Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ceccanti: Votando così il sistema politico si spappola

Ceccanti: Votando così il sistema politico si spappola

creato da D. — ultima modifica 24/09/2015 13:03
Intervista a Stefano Ceccanti: costituzionalista ed esperto di sistemi elettorali analizza le motivazioni della sentenza della consulta contro il "porcellum"

Stefano Ceccanti, costituzionalista, esperto di sistemi elettorali: tutte prevedibili le motivazioni della Consulta sulla bocciatura della legge elettorale?

“Rispetto a quello che era stato annunciato non mi hanno sorpreso. Mi sembra che sia stata confermata l’idea di lasciare al Parlamento dei margini significativi di intervento”.

Qualche esperto ha anche insinuato il sospetto di qualche forzatura. Che dice?

“Mi lascia sempre un po’ stupito avere giudicato questo ricorso ammissibile. Ha prevalso, evidentemente l’idea di non lasciare zone franche dal controllo di costituzionalità. Questo è l’elemento di cui ha parlato anche oggi il presidente emerito De Servio. È l’elemento che ha portato a discutere di questa sentenza, non tanto sul merito ma sull’ammissibilità della richiesta”.

Praticamente siamo tornati in un sistema proporzionale puro? È così?

“Si, la Corte non volendo e non potendo lasciare il vuoto ha tolto due elementi ritenuti incostituzionali, cioè un premio molto alto e le liste bloccate. Ma ci ha lasciato una legge pessima”.

In che senso?

“La legge ora è costituzionale, ma è pessima. Votando con questa legge si rischierebbe il total spappolamento di sistema politico”.

Si contempla anche il recupero delle preferenze. Una scelta obbligata?

“Mentre il premio sproporzionato era già stato segnalato dalla Corte, seppure senza arrivare all’incostituzionalità, quest’ultimo elemento è del tutto nuovo e non del tutto atteso. E come tale si presta a critiche. Rispetto alla preoccupazione di lasciare pochi margini al Parlamento, la Corte ha sottolineato che il Parlamento può sia adottare i collegi uninominali, sia le preferenze sia liste bloccate corte”.

Perché le liste devono essere necessariamente corte?

“Perché le liste bloccate corte, che sono un elemento molto ricorrente nelle democrazie, consentono comunque la visibilità dei candidati e la stampabilità dei loro nomi sulla scheda. Quindi sono più simili ai collegi uninominali da questo punto di vista che non le liste bloccate lunghe in cui l’elettore non conosce effettivamente i candidati”.

Quindi, allo stato, se non intervenisse il Parlamento si tornerebbe al voto con il proporzionale e con la possibilità di indicare una sola preferenza?

“Si, cosa che costituirebbe una notevole anomalia perché il sistema delle preferenze è un sistema anomalo nelle grandi democrazie. Che adottano o collegi uninominali o liste bloccate corte. Mi auguro che non si vada a votare con questo sistema”.

Ma con le preferenze i cittadini scelgono il loro deputato. Non le sembra un buon argomento?

“No. Non è un caso che nelle grandi democrazie la preferenza non sia utilizzata. È un elemento di aumento dei costi delle campagne elettorali e di dipendenza da lobby esterne. Un elemento di micro personalizzazione molto negativo”.

Ci può essere un filo rosso che unisce l’impianto che emerge dalle motivazioni con le tre proposte di riforma elettorale presentate dal Pd?

“L’impianto che emerge dalla decisione è costituzionale ma è molto negativo. Ma non emerge nessun problema per le tre proposte lanciate da Renzi. Tutte e tre sono compatibili con la sentenza della Corte”.

Quale dei tre modelli adotterebbe?

“Personalmente per la scelta dei candidati preferisco di gran lunga i collegi uninominali. Che è il meccanismo più semplice per individuare gli eletti. Sul meccanismo di scelta di una maggioranza sarebbe preferibile, vista la frammentazione, scegliere con un secondo turno nazionale. Auspico una sintesi tra il modello dei collegi uninominali e quello del doppio turno nazionale”.

Bisognerebbe ridisegnare i collegi. Con tutti i sospetti che sorgerebbero. Non si perderebbe altro tempo?

“Ma occorrerebbe poco più di un mese e mezzo. Non è così difficile”.

Vede il clima per chiudere questa partita?

“Sul traino dell’iniziativa di Renzi credo sia immaginabile arrivare ad un punto positivo”.

fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno, 15.01.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.