Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Bonifica Fibronit: quali garanzie per la sicurezza?, di Nicola Brescia

Bonifica Fibronit: quali garanzie per la sicurezza?, di Nicola Brescia

creato da D. — ultima modifica 15/09/2015 17:31
Bene il bando di gara per la bonifica della Fibronit, ma il Comitato Cittadino chiede garanzie per la sicurezza...

La pubblicazione del bando di gara per l’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza definitiva dell’area Fibronit, aperto sino al prossimo 23 Agosto, è un segnale di grande importanza per la città di Bari perché consente di intravedere il traguardo della vicenda Fibronit, da troppi anni giocata sulle spalle della salute dei cittadini baresi.

Consultando i documenti progettuali connessi agli interventi di messa in
sicurezza definitiva dell’area ex-Fibronit, propedeutici alla realizzazione
del Parco della Rinascita, disponibili sul sito web del comune di Bari,
dobbiamo purtroppo, e non avremmo voluto, contestare alcuni aspetti che ci hanno lasciato sconcertati e che destano in noi inevitabili preoccupazioni.

Nel “Piano di sicurezza e Coordinamento degli interventi di messa in
sicurezza permanente”, ad esempio, documento fondamentale per indicare e per fornire a chi si aggiudicherà la gara tutte le informazioni adeguate per meglio garantire la sicurezza dei cittadini che continueranno a gravitare intorno all’area durante i lavori, per la loro inevitabile vita quotidiana, leggiamo che, nelle immediate vicinanze del sito inquinato, alla voce “Presenza di attività a rischio passivo (scuole, ospedali, case di cura e riposo, ecc.)”, la risposta è :” Non sono presenti nell'’immediata vicinanza”.

Ora, ci sembra evidente ed oggettivamente constatabile, che la situazione è ben diversa. Nelle “immediate vicinanze”, cioè in un raggio inferiore ai 100 metri dal sito inquinato sussistono: tre scuole elementari, due scuole materne (una giusto di fronte), un asilo nido, una scuola media inferiore ed una scuola media superiore.

Questa deficienza l’'avevamo segnalata nel Dicembre dello scorso anno al Sindaco di Bari, all’'Assessore all’'Ambiente del Comune di Bari ed
all’'Assessore all'’Ambiente della Regione Puglia, invitandoli, per il tramite
dei progettisti, a rivedere questo marchiano errore. E invece nulla,
continuano a non esserci scuole nei dintorni della Fibronit per la ditta che dovrà eseguire i lavori di messa in sicurezza definitiva, evidentemente a discapito delle misure di sicurezze di cui tener conto. Non comprendiamo, quindi, come si possa perseverare nel commettere una leggerezza così grave visto la delicatezza degli interventi che si andranno ad eseguire e visto che l’area contaminata da amianto, minerale la cui volatilità rappresenta la caratteristica più importante e drammatica, è posta nel cuore della città.

E ancora, ci sembra quanto mai paradossale scoprire come gli oneri della sicurezza, preventivati in 354.000 euro circa, malgrado non siano soggetti a ribasso o a modificazioni economiche, siano invece soggetti ad eventuali modifiche progettuali tanto da prevederne i compensi a favore del professionista che sarà chiamato ad elaborare il progetto esecutivo.

Ora, vogliamo credere nel ripetersi di un mero errore materiale nella
stesura del piano, ma, augurandoci che nell’intero progetto non vi siano
altre simili inesattezze, ci sembra opportuno renderci parte attiva nel
segnalare, questa volta pubblicamente, le necessarie precisazioni a tutela della nostra salute nonché al fine di garantire la massima regolarità nello svolgimento della gara di appalto.


 

Riceviamo e pubblichiamo: Comitato Cittadino Fibronit di Bari (Presidente: Nicola Brescia)

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.