Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Basta con il «laissez-faire», è tempo di nuovo welfare, di Leonardo Becchetti e Angelo Moretti

Basta con il «laissez-faire», è tempo di nuovo welfare, di Leonardo Becchetti e Angelo Moretti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/12/2021 10:02
L’attualità non sembra darci tregua e ogni giorno, tra allarmi pandemici di nuove varianti ed eventi sempre più drammatici come lo sciame di tornado d’oltreoceano...

L’attualità non sembra darci tregua e ogni giorno, tra allarmi pandemici di nuove varianti ed eventi sempre più drammatici come lo sciame di tornado d’oltreoceano legati al problema del riscaldamento globale, rende fondamentale e urgente la risposta della comunità mondiale alla sfida dei mali pubblici globali. 

È innegabile che il nuovo scenario che evidenzia le conseguenze negative per tutti di comportamenti individuali socialmente dannosi (dalle negligenze su precauzione e vaccini alle scelte ambientalmente insostenibili) abbia reso obsoleta la logica del laissez-faire e centrale il tema delle sinergie tra cittadinanza attiva, imprese responsabili e istituzioni illuminate. 

È in questa logica che si deve innestare la rivoluzione del welfare in una logica generativa dove l’attenzione agli ultimi promossa dalla società civile e dagli enti di Terzo settore può essere un volano decisivo che, curando relazioni ferite, genera valore economico e quel capitale sociale fondamentale che trasforma leoni da tastiera ossessionati da complotti in cittadini attivi capaci di contribuire al bene della comunità. 

È per questi motivi che la coalizione di oltre cento associazioni e realtà della società civile che ad aprile 2020 aveva firmato l’Appello per un 'Nuovo Welfare a misura di tutte le persone ed i territori' e a febbraio di quest’anno aveva lanciato un nuovo accorato invito al presidente Draghi reitera oggi l’appello a un maggiore coraggio nel muovere verso una nuova frontiera di welfare inclusivo e generativo. Tra i punti chiave un impegno maggiore per il servizio civile, Budget di Salute come principale sistema di investimento e co-progettazione delle prese in carico delle persone vulnerabili, Ius Soli e Ius Culturae per portare l’Italia nella modernità e uscire dalla gabbia di regole anacronistiche in materia di acquisizione della cittadinanza, Patti Educativi Territoriali e Budget Educativi per la personalizzazione del contrasto alla povertà educativa unita alla costruzione delle comunità educanti in ogni territorio scolastico, riconoscimento del valore dei servizi ecosistemici di salvaguardia delle risorse naturali e riforma dell’Ordinamento penitenziario, con il potenziamento delle misure alternative e di quel lavoro in carcere che oggi consente di abbattere in modo significativo la recidiva producendo benefici per i diretti interessati, per la società e risparmi significativi nelle spese di detenzione per lo Stato. 

In un contesto nel quale ogni giorno facciamo appello alla responsabilità dei cittadini e al ruolo centrale delle nuove generazioni, possiamo permetterci di rifiutare la domanda di servizio civile di 22.458 giovani che, oltre che rispondere donando il loro tempo alle varie emergenze sociali del nostro Paese, generano per se e per coloro con i quali hanno a che fare quel capitale sociale oggi fondamentale per ricreare il tessuto e i legami comunitari? 

Il 'di più' che oggi possono realizzare le istituzioni consiste nella creazione di leggi generative che mettono in moto le migliori energie della società nel creare valore economico e ricchezza di senso di vita. Così è stato con la legge 381/1991 grazie alla quale – come ha ricordato recentemente il presidente di FederSolidarietà, Stefano Granata – oggi 15mila cooperative sociali con 7,2 milioni di assistiti si prendono cura del 12% della popolazione. Il segreto della cooperazione sociale è nello scambio vincente di senso per il quale gli 'scartati' hanno l’occasione di tornare a sentirsi utili per sé e per gli altri e i cosiddetti 'normali' trovano una nuova motivazione forte per il loro agire economico nell’offrire opportunità di reinserimento sociale a persone in difficoltà. 

Nel loro appello le 100 organizzazioni ribadiscono come questo approccio, rinforzato e valorizzato, applicato ai Budget di salute, alle comunità educanti, al lavoro in carcere, può diventare un enorme volano di creazione di valore economico, di comunità e di capitale sociale, di welfare. Aggiungendo come l’applicazione effettiva della logica di co-programmazione e coprogettazione delle istituzioni con le organizzazioni della società civile, in applicazione della sentenza 131/2020 della Corte Costituzionale, potrebbe portare nuovi progressi e risultati in questa direzione mettendo a pieno regime l’intelligenza collettiva del Paese. 

Non siamo pessimisti nonostante molte delle nostre proposte di aprile 2020 non siano ancora state attuate, perché il progresso civile ha i suoi tempi. Continuiamo però a impegnarci, anche con il nuovo messaggio inviato al premier, affinché questo accada il prima possibile.

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/basta-con-il-laissezfaire-tempo-di-nuovo-welfare

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.