Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Campagna per il diritto all'identità

Campagna per il diritto all'identità

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 11:59
In Argentina durante la dittatura (1976-1983) i militari fecero scomparire 30.000 persone, e tra questi centinaia di bambini, figli dei desaparecidos rubati come bottino di guerra. Da allora le "Abuelas de Plaza de Mayo" sono alla ricerca dei loro nipoti perché questi "desaparecidos" sono ancora vivi. Finora la ricerca si era circoscritta all'Argentina, ma si ritiene che alcuni potrebbero trovarsi all'estero ed in particolare, dati i forti vincoli tra l'Italia e l'Argentina, risiedere nel nostro Paese.

In Argentina durante la dittatura (1976-1983) i militari fecero scomparire 30.000 persone, e tra questi centinaia di bambini, figli dei desaparecidos rubati come bottino di guerra. Da allora le "Abuelas de Plaza de Mayo" sono alla ricerca dei loro nipoti perché questi "desaparecidos" sono ancora vivi. Finora la ricerca si era circoscritta all'Argentina, ma si ritiene che alcuni potrebbero trovarsi all'estero ed in particolare, dati i forti vincoli tra l'Italia e l'Argentina, risiedere nel nostro Paese.

Per questo motivo l'Ambasciata Argentina in Italia ha lanciato una campagna per restituire la propria identità a chi ne è stato derubato e per continuare a tenere viva la memoria. L'Ambasciata intende divulgare l'iniziativa attraverso tutti i canali a disposizione e tra questi considera importante coinvolgere anche le università italiane. L'indagine riguarda questi ormai giovani "desaparecidos", cittadini argentini o italiani nati in Argentina tra il 1975 ed il 1982.

Se sei nato tra il 1975 e il 1980 e hai dubbi sulla tua identità puoi contattare l'ambasciata Argentina in Italia, Sezione Diritti Umani: dirittiumani@ambasciatargentina.it tel. 06.48073300 I funzionari saranno in grado di offrire il supporto necessario per chiarire la propria situazione con la più assoluta confidenzialità 
CAMPAGNA PER IL DIRITTO ALL'IDENTITÀ - Abuelas de Plaza de Mayo

 

Per approfondimenti:

http://www.uniroma3.it/page.php?page=Campagna_

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.