Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Caro Salvini, perché l’emergenza razzismo esiste, di Stefano Vespa

Caro Salvini, perché l’emergenza razzismo esiste, di Stefano Vespa

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 31/07/2018 12:14
Mentre il Capo dello Stato interviene con decisione contro gli episodi che fanno somigliare il Paese a un Far West, il ministro dell'Interno avrebbe dovuto, nel suo appello, fare un passo in più…

La morte del marocchino ad Aprilia, in provincia di Latina, inseguito nella notte e pestato da due italiani ora accusati di omicidio preterintenzionale, sembra avere delle assonanze con i gravissimi fatti di Macerata dove all’inizio di febbraio Luca Traini sparò e ferì sei nigeriani dopo l’omicidio di Pamela Mastropietro. Fu una reazione pianificata, chiaramente razzista, che aprì un infinito dibattito nel quale la condanna non era unanime e c’era spesso un preoccupante “ma”: “Non si può agire così, ma non se ne può più…” era il concetto. Nel caso di Aprilia saranno le indagini dei Carabinieri a ricostruire i fatti e a verificare, per esempio, se è vero che nella zona c’erano delle ronde di cittadini, così come sarà l’autopsia a stabilire se quel marocchino è morto perché la sua auto è uscita fuori strada o in seguito all’aggressione. È vero che i cittadini di Aprilia hanno chiamato ripetutamente il 112 per segnalare l’auto, è altrettanto vero però che non si sono limitati ad aspettare la pattuglia, ma hanno inseguito il potenziale ladro e le immagini di alcune videocamere dimostrerebbero i fatti.

Ogni giorno ce n’è una. Daisy Osakue, campionessa nel getto del peso, nata a Torino da genitori nigeriani, è stata colpita a un occhio da un uovo lanciato da un’auto a Moncalieri e dovrà essere operata per la rimozione di un frammento del guscio. Lei, che sta preparando i campionati europei di atletica con la nazionale italiana, sostiene che si tratti di razzismo, i Carabinieri hanno dei dubbi. Nei giorni scorsi tutta la stampa si è occupata dei sempre più frequenti casi di immigrati feriti da armi ad aria compressa o aggrediti come il senegalese picchiato mentre lavorava in un bar di Partinico, nel Palermitano. Lo stesso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è intervenuto con decisione dopo il ferimento di una bambina rom: “L’Italia non può somigliare a un Far West dove un tale compra un fucile e spara dal balcone ferendo una bambina di un anno, rovinandone la salute e il futuro. Questa è barbarie e deve suscitare indignazione”. Episodi di varia gravità avvengono dappertutto quasi ogni giorno e non sempre hanno la ribalta nazionale. Uno, per esempio, è avvenuto nel Teramano dove un senegalese regolare che vive e lavora a Roseto degli Abruzzi, sposato con un’italiana e padre di una figlia, è andato alla Asl per chiedere informazioni e un impiegato gli avrebbe detto: “Vattene, questo non è l’ufficio del veterinario”. Se ne stanno occupando i Carabinieri.

In questa complessa situazione la reazione del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, forse è stata incompleta. “Aggredire e picchiare è un reato, a prescindere dal colore della pelle di chi lo compie, e come tale va punito. Ma accusare di razzismo tutti gli italiani e il governo in seguito ad alcuni limitati episodi è una follia”, ha detto Salvini aggiungendo che “i reati commessi ogni giorno in Italia da immigrati sono circa 700, quasi un terzo del totale, e questo è l’unico vero allarme reale contro cui da ministro sto combattendo”. E che ogni aggressione vada punita lo ha ripetuto a proposito della Osakue, augurandosi di incontrarla e di vederla gareggiare presto. Il punto non è accusare o meno gli italiani di essere razzisti, il punto è che gli episodi sono tutt’altro che limitati, che avvengono ormai ogni giorno e molti restano relegati nelle pagine di cronaca locale. Salvini, che a sostegno della propria tesi ha ricordato i 95 immigrati arrestati e i 414 denunciati dalla Polizia negli ultimi tre giorni, avrebbe dovuto fare un passo in più: va benissimo, e ci mancherebbe, garantire che va punito chiunque commetta un reato, ma, anziché deviare il discorso su quanti ne commettono gli immigrati, avrebbe potuto fare un appello pubblico e chiaro perché la si smetta di agire così, che si denunci l’immigrato che viola la legge, che si segnalino tutte le situazioni oscure, ma che non è accettabile aggredire chi sta lavorando solo perché è di colore e che la giustizia “fai da tenon è giustizia. Il ministro lo dica chiaramente perché considerare “limitati” questi episodi rischia di fargli perdere il controllo della situazione con conseguenze imprevedibili.

http://formiche.net/2018/07/salvini-esempio-mattarella/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
luciano badesso
luciano badesso :
12/08/2018 16:22
Bravo Salvini,che, bloccando per quanto è possibile, l'emigrazione clendestina dall'Africa, toglie occasione di lucro ai moderni schiavisti: scafisti, ong, gestori di cooperative.
Finalmente non ci sarà più nessuno che dirà:basta con la droga, con gli immigrati ci duadagnamo di più
I commenti sono stati disabilitati.
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.