Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Bibite zuccherate: condanna senza appello del mondo scientifico, di Agnese Codignola

Bibite zuccherate: condanna senza appello del mondo scientifico, di Agnese Codignola

creato da antonella.70@libero.it — ultima modifica 14/09/2015 10:57
Le evidenze scientifiche riguardo la relazione tra il consumo frequente di bibite zuccherate e l' obesità.

 

D’ora in poi ci vorrà molto coraggio per sostenere che il consumo di bevande gassate e zuccherate non è legato all'aumento del peso. Una delle riviste medico-scientifiche più autorevoli almondo, il New England Journal of Medicine, ha  pubblicato nello stesso numero i risultati di tre  studi che inchiodano le famigerate "soda" alle loro responsabilità, confermando i numerosi dati emersi nel corso degli anni, secondo cui bere bibite zuccherate tutti i giorni in quantità fa ingrassare. La scelta di pubblicare i tre studi insieme costituisce una segnale forte, come a dire: ci provino, ora, i produttori a dire che il nesso tra soda e obesità non è dimostrato.

Nel primo studio i nutrizionisti dell'Università di Amsterdam hanno selezionato oltre 640 bambini e ragazzi di età compresa tra i 4 anni e 10 mesi e gli 11 anni e 11 mesi. Li hanno divisi in due gruppi: al primo è stata data una bevanda dolcificata con edulcoranti artificiali  (250 ml), mentre al secondo una bibita zuccherata di uguale volume, con un apporto calorico pari a 104 calorie; il tutto è avvenuto durante l'orario scolastico, in un arco di tempo di 18 mesi. Come atteso, alla fine l'indice di massa corporea (o BMI, dato dal peso in chilogrammi diviso per il quadrato dell'altezza in centimetri) dei ragazzi che avevano assunto la bibita dolcificata era aumentato di 0,02 unità, mentre quello degli altri quasi dieci volte tanto, e cioè di 0,15 unità. Parallelamente, il peso era aumentato di 6,35 chili nel gruppo sugar-free e di 7,37 nell'altro.

Altre misure come lo spessore della pelle, il rapporto tra giro-vita e altezza e massa grassa hanno confermato che chi aveva bevuto bibite zuccherate era ingrassato sensibilmente di più. Il nesso sembra dunque provato, così come sembra dimostrata l'ipotesi che una riduzione di zucchero, anche se mascherata e attuata in un ambiente familiare come la scuola, possa essere efficace.

 

Nella stessa direzione va il secondo studio, realizzato dai ricercatori del Boston Children's Hospital. Gli studiosi  hanno individuato 2240 ragazzi  in sovrappeso od obesi che bevevano in media 1,7 lattine al giorno di bevande gasate e zuccherate e li hanno suddivisi in due gruppi. Al primo hanno chiesto di aderire a un programma incentrato sulla diminuzione del consumo di soda per un anno, mentre al secondo hanno concesso di non modificare le abitudini. Dopo un anno l'indice di massa corporeo era aumentato di meno (di 0,57 unità) nei primi rispetto ai secondi, e il peso anche (di 1,9 chilogrammi). Dopo due anni queste differenze erano pressoché scomparse, probabilmente perché i ragazzi che avevano smesso di bere le soda dopo l'esperimento, avevano ripreso più o meno velocemente le abitudini di sempre. Anche in questo caso, dunque, la relazione tra consumo di bibite zuccherate e aumento del peso tra i ragazzi sembra confermata.

Di segno diverso, ma non meno importante, è  il terzo studio, che punta tutto sulla genetica dell'obesità. In questo caso i genetisti della Harvard School of Public Health, sono andati a spulciare tra i dati di tre grandi gruppi di popolazione fatti negli anni precedenti. Il primo gruppo era composto da 6.900 infermiere, poi c'erano 4400  medici, e un terzo gruppo  (quello sulla genetica delle donne), da cui è stato possibile ottenere le informazioni riguardanti ben 21.700 partecipanti. Da tempo è noto che la predisposizione all'obesità è stata associata a una decina di geni, e verificando abitudini alimentari, BMI e corredo genetico gli autori hanno dimostrato che la presenza dei geni dell'obesità è molto più frequente in coloro che bevono bibite zuccherate. Probabilmente questo accade perché l'ambiente ricco di agenti infiammatori che si sviluppa in seguito all'assunzione eccessiva di zuccheri, innesca l'attivazione di geni altrimenti silenti. Oltre agli studi controllati, anche questo dato conferma il contrario di quanto tentano di sostenere da anni le associazioni dei produttori, secondo cui  l'aumento di obesità ha poco a che vedere con l'assunzione di soda. Non solo: i dati dei tre studi potranno essere utilizzati da autorità sanitarie e da decisori politici come il sindaco di New York Michale Bloomberg per far capire ai cittadini che eventuali provvedimenti restrittivi, ancorché da verificare sul campo, hanno un fondamento teorico e scientifico.

Fonte: Il Fatto alimentare.


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.