Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Cambio di gestione, di Sergio Visconti

Cambio di gestione, di Sergio Visconti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/02/2022 11:55
Gli irriducibili della pace desiderano che il mondo vada grazie agli sforzi della diplomazia, delle religioni e, dunque, della preghiera. Allora si, che i fratelli tutti potranno riconoscersi e vivere come tali…

Ed eccoci ad un altro momento di crisi: la “crisi ucraina”. Tocca adesso agli esperti di geopolitica, agli analisti di politica internazionale, agli studiosi di strategia militare: presto sarà il turno dei generali. Così, mestamente, i virologi, i clinici, gli elaboratori delle curve del contagio da covid19 cedono la ribalta televisiva e mediatica a coloro che si occupano di leggere quanto accade nel mondo contemporaneo dal punto di vista politico e militare. 

E l’opinione pubblica rischia di dividersi nuovamente tra “esperti” da bar (per richiamare una nota esternazione di Umberto Eco), che inondano il web di teorie, deduzioni, considerazioni ovviamente cariche di verità assolute. Il tema della pace sembra sbiadito, annacquato dal coinvolgimento emotivo rispetto ad una crisi politica che lascia sempre più trasparire la sua vera cifra di interpretazione: un tentativo di riassetto degli equilibri internazionali consolidatisi a partire dal 9 novembre 1989, data che ha segnato il crollo dell’impero sovietico. 

Sembra che qualcuno, dopo la sbornia e l’euforia della liberazione, voglia dire la propria sull’utilizzo della libertà degli ex Stati satelliti dell’URSS. Un esercizio di libertà che ha comportato l’allargamento dell’Unione Europea ad Est e, soprattutto, l’ingresso nella NATO di numerosi di quegli Stati ex sovietici. Gli esperti hanno introdotto il vasto pubblico televisivo, i pochi lettori di quotidiani e i molti seguaci dei social nella “crisi ucraina” fornendo riferimenti in un primo tempo a favore delle ragioni di Putin e di quelle di Biden (nei fatti viene riproposto il vecchio schema della Guerra Fredda che così tanta parte del secolo scorso ha determinato), in un secondo tempo evidenziando soprattutto il grande azzardo politico militare della Russia putiniana. 

E l’Europa in mezzo, stretta tra fedeltà all’Atlantismo - punto di riferimento irrinunciabile di politica internazionale -  e rischi concreti di default energetici, vista la significativa dipendenza del Continente europeo dal gas russo. Bene. La linea politica che sembra emergere in questi ultimi giorni, forse anche conseguenza dell’impegno comune assunto nell’affrontare la pandemia, dice di una Unione Europea salda nel vincolo di unità comune, priva di quelle crepe che così tanto sembra ricercare la politica di Putin. Una compattezza di visione politica centrata sull’irrinunciabile difesa del principio di autodeterminazione dei popoli e degli Stati. 

In buona sostanza, l’Europa difende la libertà dell’Ucraina di determinare il proprio presente e il proprio futuro politico, scegliendo liberamente le alleanze politiche internazionali, secondo la valutazione dei propri interessi nazionali. Che poi sono forse anche interessi culturali oltre che economici e di difesa del territorio statale. Tralasciando molte altre considerazioni, occorre porre l’attenzione sul tema dell’approvvigionamento energetico da parte dell’Unione Europea. Sale alto il “must” dell’accelerazione sull’impegno comune alla “transizione ecologica”, che adesso è soprattutto transizione energetica. A questo proposito una valutazione, appena accennata, va fatta. 

Per quanto riguarda l’Italia, il Paese europeo più esposto ad una possibile crisi energetica, il concetto di “transizione” reca in sé l’apertura a nuove trivellazioni nell’Adriatico per accedere ai piccoli giacimenti di gas presenti in quella zona del territorio italiano. L’emergenza è emergenza, ma può l’Italia rigettare l’impegno assunto insieme agli Stati presenti a Glasgow per la COOP 26 a non utilizzare più gas e fonti energetiche fossili? Tutto è veramente complesso ed evidentemente anche connesso. E necessita di un approccio serio perché la crisi in atto sia superata da soluzioni complesse e non semplicistiche come quelle offerte dallo scontro militare, dall’esercizio del potere delle armi (costruire armi, alla fine comporta sempre il loro utilizzo). Acquisire indipendenza energetica è, dunque, il nuovo orizzonte dell’Europa unita.

Una visione ed un impegno strategici che nella visione di lungo periodo porrebbe al riparo tutti gli Stati membri dell’Unione dalla riproposizione di crisi come quella che oggi il mondo intero sta vivendo. Oppure no? Nel senso che nella realtà dei fatti, alcuni tra i più importanti competitori politici contemporanei, prima tra tutti la Cina, non può che trarre benefici dallo scontro tra Alleanza Atlantica e Russia. Così come gran parte di quel mondo che l’Occidente ha preteso democratizzare con l’uso delle armi. 

Dunque, è soprattutto l’Europa a vivere un nuovo dramma politico e culturale prima ancora che militare. Ancora una volta l’Europa: dopo Sarajevo nel 1914 e dopo Danzica nel 1939. L’Europa epicentro di un nuovo scontro tra potenze economiche e militari. Ha ragione Papa Francesco a leggere la vicenda di questo tempo rivolgendo parole amare agli Stati che si stanno confrontando pericolosamente sul terreno militare: è triste vedere che Stati che si professano cristiani scelgano la via dello scontro armato per risolvere i loro problemi. La tristezza evocata da Papa Bergoglio sa santo di invettiva mite, ma decisa: vergogna!  E occorre vergognarsi davvero: perché quando si utilizza la politica estera per superare le difficoltà interne, allora non si ha più rispetto per i cittadini, per il popolo: sia i primi che il secondo hanno diritto di essere ben governati e serviti.

A cosa porterà la transizione ecologica evocata adesso con più forza dell’EU? All’indipendenza energetica? E poi? Le parole e i gesti profetici compiuti da Papa Francesco in direzione del riconoscimento di una fratellanza universale che tutti i popoli unisce, sembrano lontane, irrilevanti, incapaci di incidere nelle visioni politiche soprattutto di quegli Stati a bassa intensità democratica come oggi vien detto con linguaggio “politicamente corretto”. Parole dure di condanna della guerra da parte di Papa Francesco. 

Pur non ignorando la complessità dei rapporti pan ortodossi, che hanno visto la Chiesa Ucraina staccarsi da quella Russa, quanto sarebbe importante un impegno per la pace da parte di tutta la galassia ortodossa! Quanto sarebbe importante un rinnovato abbraccio tra le Chiese di Oriente e di Occidente, tra la Chiesa Cattolica e quelle Ortodosse, in particolare quella Russa, in questa vigilia di guerra che, se verrà combattuta, lascerà dietro di sé molto sangue e conseguenze politiche internazionali veramente gravi. 

Se tutto è connesso, come ci ha insegnato la “Laudato si” e, dunque, un fatto, un evento è conseguenza di fatti ed eventi ad esso legati, quale bellezza e pienezza di vita potrebbe riscontrarsi in una connessione di relazioni tra Stati, finalmente capaci di convivere pacificamente mettendo in comune le risorse di cui sono dotati? Energetiche per alcuni, tecnologiche per altri. Una connessione possibile? Forse non ancora, ma auspicabile e verso la quale gli irriducibili della pace desiderano che il mondo vada grazie agli sforzi della diplomazia, delle religioni e, dunque, della preghiera. Allora si, che i fratelli tutti potranno riconoscersi e vivere come tali. Allora si, che la transizione ecologica diverrà conversione ecologica con tutto il corredo di implicazioni culturali, politiche, economiche e sociali che si porterà dietro. Urge un cambio di gestione, ma nella prospettiva della pace e del bene comune. 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.