Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Chi multa l’elemosina colpisce al cuore cristianesimo, ebraismo e Islam, di Antonio Salvati

Chi multa l’elemosina colpisce al cuore cristianesimo, ebraismo e Islam, di Antonio Salvati

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 05/05/2020 08:58
La Lega a Sassuolo che punisce chi fa la carità tradisce il messaggio cristiano. La parabola del buon samaritano insegna tutt’altro. Papa Francesco ha colmato la distanza che si era creata tra Chiesa e poveri…

La crisi attuale della pandemia ci mostra anche la necessità di relazioni umane e di reti di solidarietà. Ovviamente, ma più drammaticamente, è un momento difficile per i più poveri, soprattutto per coloro che vivono per strada. In tal senso, è apparso francamente sconcertante quanto ha deciso l’amministrazione comunale di Sassuolo, a maggioranza Lega, che ha votato un provvedimento che prevede una sanzione di 56 euro non a quanti chiedono la carità per strada, ma a chi la carità per strada la fa (clicca qui per la notizia). È opportuno ricordare che chiedere l’elemosina non è reato, così come non è reato l’accattonaggio o, addirittura, vivere per strada. Proprio a quest’ultimo riguardo, una importante sentenza della Cassazione del 2017 stabiliva che vivere per strada è lecito, così come è lecito e non costituisce reato dormire per strada.

Sulle strade delle grandi città s’incontrano tanti uomini e donne, tanti poveri, differenti tra loro. La via è la casa dei poveri più che dei ricchi. I poveri camminano. Camminano a piedi, come avviene nelle periferie delle città africane. Nel tempo della globalizzazione e della facilità delle comunicazioni, per i poveri diventa troppo caro muoversi, per molti impossibile. Prima della pandemia c’era tanta folla sulla nostra strada. Ogni via, anche quelle centrali e importanti, sono talvolta periferia quando nessuno ti guarda. Per questo colpisce la misura adottata dal comune di Sassuolo: colpevolizza i poveri e vuole privare loro anche la possibilità d’incontro, di relazione, di amicizia che spesso si concretizzano attraverso l’elemosina.

Gregorio Magno, divenuto Papa della Chiesa cattolica dal 3 settembre 590, insegna come i poveri, anche se molesti – pensava all’insistente richiesta d’elemosina - vadano capiti, mentre ricorda che non bisogna dar loro solo denaro, ma anche il dono della parola. Sì, parlare con i poveri. Dice Crisostomo, patriarca di Costantinopoli e dottore della Chiesa del IV secolo: “… mettiamo un freno alla lingua, scacciamo la disumanità, tendiamo la mano all’elemosina e confortiamo i poveri non solo con il denaro, ma anche con le parole per sfuggire alla punizione dovuta per le ingiurie ed ereditare la benedizione a motivo delle elemosina…”

L’amore per il povero – per i cristiani - è un’esperienza religiosa. Il povero è un criterio certo della verità, che ti indica la parte vera e giusta della storia e della tua vita. Il libro del Siracide parla dello sguardo del povero e verso il povero, perché tante volte – quando la voce viene meno - parlano gli occhi: “non essere insensibile allo sguardo del bisognoso” (4,1). E precedentemente: “Non respingere la supplica del povero/ non distogliere lo sguardo dall’indigente” (1,49).

Penalizzare l’elemosina è come colpire il cuore del messaggio cristiano. Nella parabola del buon samaritano, narrata nel Vangelo di Luca, Gesù mette in risalto la misericordia e la compassione cristiana. Il samaritano dette denaro all’albergatore per mantenerlo qualche giorno e lo coinvolse nella sua preoccupazione: “Abbi cura di lui”. Parlò con l’albergatore. Aiutare un ferito è coinvolgere gli altri, un ambiente, nella cura. La commozione per i poveri è creativa, coinvolgente, intelligente. Da quel giorno, il povero era entrato nella vita del samaritano, perché promise di ritornare. Il ferito anonimo era diventato un nome: quindi un impegno e un amico. Incontrare qualcuno per strada, guardarsi negli occhi, vuol dire ricordarsi il nome, non dimenticarlo: riguarda tutti, ma specie i poveri. Molti tratti di questa esperienza umana e spirituale appartengono al patrimonio non solo cristiano, ma universale.

C’è stato nel corso dei secoli un grave divorzio tra la Chiesa e i poveri. Soprattutto in questi anni, segnati dalla predicazione di papa Francesco di una Chiesa amica dei poveri e in uscita sulle strade, si è colmato il divorzio tra la Chiesa e i poveri. Non è Francesco, uomo di Dio e della preghiera, ma amico dei poveri? Oggi Francesco è la più forte voce per i poveri nel mondo. Un cristianesimo amico dei poveri e, per questo, amico di tutti.

Per Papa Francesco Gesù è nei poveri. Nella Lumen gentium, la costituzione del Concilio Vaticano II sulla Chiesa (1964), si legge al capitolo ottavo: “La Chiesa circonda d’affettuosa cura quanti sono afflitti dalla umana debolezza, anzi riconosce nei poveri e nei sofferenti l’immagine del suo Fondatore, povero e sofferente, anzi si premura di sollevarne l’indigenza e in loro intende servire Cristo”. Tanto che nel messaggio finale del Concilio, rivolto ai poveri e ai sofferenti, si legge: “Sappiate che non siete soli, né separati, né abbandonati, né inutili: siete i chiamati da Cristo, la sua immagine vivente e trasparente”.

La parola ebraica che indica l'elemosina, Tzedaka, viene da Tzedek, giustizia. I rabbini enfatizzano l’importanza della Tzedaka dicendo che il suo valore è simile a quello di tutti gli altri comandamenti messi insieme. Un detto rabbinico insegna: “La Tzedaka salva dalla morte”. Un rabbino contemporaneo Reuven Kimmelman, commenta: “la Tzedaka può anche non salvarci, ma ci rende senza dubbio degni della salvezza”.

L’elemosina nell’espressione della "carità" islamica è molto simile al concetto di carità cristiana, in quanto contiene in sé la solidarietà che si deve avere verso i propri simili più deboli e più bisognosi. L’elemosina nell’Islam rappresenta non solamente un atto di sostegno ai più bisognosi, ma acquista un significato più ampio: è la solidarietà che ogni musulmano deve manifestare concretamente verso la propria umma (comunità intesa sia in ambito religioso che politico).

Non a caso per Papa Francesco l’elemosina deve tramutarsi per tutti in un vero e proprio stile di vita. Il «consumo» della religione non ci rende donne e uomini di Dio, come credono alcuni sovranisti. È l’ascolto della Parola, la sua meditazione nei nostri cuori che ci fa volgere verso Dio. Non è il divino, inteso come prodotto religioso da consumare, a darci un senso di felicità. Una vera e sincera conversione ci porta sempre verso gli esseri umani creati da Dio. Una vera conversione non si limita a trasformare il nostro cuore, ma cambia anche il nostro modo di vivere, le nostre azioni. Infatti, questa emergenza ci ha fatto conoscere un mondo di carità non formale fatta da tanti esercenti, baristi, ristoratori, semplici cittadini che si sono presi cura di tanti poveri di strada. Tanti samaritani che ritengono indecente multare la carità.

https://www.globalist.it/saperi/2020/05/02/chi-multa-l-elemosina-colpisce-al-cuore-cristianesimo-ebraismo-e-islam-2057402.html

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.