Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Cattolici e referendum costituzionale, di Giovanni Bucchi

Cattolici e referendum costituzionale, di Giovanni Bucchi

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 08/06/2016 11:38
Un resoconto sulle varie posizioni cattoliche sul prossimo referendum...

 

Da “cattolico adulto” quale è, Matteo Renzi ha ricordato di aver giurato sulla Costituzione e non sul Vangelo. Quella stessa Costituzione per lui non è un testo sacro inviolabile, dato che necessita di qualche aggiornamento. Peccato però che proprio la sua riforma firmata con un’altra “cattolica adulta” come la ministra Maria Elena Boschi stia trovando parecchi ostacoli all’interno del mondo cattolico, sia dalle aree più conservatrici che da quelle annoverate nella schiera dei progressisti.

LE POLEMICHE SULLA RIVISTA DEI GESUITI

Ad aprire le danze di questo dibattito è stata la rivista dei gesuiti La Civiltà Cattolica che, come ormai anche i muri sanno, prima di venire data alle stampe riceve il benestare della Segreteria di Stato della Santa Sede. Da qui l’attenzione spasmodica che gli riservano i media ogni volta che si schiera in un senso o in un altro. Un articolo di padre Francesco Occhetta che ha auspicato di fatto la vittoria dei sì al referendum (qui la ricostruzione di Formiche.net) ha scatenato un mezzo putiferio, costringendo il direttore della rivista padre Antonio Spadaroa precisare via Twitter che La Civiltà Cattolica darà spazio anche ad altri contributi di diverso tenore (qui una ricostruzione dell’accaduto).

COSA DICE LA CEI

La data del voto è ancora lontana ma anche la voce della Cei inizia a farsi sentire. Non direttamente, e nemmeno con un’aperta indicazione di voto. Però i primi segnali si iniziano a scorgere: come il titolo a tutta pagina dell’edizione domenicale del quotidiano dei vescovi Avvenire (“Il referendum del secolo”), che ha dato ampio spazio all’avvio della campagna di Renzi a Bergamo, con ben due editoriali legati al voto referendario, uno in difesa della riforma e firmato dal giurista Marco Olivetti, docente di Diritto costituzionale alla Lumsa di Roma, l’altro più critico anche se in maniera articolata, opera del costituzionalista dell’Università di Torino Mario Chiavario. Dal canto suo, il Forum delle Famiglie (organizzazione vicina alla Cei) tramite il presidente Gigi De Palo ha fatto sapere di non voler boicottare il referendum costituzionale per via delle unioni civili, con chiaro riferimento alla posizione del Comitato Difendiamo i nostri figli apertamente schierato per il no. Inoltre qualche tempo fa su Agensir, l’agenzia di stampa dei vescovi, è stato pubblicato un intervento del professor Francesco Bonini, ordinario di Storia delle istituzioni politiche alla Lumsa di Roma, che ha invitato le parti in causa a promuovere un dibattito vero, lontano dai rumori delle opposte tifoserie.

IL NO DALLE ASSOCIAZIONI DEI LAVORATORI

Il fronte del no al referendum costituzionale ha già trovato importanti adesioni nelle associazioni cattoliche dei lavoratori. Il Movimento cristiano lavoratori non si è ancora espresso ufficialmente ma il suo presidente Carlo Costalli ha anticipato al Tempo alcuni dubbi (qui l’intervista) avanzando critiche all’operato del governo Renzi. Per quanto riguarda le Acli, organizzazione da sempre vicina ai cattolici del centrosinistra, il neoeletto presidente Roberto Rossini ha rimandato a settembre il tema referendario, ma dalle sedi territoriali si alzano le prime voci fortemente contrarie alla riforma Renzi-Boschi come quella delle Acli di Bergamo (qui l’intervento).

RISPUNTANO I COMITATI DOSSETTI

“La posta in gioco tra il Sì e il No nel prossimo referendum costituzionale non è il Senato ma è l’abbandono della Costituzione vigente e la sua sostituzione con un sistema di democrazia dimezzata”. Sono le durissime parole contenute nell’incipit dell’appello promosso dai cosiddetti “Cattolici del no”, firmato da numerosi esponenti del cattolicesimo di base e collaterale alla sinistra, a partire da padre Alex Zanotelli e dal giornalista Raniero La Valle (qui l’appello). Tra i firmatari spuntano anche i referenti dei Comitati Dossetti, ispirati allo storico esponente emiliano della sinistra democristiana, scesi in piazza qualche giorno fa a Bologna per manifestare a favore del no (qui la loro posizione).

TRA CL E FAMILY DAY

Comunione e Liberazione non ha (ancora) preso posizione in merito al referendum costituzionale. Negli ambienti ciellini però non manca il fermento, come testimoniato dall’attenzione posta dal quotidiano d’area il Sussidiario che proprio ieri ha ospitato un’interessante ricostruzione sulle reali intenzioni di Renzi, mentre alcuni politici di riferimento del Movimento come il capogruppo di Area Popolare Maurizio Lupi sono in prima linea nel sostenere le ragioni della riforma.
Sul fronte Family Day, sabato 28 a Roma il Comitato Difendiamo i nostri figli guidato da Massimo Gandolfini terrà a battesimo il Comitato “Famiglie per il no al referendum”, confermando così la decisione già annunciata di voler contrastare con ogni mezzo (politico) il premier dopo l’ok al ddl Cirinnà. La stessa giornalista cattolica Costanza Miriano, tra le organizzatrici della manifestazione romana, ha spiegato al Foglio le ragioni della sua posizione.


http://formiche.net/2016/05/24/che-si-dice-tra-giornali-e-movimenti-cattolici-sul-referendum-costituzionale/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.