Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ceccanti: «Berlusconi accetti la sentenza. Decadenza sicura, è l'ora di un successore», di Angelo Picariello

Ceccanti: «Berlusconi accetti la sentenza. Decadenza sicura, è l'ora di un successore», di Angelo Picariello

creato da D. — ultima modifica 29/09/2015 10:38
Senza un’accettazione della sentenza una grazia non può configurarsi», taglia corto Stefano Ceccanti. Il costituzionalista, ex parlamentare del Pd e attento osservatore del Quirinale sgombra il campo decisamente. E denuncia il rischio di un avvitamento in una «crisi insormontabile per il Paese e senza sbocchi, aggravata dalle prevedibili dimissioni di Napolitano»

L'INTERVISTA

Per Bondi si rischia la guerra civile.
Richiamare un concetto del genere è non solo irresponsabile, ma anche sconnesso rispetto al sentire comune, persino di quella parte dell’elettorato di centrodestra portato a solidarizzare con Berlusconi, ma che non capisce un riferimento così sproporzionato. E non capirebbe neanche l’apertura di una crisi di governo al buio, con il rischio che ne conseguirebbe - come dicevo - di dimissioni di Napolitano, richiamate nel suo discorso di insediamento contro logiche irresponsabili che dovessero riemergere. Con una corsa a precipizio verso le elezioni a legge elettorale invariata e il probabile esito di elezioni senza vincitore, allarmante per gli italiani e per chi ci guarda da fuori.

Per il Pdl solo la grazia eviterebbe questi rischi.

Si tira in ballo il Presidente della Repubblica ma ci sono almeno tre problemi insuperabili. Il primo è che in questa fase non si può presentare comunque, perché la sentenza, pur esecutiva, non è ancora completa: manca il ricalcolo della sanzione accessoria sull’interdizione dai pubblici uffici. Il secondo è che essa suppone comunque un’accettazione della sentenza, a cui si chiede di derogare per altre ragioni, in questo caso per una sorta di ragion politica di tutela del capo di uno schieramento. Invece sin qui Berlusconi ha contestato in radice la sentenza come prodotto di un complotto politico-giudiziario. Collegato a questo c’è un terzo problema: anche se cambiasse linea, quanto meno per convenienza, sul punto precedente, una grazia che intervenisse a ridosso della sentenza, per di più passando sopra la consuetudine del non concederla a chi ha altri procedimenti in corso, suonerebbe come una sorta di quarto grado di giudizio che delegittimerebbe i precedenti.

Cosa dovrebbe fare allora il centrodestra?

La principale colpa di Berlusconi, sul piano politico, è il ritardo nell’affrontare la sua successione alla guida del centrodestra, nell’emancipare uno schieramento che esiste nel Paese e di cui il funzionamento ordinato della democrazia ha bisogno, dalle sue sorti personali. Questo avrebbe dovuto essere il primo punto in agenda soprattutto dopo una sentenza che, a causa del decreto legislativo che ha seguito la legge Severino, lo rende incandidabile per sei anni al Parlamento, lo esclude per lo stesso periodo da cariche di Governo e lo porterà in poche settimane alla decadenza dal Senato.

Ne è sicuro, autorevoli giuristi ne mettono in dubbio la retroattività.

Sono stato relatore di quella legge, so quel che dico. Legge che, detto per inciso, l’area giustizialista ha bombardato come acqua fresca. L’interdizione non è sanzione penale, l’irrretroattività non vale.

E il centrosinistra, come deve porsi?

Il Pd ha il dovere di mantenere ferma, in mezzo alle opposte campagne che confondono sentenze e politica, la distinzione tra le due sfere e di dare slancio al governo perché faccia riforme forti nei prossimi mesi.

Non sarà facile, viste le spinte grilline e della sinistra antagonista.

Sarebbe forse più agevole assecondare le spinte alla rottura presenti nell’elettorato di appartenenza, ma il Pd è nato, secondo una bella espressione di Andreatta, per essere il Country party, il "Partito del Paese". Dal canto suo il governo deve aiutare il Pd, dimostrando di non mirare a sopravvivere, ma di fare vere e durature riforme.

 

fonte: www.avvenire.it, 4 agosto 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.