Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Bianca: che brutto spettacolo, di Giancarlo Magalli

Bianca: che brutto spettacolo, di Giancarlo Magalli

creato da D. — ultima modifica 21/09/2015 12:48
Pochi lo sanno, ma la “bianca” non è una scelta casuale. È un modo per controllare i propri parlamentari, per vedere se obbediscono. Infatti ...

Eccoci qui: meno due giorni al primo voto per il nuovo Presidente. Ma si sa già che non servirà a niente. Renzi infatti ha detto che il Pd, nei primi tre scrutini, voterà scheda bianca: il Capo dello Stato sarà eletto sabato, quando basterà la maggioranza di 505 Grandi elettori.

È un'ammissione, da parte del presidente del Consiglio, di non avere nella realtà i voti che ha sulla carta, che invece supererebbero i due terzi. Insomma, una prova di debolezza, anche se tatticamente gli conviene.

Pochi lo sanno, ma la “bianca” non è una scelta casuale. È un modo per controllare i propri parlamentari, per vedere se obbediscono. Infatti quando i Grandi elettori entrano nella cabina, se lasciano la scheda intonsa escono subito: non devono attardarsi a scrivere niente. Se invece restano dentro quei cinque o sei secondi in più, vuol dire che hanno scritto qualcosa, quindi hanno disubbidito. Alcuni, addirittura, piegano la scheda ancor prima di entrare, per far vedere che sono stati fedeli agli ordini.

Non è quindi uno spettacolo bellissimo: è un modo per aggirare la Costituzione, che prevede che lo scrutinio sia segreto. In un mondo migliore, tutti i Grandi elettori si fermerebbero un po' dentro i “catafalchi”, come vengono chiamati: così nessuno saprebbe se hanno scritto qualcosa o no. Sarebbe un bel segnale per dimostrare la propria non-sudditanza dai capi, non vi pare?

Un segnale ancora più bello sarebbe se in questi primi tre scrutini i rappresentanti del popolo ne approfittassero per scrivere sulla scheda il nome del loro presidente ideale, in coscienza. Magari, tra l'altro, salterebbe fuori qualcuno di buono. Ma questo potrebbe avvenire appunto solo se agissero in coscienza e non in ottemperanza, come invece fanno.

Invece, con tutta probabilità, il nome del prossimo Presidente della Repubblica è stato già deciso.

Tutti gli incontri che si dovevano fare sono già stati fatti, quindi sia Renzi sia Berlusconi sanno già chi sarà il nuovo Capo dello stato. Solo che non ce lo rivelano: per “non bruciarlo”, come si dice, cioè per evitare che ci sia il tempo - da parte dell'opinione pubblica - di valutarlo e magari di cercare di influenzare i Grandi elettori. Meglio quindi (per loro) tenerlo segreto e tirarlo fuori dal cappello poche ore prima del quarto voto, sabato. Anche questo non è un bellissimo spettacolo.

Siccome qui siamo “giù dal colle”, il nome scelto naturalmente non lo sappiamo. Possiamo solo leggere quelli che ipotizzano i giornali: Amato, Finocchiaro, Fassino, Padoan, Mattarella, Veltroni. Quest'ultimo è un mio amico, lo conosco da quando era ragazzino: se proprio dovessi scegliere tra questi sei, mi sembrerebbe forse la scelta migliore. Subito dopo ci metterei Mattarella. Ma il problema non è la stima personale né l'amicizia. Il fatto è che sono tutte persone che provengono dalla Seconda se non dalla Prima Repubblica: e meno male che dovremmo essere nella Terza!

fonte: http://magalli.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/01/28/bianca-che-brutto-spettacolo/?ref=HEF_RULLO, 28.01.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.