Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Bianca: che brutto spettacolo, di Giancarlo Magalli

Bianca: che brutto spettacolo, di Giancarlo Magalli

creato da D. — ultima modifica 21/09/2015 12:48
Pochi lo sanno, ma la “bianca” non è una scelta casuale. È un modo per controllare i propri parlamentari, per vedere se obbediscono. Infatti ...

Eccoci qui: meno due giorni al primo voto per il nuovo Presidente. Ma si sa già che non servirà a niente. Renzi infatti ha detto che il Pd, nei primi tre scrutini, voterà scheda bianca: il Capo dello Stato sarà eletto sabato, quando basterà la maggioranza di 505 Grandi elettori.

È un'ammissione, da parte del presidente del Consiglio, di non avere nella realtà i voti che ha sulla carta, che invece supererebbero i due terzi. Insomma, una prova di debolezza, anche se tatticamente gli conviene.

Pochi lo sanno, ma la “bianca” non è una scelta casuale. È un modo per controllare i propri parlamentari, per vedere se obbediscono. Infatti quando i Grandi elettori entrano nella cabina, se lasciano la scheda intonsa escono subito: non devono attardarsi a scrivere niente. Se invece restano dentro quei cinque o sei secondi in più, vuol dire che hanno scritto qualcosa, quindi hanno disubbidito. Alcuni, addirittura, piegano la scheda ancor prima di entrare, per far vedere che sono stati fedeli agli ordini.

Non è quindi uno spettacolo bellissimo: è un modo per aggirare la Costituzione, che prevede che lo scrutinio sia segreto. In un mondo migliore, tutti i Grandi elettori si fermerebbero un po' dentro i “catafalchi”, come vengono chiamati: così nessuno saprebbe se hanno scritto qualcosa o no. Sarebbe un bel segnale per dimostrare la propria non-sudditanza dai capi, non vi pare?

Un segnale ancora più bello sarebbe se in questi primi tre scrutini i rappresentanti del popolo ne approfittassero per scrivere sulla scheda il nome del loro presidente ideale, in coscienza. Magari, tra l'altro, salterebbe fuori qualcuno di buono. Ma questo potrebbe avvenire appunto solo se agissero in coscienza e non in ottemperanza, come invece fanno.

Invece, con tutta probabilità, il nome del prossimo Presidente della Repubblica è stato già deciso.

Tutti gli incontri che si dovevano fare sono già stati fatti, quindi sia Renzi sia Berlusconi sanno già chi sarà il nuovo Capo dello stato. Solo che non ce lo rivelano: per “non bruciarlo”, come si dice, cioè per evitare che ci sia il tempo - da parte dell'opinione pubblica - di valutarlo e magari di cercare di influenzare i Grandi elettori. Meglio quindi (per loro) tenerlo segreto e tirarlo fuori dal cappello poche ore prima del quarto voto, sabato. Anche questo non è un bellissimo spettacolo.

Siccome qui siamo “giù dal colle”, il nome scelto naturalmente non lo sappiamo. Possiamo solo leggere quelli che ipotizzano i giornali: Amato, Finocchiaro, Fassino, Padoan, Mattarella, Veltroni. Quest'ultimo è un mio amico, lo conosco da quando era ragazzino: se proprio dovessi scegliere tra questi sei, mi sembrerebbe forse la scelta migliore. Subito dopo ci metterei Mattarella. Ma il problema non è la stima personale né l'amicizia. Il fatto è che sono tutte persone che provengono dalla Seconda se non dalla Prima Repubblica: e meno male che dovremmo essere nella Terza!

fonte: http://magalli.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/01/28/bianca-che-brutto-spettacolo/?ref=HEF_RULLO, 28.01.2015

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.