Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Basta crociati contro invasori. La Dichiarazione di fratellanza entra nel vivo (e il papa gioisce), di Riccardo Cristiano

Basta crociati contro invasori. La Dichiarazione di fratellanza entra nel vivo (e il papa gioisce), di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 27/08/2019 09:30
Annunciato il varo di un comitato per raggiungere gli obiettivi enunciati ed indicati nel documento firmato dal papa e dal Grande Imam di al Azhar, Ahmad Tayyeb, ad Abu Dhabi il 4 febbraio scorso. Francesco ha appreso la notizia con gioia…

“Non abbiamo fatto abbastanza”. Era stato netto e chiarissimo mesi fa il segretario generale dello Spiritual Islam Summit, Muhammad Sammak, riferendosi alle iniziative assunte concretamente da cristiani e musulmani dopo la firma del “Documento sulla Fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune”, firmato da Papa Francesco e dal Grande Imam di al Azhar, Ahmad Tayyeb, ad Abu Dhabi il 4 febbraio scorso. 

L’iniziativa di Muhammad Sammak presso le autorità degli Emirati Arabi Uniti e del Consiglio degli Anziani dell’Islam che vi ha sede hanno avuto finalmente frutto ed è stato annunciato il varo di un comitato per raggiungere gli obiettivi enunciati ed indicati nel documento. Non è un lavoro facile; si tratta infatti di riscoprire la fratellanza umana, tra credenti nei tre monoteismi e non solo tra di loro, ma tra tutti coloro che il linguaggio Vaticano consolidato definirebbe “uomini di buona volontà”.

Il documento di Abu Dhabi infatti fa menzione esplicita anche dei non credenti quando indica nella comune cittadinanza il nuovo criterio guida che si deve seguire per costruire Stati democratici, nei quali non vi sia più l’assurdo di minoranze definite tali per motivi di fede. È una in particolare la frase contenuta nella documento firmato da Francesco e dal Grande Imam che segna una pietra miliare nel cammino di tutti verso la vera fratellanza. 

È la frase in cui al riguardo dell’idea di cittadinanza si dice: “Ciascuno gode della libertà di credo, di pensiero, di espressione e di azione. Il pluralismo e le diversità di religione, di colore, di sesso, di razza e di lingua sono una sapiente volontà divina, con la quale Dio ha creato gli esseri umani. Questa Sapienza divina è l’origine da cui deriva il diritto alla libertà di credo e alla libertà di essere diversi. Per questo si condanna il fatto di costringere la gente ad aderire a una certa religione o a una certa cultura, come pure di imporre uno stile di civiltà che gli altri non accettano”.

Ecco come gli universalismi possono coesistere: queste parole segnano la rinuncia definitiva e concreta a pratiche politico-culturali che definiscono o ritengono o pensano i cristiani eterni “crociati” o loro “quinte colonne” e i musulmani degli eterni “invasori” o loro “quinte colonne”. Che questa visione, pienamente fedele allo spirito e all’impostazione della dichiarazione conciliare Nostra Aetate, sia stata condivisa da Francesco e dal responsabile della principale istituzione sunnita in un simposio che ha coinvolto esponenti di tutte le fedi e che ha avuto luogo non in una città “neutra” ma nella penisola arabica è un passo gigantesco per l’umanità e una speranza per tutto il Mediterraneo di cui purtroppo poco si è parlato sia nel mondo islamico sia in quello cristiano, soprattutto arabi. 

Ecco perché il primo compito del comitato costituito ad Abu Dhabi sarà quello di promuovere il documento, farlo conoscere nel mondo islamico, organizzare incontri con esponenti soprattutto locali delle comunità islamiche e cristiane. Si tratta di apprezzare la laicità dello Stato e poi di ripensare la fratellanza, troppo spesso ritenuta limitata al proprio contesto comunitario e non universale e di riscoprire il significato di Abramo, padre comune delle tre grandi religioni monoteiste.

Il direttore della Sala Stampa Vaticana ha reso noto che Francesco ha appreso la notizia con gioia, affermando; “Anche se purtroppo sono spesso il male, l’odio, la divisione a fare notizia, c’è un oceano nascosto di bene che cresce e che ci fa sperare nel dialogo, nella conoscenza reciproca, nella possibilità di costruire, insieme ai credenti di altre fedi e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, un mondo di fraternità e di pace”.

Queste parole non possono che far pensare a quanto accade nel Mediterraneo, dove i naufragi e i salvataggi, all’opposto di quanto sostenuto da certa pubblicistica tesa ad eternizzare il passato remoto, non possono che far pensare a una richiesta e offerta di fratellanza vissuta come scelta concreta tra le due sponde del mare comune, quella che molti cattolici chiamano la fratellanza delle numerose Madonne di Porto Salvo, salvo per tutti i marinai, i naufraghi, gli schiavi che vi hanno trovato soccorso nei secoli. 

Forse è per questo che al termine della cerimonia della processione e della benedizione delle acque, il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, ha parlato di riparazione dei “misfatti omicidi” di questi anni, per “riconciliare tutti noi con il Mediterraneo, mare dell’uomo, di ogni uomo, mare di incontro, di accoglienza, di dialogo, di pace, culla dell’umanesimo solidale”.

https://formiche.net/2019/08/sfida-francesco-imam/

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.