Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Chiese vuote e cieli pieni, di Raniero La Valle

Chiese vuote e cieli pieni, di Raniero La Valle

creato da webmaster ultima modifica 15/09/2015 10:10
Le statistiche sono impietose: si lamenta una caduta verticale della pratica religiosa nelle nuove generazioni, e si imputa al Concilio ciò che è il prodotto della secolarizzazione, sicché sarebbe colpa del Concilio se le chiese sono vuote, i seminari deserti e i monasteri ormai troppo grandi. Si dimentica però...

 

Da poco più di un mese è cominciato l’anno dedicato alla memoria del Vaticano II. Dopo cinquant’anni di una ricezione non certo impetuosa il Concilio è stato risvegliato come evento decisivo per la fede ed è oggetto di un gran numero di celebrazioni e rivisitazioni. Ma non ci sono solo gli osanna, ci sono anche le contestazioni al Concilio, aperte e sotterranee, e ci sono i disagi, le reticenze e le riserve.

L’istituzione fondata dal vescovo Lefebvre odia il Concilio ma non ha ancora del tutto rotto con Roma perché non vuole essere una piccola Chiesa, ma vorrebbe che tutta la grande Chiesa tornasse a essere come era prima, cioè come la setta lefebvriana continua ad essere tuttora. E neanche a Roma mancano sotterranee nostalgie in questo senso.

Altre riserve nei confronti del Concilio sono espresse in modo più sfumato e sono piuttosto sintomo di un disagio per una svolta che per quanto positiva non andrebbe riproposta senza le opportune cautele e le correzioni del caso. Così ad esempio Benedetto XVI, in un articolo pubblicato sull’Osservatore Romano nel giorno del cinquantesimo anniversario, ha trovato che il Concilio non sarebbe riuscito a cogliere davvero ciò che è “essenziale e costitutivo dell’età moderna”, benché volesse stabilire un rapporto positivo con essa e proprio questa fosse l’intenzione della Costituzione pastorale; il cardinale Piacenza, prefetto della Congregazione del clero, considera a sua volta la “Gaudium et Spes” oggettivamente datata, dice che ci sarebbe oggi una “resa della ragione” al determinismo moderno e si è chiesto addirittura se la modernità “è compatibile con l’Avvenimento cristiano”. In riferimento poi al postulato fondamentale di papa Giovanni (cambiare il linguaggio per trasmettere la stessa fede) si è chiesto se basti “mutare o adattare il linguaggio” e se “è davvero possibile mutare il linguaggio senza, in fondo, mutare qualcosa anche del contenuto essenziale del dato rivelato”: il che, per un Concilio, non è un sospetto da poco.

Un’altra delusione affiora nell’analisi di padre Piero Gheddo, un autorevole missionario che al Vaticano II fu chiamato come esperto, secondo il quale “fino al Concilio la Chiesa viveva una stagione di fervore missionario oggi inimmaginabile”, ma poi ci fu un crollo repentino: “si riduceva l’obbligo religioso di evangelizzare a impegno sociale… come se la Chiesa fosse un’agenzia di aiuto e di pronto intervento per rimediare alle ingiustizie e alle piaghe della società”, sicché oggi si preferirebbe raccogliere firme contro le armi o il debito estero piuttosto che incoraggiare alle missioni.
Anche le statistiche sono impietose: si lamenta una caduta verticale della pratica religiosa nelle nuove generazioni, e si imputa al Concilio ciò che è il prodotto della secolarizzazione, sicché sarebbe colpa del Concilio se le chiese sono vuote, i seminari deserti e i monasteri ormai troppo grandi.

Si dimentica però che lo scopo del Concilio non era di riempire le chiese, ma di salvare il mondo. Come quello di Gesù, del resto, che non voleva mettere al posto del tempio le sue chiese, ma fare del suo corpo un tempio dato per amore all’umanità tutta intera. L’idea che basti stare nella chiesa, come nella casa di Raab la prostituta, per salvarsi, non è una buona idea, e Raab come figura della Chiesa non è il migliore frutto della tradizione ambrosiana. Non bastò agli abitanti di Casarsa rifugiarsi nella piccola chiesa del borgo per salvarsi, furono tutti uccisi nel cimitero di Monte Sole, dove si sparò ad altezza di bambino, e dove ora riposa don Dossetti, simbolo moderno della pace e del diritto.

Perciò il Concilio dovrebbe suscitare non giudizi, ma domande. Come potrebbe ad esempio oggi la Chiesa combattere il relativismo, bollato come “resa della ragione”, se non fosse uscita dal conflitto con la modernità e con l’illuminismo, nel quale aveva combattuto la ragione accusandola di voler essere misura di tutte le cose, e di pretendere a un primato, a un’”ipertrofia della ragione” come la definisce il cardinale Piacenza? E come potrebbe rivendicare le radici cristiane dell’Europa, se con l’ecumenismo non avesse fatto pace con tutto il cristianesimo europeo, e non avesse tolto l’impedimento della contrapposizione confessionale all’unità dell’Europa?

E la domanda decisiva dovrebbe essere questa: dopo il Concilio, vediamo solo le chiese vuote o non vediamo piuttosto i cieli pieni? Certo li vediamo più pieni di quanto li credevamo prima. Ora sappiamo che ci sono tutti i bambini morti senza battesimo (il Limbo non era vero), che ci sono gli uomini prima dell’incarnazione, dato che “indubbiamente lo Spirito Santo operava nel mondo prima ancora che Cristo fosse glorificato”, ci sono musulmani ed ebrei, indù e pagani; ora sappiamo che non si salvano solo i cattolici, e nemmeno solo i cristiani, ma “tutti gli uomini di buona volontà, nel cui cuore lavora invisibilmente la grazia”; insomma il mondo, e di conseguenza i cieli, non sono fatti solo per pochi eletti, essendo tutti gli altri una “massa dannata” come pensava s. Agostino. E perfino le missioni vanno bene come non mai, se come dice lo stesso padre Gheddo nel 1960 i cattolici in Africa erano 35 milioni e ora sono 172, e anche nel mitico Vietnam che ha resistito all’Occidente i cattolici sono ormai il 10 per cento della popolazione.

Fonte: "www.ranierolavalle.it", del 21 novembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.