Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Cantone (ANAC) commenta il report 'L’anticorruzione nei comuni italiani', a cura di Redazione LavoriPubblici.it

Cantone (ANAC) commenta il report 'L’anticorruzione nei comuni italiani', a cura di Redazione LavoriPubblici.it

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 06/11/2018 18:19
Lettera del Presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione alle associazioni Transparency International Italia, Riparte il futuro, Civico97 in merito alla pubblicazione del Rapporto “L’anticorruzione nei comuni italiani” ...

 

La Lettera di Cantone

Il Rapporto “L’anticorruzione nei comuni italiani”, da Voi elaborato e reso noto alla stampa nei giorni scorsi, si prefigge di analizzare da un punto di vista qualitativo le relazioni annuali redatte dai Responsabili della prevenzione della corruzione (Rpc) di 115 città. Benché il campione considerato sia assai parziale (a fronte di ottomila comuni ed “oltre 20.000 PA”, come riporta il dossier) si tratta di un intento senz’altro encomiabile, in primo luogo per il valore di una simile disamina, tesa a valutare le azioni poste in essere dalle amministrazioni al fine di impedire il verificarsi di illeciti o di fenomeni di maladministration. Uno studio siffatto consente inoltre di portare a conoscenza del grande pubblico alcune tecnicalità di una legislazione che, malgrado la portata assai innovativa, è poco nota anche in quanto relativamente recente.
Per tali ragioni non posso che manifestare particolare apprezzamento per la decisione di concentrare l’attenzione su un tema determinante quale la prevenzione della corruzione. Un impegno in linea del resto con la funzione, di vigilanza “civica” e al tempo stesso di stimolo, che le associazioni esponenziali della società civile sono chiamate a svolgere nei confronti di chi è chiamato alla gestione della cosa pubblica lato sensu e a garantire l’integrità dell’azione amministrativa.
L’Anac ha sempre ritenuto prioritario valorizzare questo ruolo, come testimonia la continua, proficua interlocuzione con due delle tre associazioni che hanno elaborato il Rapporto, con cui vige peraltro una collaborazione regolata da appositi protocolli d’intesa. D’altronde, proprio nell’ottica di raggiungere tale comune obiettivo, è indispensabile assicurare la migliore conoscenza possibile della normativa per rendere possibile la diffusione della “cultura dell’anticorruzione”.
In considerazione dell’indiscusso rilievo dell’iniziativa e dell’indubbio impatto sulla pubblica opinione, ho rilevato alcune criticità nell’indagine che ritengo opportuno sottoporre alla Vostra attenzione.
Sotto tale profilo mi hanno lasciato sorpreso alcuni passaggi che sembrano prospettare previsioni legislative in realtà non contemplate dalla normativa, con una torsione della pur doverosa semplificazione comunicativa. Mi riferisco in particolare alla circostanza secondo cui “solo 16 Comuni su 115 sono stati in grado di identificare casi di corruzione al loro interno”: non è difatti questo il compito degli Rpc, chiamati ad accertare il rispetto della normativa anticorruzione (whistleblowing, obblighi di trasparenza, inconferibilità degli incarichi, etc.), senza che ciò implichi necessariamente che si sia verificato un episodio di corruzione, come invece la formulazione adottata lascia intendere.
Al tempo stesso, è inesatto affermare che “l’Autorità non fornisce una definizione precisa di “‘eventi corruttivi’”, come riportato a pag. 10. L’Anac ha declinato in più occasioni una nozione di corruzione in senso ampio, ben oltre la mera fattispecie penalistica e la gamma dei delitti contro la Pubblica amministrazione, con l’intento di farla coincidere con quella di maladministration, intesa come assunzione di decisioni devianti dalla cura dell’interesse generale. Solo a titolo esemplificativo, segnalo che tale specifica indicazione compare nel Piano nazionale anticorruzione 2013 (par. 2.1), nell’aggiornamento del 2015 (par. 2.1), nelle Linee guida sul whistleblowing (par. 3) e in quelle sulle società e gli enti di diritto privato in controllo pubblico (par. 2.1.1).
Quanto al delicato tema dall’istituto del whistleblowing, solo di recente introdotto nell’ordinamento, appare azzardato riferire, sulla base del calo delle segnalazioni ricevute dalle amministrazioni locali, di “pochissimi progressi” compiuti. Il dato non tiene infatti conto del significativo aumento di segnalazioni giunte all’Anac, che solo nei primi nove mesi del 2018 ha portato ad aprire circa 600 istruttorie, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. D’altro canto, è comprensibile che un dipendente che decide di rivelare illeciti di cui è venuto a conoscenza per ragioni di servizio possa sentirsi più tutelato rivolgendosi a una Autorità indipendente ed esterna piuttosto che all’ente in cui presta servizio.
Ho tenuto a farVi partecipi delle mie perplessità perché a mio avviso alcune delle critiche avanzate nel Rapporto ma non suffragate dai fatti, rischiano di essere strumentalmente utilizzate per attaccare l’istituto della prevenzione della corruzione. Una conseguenza certamente non voluta ma che, per una paradossale eterogenesi dei fini, rischia di deformare l’immagine di questo nuovo approccio “culturale” proprio ora che sta lentamente iniziando a diffondersi nel Paese.
Nella certezza che non mancheranno occasioni di una rinnovata ed efficace cooperazione, l’occasione è gradita per porgere i miei più cordiali saluti.
osservatorio.riparteilfuturo.it/notizia.html?id=142284

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.