Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / C’erano una volta gli oppressi, di Angela Donatella Rega

C’erano una volta gli oppressi, di Angela Donatella Rega

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 28/02/2022 09:51
La storia si ripete dopo le rivoluzioni che capovolgono il potere dittatoriale per sostituirsi ad esso…

Un mio vecchio libro ingiallito trovato nella libreria e sfogliato per ritrovarne i passaggi salienti, “La pedagogia degli oppressi”, di Paulo Freire, mi ha fatto fare un balzo indietro nel tempo a quando, cinquant’anni fa, nutrivo tante speranze nel futuro. Scritto nel 1968 a Santiago del Cile, dove l’autore brasiliano era in esilio, il saggio entra nel merito della relazione oppresso/oppressore e della coscientizzazione degli oppressi, seguita dal superamento della paura di essere liberi e da una formativa analisi critica che possa impedire all’oppresso di diventare a sua volta un oppressore.  

Le riflessioni che possono trarre spunto da questi concetti sono tantissime. La paura di essere liberi, per esempio, ci dà ragione di come la fragilità, con il bisogno di figure forti di riferimento, faccia spesso sfociare la nostra società in forme di totalitarismo in cui i sottomessi, colludendo con il potere, possono farsene cani da guardia per opprimere chi fragile non è ma può essere piegato con la forza o con atti di violenza. La storia si ripete dopo le rivoluzioni che capovolgono il potere dittatoriale per sostituirsi ad esso. Ne abbiamo avuto molti esempi nella Storia. 

Ne deduciamo ovviamente che, una democrazia rappresentativa in una repubblica parlamentare, richiede molta maturità da parte sia del popolo che dei suoi rappresentanti regolarmente eletti. 

Ma torniamo agli oppressi. Chi sono oggi gli oppressi? Possiamo, come dice il Papa, vederli passare sugli schermi del nostro computer collegato alla rete, ce ne arrivano le immagini e, se vogliamo approfondire, anche le notizie. Le vittime di fame, guerre, violenze, tra cui milioni di bambini, le vittime di repressione della libertà di opinione, di pensiero e di culto, possono sfilare sul nostro schermo, se solo le cerchiamo. 

E gli oppressori, dove sono?

Inutile elencare chi per interesse provoca e mantiene o ignora tali orrori, perché siamo perspicaci e sappiamo che la politica economica mondiale si basa sulla sperequazione e sull’ingiustizia.

E tutti noi corresponsabili spesso inconsapevoli, perché non facciamo pressione perché questa situazione cambi?

Perché viviamo in paradisi ed inferni artificiali. Niente di speciale, ma quel tanto che basta a farci perdere di vista la nostra disumanizzazione (anche di questa parla Freire nel suo libro di cinquant’anni fa). Televisione, videogiochi, cene, concerti, sport, e tanto lavoro per lo più precario, per sopravvivere, sempre più lavoro e sempre meno risorse economiche, oppure siamo disoccupati o inoccupati e perdiamo, ogni giorno che passa, diritti sanciti costituzionalmente. Noi del mondo fortunato subiamo una serie di piccole misurate continue ingiustizie che, prese a piccole dosi, ci fanno procedere leggermente ubriachi, come se il problema o i problemi non ci riguardassero. 

Ma nel frattempo anche qui cominciamo a lasciarci dietro vittime, magari di cassa integrazione o di ignoranza. Ecco, di cassa integrazione o di ignoranza, però, non si muore, si patisce soltanto, tutto a piccole dosi. E tutto passa nell’indifferenza. Il figlio dell’operaio o, meglio, del cassaintegrato, non farà più il dottore (cara Contessa). 

Cosa fare allora?

Ci conviene accorgerci degli oppressi della porta accanto come di quelli lontani che ancora oggi muoiono di stenti e di violenza. Ci conviene ritagliarci un po’ di tempo per pensare e per impegnarci anche in mezzo a venti di guerra ed a guerre che consideriamo eventi straordinari per la gravità delle conseguenze tangibili, ma rispondono alla stessa logica delle ingiustizie che avvengono ogni giorno in tempo di “pace”.

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.