Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Buon anno da una bambina di nome Speranza, di Rocco D'Ambrosio 

Buon anno da una bambina di nome Speranza, di Rocco D'Ambrosio 

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 03/01/2022 10:11
Se conoscessimo bene cosa significhi sperare non diremmo così spesso “speriamo che…”. E forse ci chiederemmo di più: ma cosa speriamo? E come speriamo?…

“Buon anno, speriamo che…”. Così in molti auguri, di questi giorni. Se conoscessimo bene cosa significhi sperare non diremmo così spesso “speriamo che…”. E forse ci chiederemmo di più: ma cosa speriamo? E come speriamo? La prima risposta non è poi cosi difficile: basterebbe sommare pandemia a tante piccole e grandi prove della nostra vita: se non sperassimo, saremmo estremamente… disperati! La seconda risposta, vista la difficoltà della domanda, forse merita il tentativo di una riflessione, piccola.

Nel 1911 Charles Péguy, in uno dei momenti più bui della sua vita, compose un luminoso poema sulla speranzaLe porche du Mystère de la deuxième vertu (Il portico del mistero della seconda virtù). La seconda virtù, appunto, è la speranza. Nelle prime pagine, Péguy paragona le tre virtù teologali – fede, carità e speranza – a tre sorelle. La Speranza, per lui è una piccola figlia da nulla, “venuta al mondo il giorno di Natale dell’anno scorso”. La speranza, come piccola creatura, non penso che sia un tema solo per credenti, ma vista la sua portata antropologica, è un tema per tutti. Del resto, quando diciamo “speriamo che…”, donne e uomini di culture e religioni diverse, cosa ci accomuna? Speriamo sì, ma cosa e soprattutto come? Forse Péguy, anche se in un quadro cristiano, ha da insegnare a credenti e non.

Prima di tutto la speranza, anche per noi tutti, è spesso una bambina trascurata, magari richiamata in un augurio o una riflessione, ma facilmente dimenticata. E Péguy spiega perché: “è sperare che è difficile e quel che è facile, ed è la tendenza, è disperare ed è la grande tentazione. Scrive ancora Péguy che, sorelle della speranza, come dicevamo, sono la fede e la carità, ma queste sono facili. E pone in bocca al buon Dio le parole:

“La fede non mi stupisce
Non è stupefacente
Risplendo talmente nella mia creazione.
Nel sole e nella luna e nelle stelle.
In tutte le mie creature…

La carità va da sé. Per amare il prossimo c’è solo da lasciarsi andare, c’è solo da guardare una simile desolazione. Per non amare il prossimo bisognerebbe farsi violenza, torturarsi, tormentarsi, contrariarsi. Irrigidirsi. Farsi male. Snaturarsi, prendersi a rovescio, mettersi a rovescio…

Ma la speranza, dice Dio, ecco quello che mi stupisce. Me stesso. Questo è stupefacente”.

E lo è ancora oggi, per tutto quello che stiamo vivendo, specie per la pandemia e i suoi effetti di salute e socioeconomici. Sperare è difficile quanto stupefacente. Ma la speranza non è un augurio, è una virtù, ossia un atteggiamento costante. La speranza è responsabilità continua; è fedeltà costante a ciò che edifica le persone e la società. Ernst Bloch, provenendo da presupposti culturali tanto diversi, direbbe che “bisogna imparare a sperare”. E per farlo – scrive ancora Péguy – è necessario capire che spera chi impara a vedere e ad amare ”ciò che sarà”, a guardare “oltre la fissità del tempo presente”, a cogliere, con saggezza, il divenire. Spera saldamente chi fa nascere la sua speranza da un’inquietudine, che per Péguy è “quella del Buon Pastore di fronte alla pecora smarrita, il timore che possa perdersi e mancare all’appello della sera e che lo spinge a lasciare le pecore rimaste, i cento giusti restati nell’ovile in Fede e in Carità, per ritrovarla e aiutarla a tornare. L’inquietudine del Padre Misericordioso. Ferite, fragilità con i loro tremori e brividi, dalle quali zampilla la Speranza con i suoi fremiti”.

Mi sorprende un altro parallelo con Bloch, quando questi scrive: L’importante è imparare a sperare. Il lavoro della speranza non è rinunciatario perché di per sé desidera aver successo invece che fallire. Lo sperare, superiore all’aver paura, non è né passivo come questo sentimento né, anzi meno che mai, bloccato nel nulla. L’affetto dello sperare si espande, allarga gli uomini invece di restringerli, non si sazia mai di sapere che cosa internamente li fa tendere a uno scopo e che cosa all’esterno può essere loro alleato. Il lavoro di questo affetto vuole uomini che si gettino attivamente nel nuovo che si va formando e cui essi stessi appartengono”.

Guardare oltre la contingenza, amare ciò che sarà, superare la paura, sperare come attività che coinvolge e mai isola, resistere con pazienza, sono tutti contenuti mentali ed emotivi che rendono autentica la nostra speranza. Altrimenti è la disperazione o lo stupido circo mediatico di chi, tra spazi politici e informativi, chiude il 2021 e apre il 2022, tra tanta stucchevole retorica, con mente e cuore a secco, visto che il loro carburante non è nemmeno acqua fresca.

Buon anno o come scrive Pèguy:

“La Speranza è una bambina da nulla.
Che è venuta al mondo il giorno di Natale dell’anno scorso.
Che gioca ancora con babbo Gennaio.
Eppure è questa bambina che traverserà i mondi.
Questa bambina da nulla.
Lei sola, portando le altre, che traverserà i mondi compiuti. (…).

Tale è la forza di vita della speranza, bambina,
La forza di vita, la promessa, la vita, la forza di vita e di promessa
che sgorga nel cuore della speranza…

Singolare virtù della speranza, singolare mistero, questa non è
una virtù come le altre, è una virtù contro le altre.
Prende in contropiede tutte le altre. S’addossa per così dire
alle altre, a tutte le altre.
E tien loro testa. A tutte le virtù. A tutti i misteri”.

https://formiche.net/2022/01/buon-anno-da-una-bambina-di-nome-speranza-la-riflessione-di-dambrosio/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.