Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Città, l’Italia insegue l’Europa: sviluppo e opere sostenibili, di Giorgio Santilli

Città, l’Italia insegue l’Europa: sviluppo e opere sostenibili, di Giorgio Santilli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 01/02/2021 16:48
Le città italiane muovono i primi passi, ma il nostro ritardo è scolpito nell’elenco delle città che dal 2006 a oggi sono state elette Europen Green Capital…

Si fa strada (faticosamente) anche in Italia l’idea che non ha senso parlare di nuovo modello di sviluppo sostenibile senza un coinvolgimento prioritario delle città che nel mondo sono ormai il principale motore del Pil (ma anche del degrado ambientale) e che - soprattutto in Europa - sono portatrici di nuove esperienze di ridisegno del proprio futuro con una pianificazione di lungo periodo di nuova generazione.

Si fa strada soprattutto nei sindaci delle aree metropolitane, che nel 2017 avevano firmato la Carta di Bologna per l’Ambiente e in alcuni casi virtuosi - da Bologna a Bari, da Milano a Roma - provano ora a esplicitare i loro impegni in «Agende urbane per lo sviluppo sostenibile» secondo il modello lanciato dal ministero dell’Ambiente nel bando del 2019. Al loro fianco l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis) e il Centro nazionale di studi per le politiche urbane (Urban@it). 

Proprio Urban@it raccoglie alcune di queste esperienze nel Sesto Rapporto sulle città, intitolato «Le città protagoniste dello sviluppo sostenibile», che sarà presentato online con i curatori (Nicola Martinelli, Edoardo Croci e Mariavaleria Mininni), il direttore di Urban@it, Walter Vitali, il portavoce di Asvis, Enrico Giovannini, e il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia. Come è nella sua missione istitutiva, Urban@it mette insieme fermenti, tendenze, idee, bisogni per farne uno stimolo utile all’elaborazione di politiche urbane nazionali. 

Contrariamente a quanto accaduto con i precedenti Rapporti - il Quinto era dedicato alle periferie - in questo caso non c’è soltanto la denuncia dell’assenza di una politica nazionale per le città, ma piuttosto il tentativo di raccordare più soggetti che, in ambito europeo, nazionale e territoriale, stanno impostando lavori innovativi. La bussola di partenza sono i 17 obiettivi dell’Agenda Onu 2030 e il tentativo di territorializzarli: non è un caso che l’Ocse abbia stimato che «circa 100 dei 169 target legati agli SDGs (Sustainable Development Goals) non potranno essere raggiunti senza un effettivo coinvolgimento e un coordinamento dei governi locali». Soprattutto dove il benessere degli individui e le politiche per il climate change dipendono da interventi che «sono di corresponsabilità tra livello nazionale e quello locale e spaziano dalla gestione delle risorse naturali ai trasporti e alle infrastrutture, dai servizi sanitari alle infrastrutture sociali, dalla gestione delle città all’utilizzo del suolo». 

Gli investimenti sono già largamente pianificati (l’Asvis ha presentato un rapporto) e vanno in quattro direttrici principali (transizione verde, trasformazione digitale, sanità e lotta alla povertà) con un investimento totale di 200 miliardi in dieci anni. Un tema che ovviamente incrocia direttamente il Recovery Plan italiano in discussione in queste settimane.

A proposito di Recovery Plan, il Rapporto Urban@it rilancia una delle esigenze forti che stanno emergendo con forza nelle molte critiche rivolte da più parti alla bozza di piano italiano e che sono viceversa considerate prioritarie da Bruxelles: la definizione di obiettivi quantificabili, misurabili, monitorabili. Una battaglia culturale fondamentale per raccordare le singole misure in piani strategici, per selezionare coerentemente gli interventi più funzionali al raggiungimento degli obiettivi esplicitati, per comunicare il piano e fare di questi strumenti la base per una maggiore partecipazione di cittadini e imprese.

Resta il ritardo delle nostre città e il gap rispetto alle metropoli europee che con i nuovi piani affrontano le questioni centrali dello sviluppo, delle infrastrutture, della demografia, dell’occupazione e della casa scegliendo come perno capace di tenere insieme e di muovere i singoli obiettivi settoriali a un unico grande obiettivo di sostenibilità. È una corsa ad accelerare il traguardo della carbon neutrality. Copenaghen si propone di diventare la prima città europea a raggiungerlo nel 2025 ma molte altre cercano di anticipare rispetto alla scadenza del 2050 posta dall’accordo di Parigi: Oslo nel 2030, Glasgow ed Helsinki nel 2035, Stoccolma nel 2040. Amsterdam ha approvato la propria Strategia urbana basata sulla transizione sostenibile del settore energetico, dei trasporti e degli edifici, per ridurre le emissioni del 55% entro il 2030 e del 95% entro il 2050. Altre città che hanno preso impegni concreti sono Amburgo e Londra.

Le città italiane non partecipano a questa corsa e muovono i primi passi. Ma il nostro ritardo è scolpito nell’elenco delle città che dal 2006 a oggi sono state elette Europen Green Capital: Tallin nel 2006, Stoccolma nel 2010, Amburgo nel 2011, Vitoria-Gasteiz nel 2012, Nantes nel 2013, Copenaghen nel 2014, Bristol nel 2015, Lubiana nel 2016, Essen nel 2017, Nimega nel 2018, Oslo nel 2019, Lisbona nel 2020, Lahti nel 2021. 

Non mancano le eccezioni anche in Italia. La città che più è avanti in questo lavoro è Bologna, impegnata in un percorso di costante miglioramento delle proprie performance ambientali e di pianificazione degli obiettivi di sostenibilità . Con un approccio integrato alle questioni ambientali sono nati gli Action Plan, con in piani di azione per l’energia sostenibile e i cambiamenti climatici, mentre alla strategia per la qualità urbana ed ecoloigco-ambientale si conformano sia il Piano urbanistico generale sia il Piano urbano della mobilità sostenibile.

Il rapporto chiede un processo di semplificazione per gli investimenti pubblici e una definizione chiara di infrastruttura strategica, inserendo in tale categoria le infrastrutture in linea con il Green deal europeo.

 

https://www.ilsole24ore.com/art/citta-l-italia-insegue-l-europa-sviluppo-e-opere-sostenibili-ADooG6FB

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.