistono 301.191 istituzioni non profit (+28% rispetto al 2001); 4,7 milioni di volontari (+43,5% rispetto al 2001); 681.000 lavoratori dipendenti (+39,4% rispetto al 2001); 271.000 lavoratori esterni (+169,4% rispetto al 2001); 64 miliardi di euro di entrate e 57 miliardi di spesa.

Ecco perché la rivista diretta da Padre Antonio Spadaro chiede di “riordinare, semplificare ed innovare una normativa frammentata ed eterogenea sul Terzo settore e appoggia la volontà politica di fondare un nuovo modo di pensare lo Stato e l’economia che potrà influenzare, non solamente il contesto italiano, ma anche quello europeo”.

I BENEFICIARI

Sono tanti i beneficiari di questa riforma. Essa libererà nuove energie nella società, attraverso il coinvolgimento al servizio civile di circa 100mila ragazzi. Gli stessi pensionati, considerati sempre in termini di costo, potranno diventare nuovamente “produttivi” mettendo a servizio le loro competenze per azioni sociali, mentre ai giovani la politica offre uno strumento per offrire nuovi lavori sul mercato. Anche le famiglie bisognose potranno utilizzare buoni ad hoc, emessi da società concessionarie, per usufruire di servizi di cura a categorie deboli, come bambini, anziani non autosufficienti o a persone con disabilità. E soprattutto, grazie alla riforma, il Terzo Settore non potrà più vivere di rendita. Gli operatori sono chiamati a diventare produttivi, per finanziare i propri scopi senza snaturarne la missione sociale: “È questa la vera svolta culturale da cui dipende il buon esito della riforma”, sottolinea Occhetta.

Fonte: http://www.formiche.net/2014/09/05/civilta-cattolica-sprona-la-politica-sul-terzo-settore/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.