Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ceccanti: «Berlusconi accetti la sentenza. Decadenza sicura, è l'ora di un successore», di Angelo Picariello

Ceccanti: «Berlusconi accetti la sentenza. Decadenza sicura, è l'ora di un successore», di Angelo Picariello

creato da D. — ultima modifica 29/09/2015 10:38
Senza un’accettazione della sentenza una grazia non può configurarsi», taglia corto Stefano Ceccanti. Il costituzionalista, ex parlamentare del Pd e attento osservatore del Quirinale sgombra il campo decisamente. E denuncia il rischio di un avvitamento in una «crisi insormontabile per il Paese e senza sbocchi, aggravata dalle prevedibili dimissioni di Napolitano»

L'INTERVISTA

Per Bondi si rischia la guerra civile.
Richiamare un concetto del genere è non solo irresponsabile, ma anche sconnesso rispetto al sentire comune, persino di quella parte dell’elettorato di centrodestra portato a solidarizzare con Berlusconi, ma che non capisce un riferimento così sproporzionato. E non capirebbe neanche l’apertura di una crisi di governo al buio, con il rischio che ne conseguirebbe - come dicevo - di dimissioni di Napolitano, richiamate nel suo discorso di insediamento contro logiche irresponsabili che dovessero riemergere. Con una corsa a precipizio verso le elezioni a legge elettorale invariata e il probabile esito di elezioni senza vincitore, allarmante per gli italiani e per chi ci guarda da fuori.

Per il Pdl solo la grazia eviterebbe questi rischi.

Si tira in ballo il Presidente della Repubblica ma ci sono almeno tre problemi insuperabili. Il primo è che in questa fase non si può presentare comunque, perché la sentenza, pur esecutiva, non è ancora completa: manca il ricalcolo della sanzione accessoria sull’interdizione dai pubblici uffici. Il secondo è che essa suppone comunque un’accettazione della sentenza, a cui si chiede di derogare per altre ragioni, in questo caso per una sorta di ragion politica di tutela del capo di uno schieramento. Invece sin qui Berlusconi ha contestato in radice la sentenza come prodotto di un complotto politico-giudiziario. Collegato a questo c’è un terzo problema: anche se cambiasse linea, quanto meno per convenienza, sul punto precedente, una grazia che intervenisse a ridosso della sentenza, per di più passando sopra la consuetudine del non concederla a chi ha altri procedimenti in corso, suonerebbe come una sorta di quarto grado di giudizio che delegittimerebbe i precedenti.

Cosa dovrebbe fare allora il centrodestra?

La principale colpa di Berlusconi, sul piano politico, è il ritardo nell’affrontare la sua successione alla guida del centrodestra, nell’emancipare uno schieramento che esiste nel Paese e di cui il funzionamento ordinato della democrazia ha bisogno, dalle sue sorti personali. Questo avrebbe dovuto essere il primo punto in agenda soprattutto dopo una sentenza che, a causa del decreto legislativo che ha seguito la legge Severino, lo rende incandidabile per sei anni al Parlamento, lo esclude per lo stesso periodo da cariche di Governo e lo porterà in poche settimane alla decadenza dal Senato.

Ne è sicuro, autorevoli giuristi ne mettono in dubbio la retroattività.

Sono stato relatore di quella legge, so quel che dico. Legge che, detto per inciso, l’area giustizialista ha bombardato come acqua fresca. L’interdizione non è sanzione penale, l’irrretroattività non vale.

E il centrosinistra, come deve porsi?

Il Pd ha il dovere di mantenere ferma, in mezzo alle opposte campagne che confondono sentenze e politica, la distinzione tra le due sfere e di dare slancio al governo perché faccia riforme forti nei prossimi mesi.

Non sarà facile, viste le spinte grilline e della sinistra antagonista.

Sarebbe forse più agevole assecondare le spinte alla rottura presenti nell’elettorato di appartenenza, ma il Pd è nato, secondo una bella espressione di Andreatta, per essere il Country party, il "Partito del Paese". Dal canto suo il governo deve aiutare il Pd, dimostrando di non mirare a sopravvivere, ma di fare vere e durature riforme.

 

fonte: www.avvenire.it, 4 agosto 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.