Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Charlie Hebdo, non è satira, è solo schifo, di Francesco Anfossi

Charlie Hebdo, non è satira, è solo schifo, di Francesco Anfossi

creato da webmaster ultima modifica 03/09/2016 11:07
02/09/2016 Una vignetta ironizza sul sangue delle vittime del terremoto di Amatrice. Ma questa non satira e nemmeno libertà di espressione: è grottesca indecenza.
Charlie Hebdo, non è satira, è solo schifo, di Francesco Anfossi

(In alto: la vignetta pubblicata dalla rivista Charlie Hebdo sui terremotati di Amatrice)

 

Il sangue delle vittime del terremoto di Amatrice trasformato in pomodoro, i morti paragonati alla besciamella delle lasagne. L'ultima, grottesca, indecente vignetta del "Charlie Hebdo", ormai sedicente settimanale satirico non fa ridere: suscita solo un sentimento di pena per chi l'ha disegnata. E non riusciamo nemmeno a  immaginare l'ignoto vignettista, erede dei 12 martiri trucidati una mattina di gennaio del 2014, dilungarsi sul pennello mentre ritrae, sbeffeggiandoli, i morti innocenti del sisma: uomini, donne, vecchi, bambini, tanti bambini. Insomma: uno schifo.

Questa naturalmente non è libertà di espressione, quella per la quale milioni di persone scesero in piazza dopo il massacro degli innocenti della redazione del Charlie Hebdo, del suo direttore Stéphane Charbonnier e dei suoi colleghi, ma solo la grottesca caricatura di una satira mal riuscita e gravemente offensiva. Del resto dopo la strage della redazione i nuovi numeri del periodico si erano caratterizzati per una serie di vignette di cattivo gusto (come se anche la satira non avesse dei limiti di rispetto di valori e uomini). Basterebbe citare quella in cui ritrae papa Francesco come un cane rabbioso, o quella all'indirizzo del povero bimbo Aylan morto sul bagnasciuga di Bodrum, una delle vittime dell'immigrazione ("se fosse cresciuto sarebbe diventato un molestatore"). L'insuccesso, direbbe Flaiano, ha dato loro alla testa: evidentemente per rimediare a una crisi creativa, non essendo all'altezza dei loro maestri e martiri, i nipotini della rivista hanno puntato sul cattivo gusto, sperando di suscitare clamore. Senza peraltro non dico far ridere, ma nemmeno provocare la piega di un angolo della bocca.

La vignetta pubblicata dalla rivista su Facebook in risposta al moto di indignazione per la satira sui terremotati di Amatrice.
La vignetta pubblicata dalla rivista su Facebook in risposta al moto di indignazione per la satira sui terremotati di Amatrice.

Quanto alla precisazione pubblicata su Facebook con un'altra vignetta ("non è Charlie Hebdo che ha costruito le vostre case, ma la mafia"), essa aggiunge solo indecenza a indecenza: facile ironizzare sulle debolezze strutturali delle abitazioni se il proprio Paese è molto meno a rischio, ricadendo nei peggiori, frusti, supponenti e vuoti stereotipi dei francesi nei confronti del nostro Paese. E questi sarebbero i progressisti? Che pena. Ci sarebbe da sfilare per le strade di Parigi al grido di #Je ne suis pas Charlie Hebdo.

Fonte: Famiglia Cristiana del 2 settembre 2016

Azioni sul documento
  • Stampa
direttore
direttore :
03/09/2016 11:02
Condivido in pieno l'articolo e rimando al nostro n. 101 sulla libertà di stampa. Bless you all http://www.cercasiunfine.it/[…]/cercasiunfine-101-2015
I commenti sono stati disabilitati.
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.