Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Baruffe no vax, di Lorenzo Prezzi

Baruffe no vax, di Lorenzo Prezzi

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 20/11/2021 10:10
C’è una faglia che attraversa e divide il mondo dei tradizionalisti cristiani ed è stata provocata dal virus della pandemia…

Il rifiuto del vaccino è teorizzato nel mondo americano e anglosassone in ragione della saldatura fra il complottismo del QAnon, la difesa della morale “di sempre”, il sostegno politico a Trump e, per quanto riguarda i cattolici, l’opposizione a papa Francesco.

Diversa la situazione nel tradizionalismo cristiano e cattolico in Europa, da quello curiale romano ai lefebvriani. Qui non vi è opposizione al virus anche se si partecipa all’ideologia complottista. Ma una parte dei no vax cattolici, rappresentati da mons. Carlo Maria Viganò, condivide pienamente l’indirizzo americano, fino alla rottura interna con i compagni di viaggio.

Complottisti contro incoerenti

È successo nel giugno scorso. Roberto De Mattei, a capo della fondazione Lepanto e responsabile del sito Corrispondenza romana, oltre che della rivista Radici cristiane, si è duramente scontrato con mons. Viganò, indicandolo come una retore ampolloso che sdottora su temi a lui ignoti «fino a spingersi a considerazioni di geo-politica e filosofia della storia, estranee al suo modo di pensare ed esprimersi».

Una deriva che gli consente di appropriarsi delle battaglie tradizionaliste (contro il concilio e papa Francesco) saccheggiando un orto non suo, di cui non conosce nulla. Egli opera la sovrapposizione fra escatologia cristiana e palingenesi complottista. La risposta di mons. Carlo Maria Viganò non è meno tagliente: si dispiace della giravolta del professore a suo riguardo, peraltro anticipata da scritti «che sembrano composti da un grigio funzionario di regime obbediente alla narrazione mainstream».

La collisione si è rinnovata a novembre. Francesco Boezi pubblica su Il Giornale (14 novembre) un articolo in cui accusa i tradizionalisti no-vax di dividere il fronte della difesa della tradizione a causa delle panzane sui vaccini. «Otto anni di finissime e strutturate critiche dottrinali mosse nei confronti del papa per poi scendere a livello di complottismo no vax» provocando il crollo della credibilità di tutti.

«Non è un mistero che le argomentazioni di Burke, Viganò e altri, almeno prima dell’avvento della pandemia, abbiano faccio breccia in una parte della cosiddetta “base cattolica”. Ma è altrettanto indubbio che, con le posizioni assunte su vaccino et similia, i tradizionalisti stiano rischiano una complessiva crisi, nella Chiesa e fuori, investendo soprattutto l’attendibilità delle posizioni dei consacrati conservatori. La fase odierna è uno spartiacque: vale per la politica come per il Vaticano. E propendere per teorie antiscientifiche e complottiste, soprattutto alla luce della provata efficacia dei vaccini anti-Covid19, comporta delle conseguenze».

Vuol dire essere condannati all’ininfluenza e al macchiettismo.

Viganò, il trumpiano

Il giorno dopo risponde piccato l’arcivescovo Viganò: «Anche lei quindi si allinea alla “criminalizzazione del dissenso” ma aggiungendovi un interessante parallelo, che sottoscrivo: chi è contro la narrazione pandemica è anche contro il ruolo di Bergoglio come profeta del Great Reset. Questo elemento, a suo modo di vedere, inficerebbe l’intero fronte “tradizionalista”, lasciando campo libero a quello “progressista”, quando invece conferma – e questo è ciò che vi disturba –  la sua coerenza nell’identificare la stessa matrice eversiva tanto nelle limitazioni delle libertà costituzionali del Green Pass quanto nella propaganda bergogliana a favore del siero genico, addirittura indicandolo come “dovere morale”».

La pretesa sapienza tattica di Boezi e dei suoi viola la coerenza ai valori e rappresenta un cedimento alla secolarizzazione e alla mondanizzazione. Per di più compiuta con «un’assoluta incompetenza professionale, non esclusa una lucida malafede».

Si tratta, insomma, di servilismo all’agenda globalista dei poteri oscuri «che è intrinsecamente anticristiana e anticristica, e che si avvale della collaborazione dei vertici della gerarchia e del suo capo, arruolato come piazzista di vaccini e sostenitore dell’ecologismo neomalthusiano, proprio perché li riconosce come alleati, confermando il tradimento che affligge il corpo ecclesiale».

Il compatto consenso dell’intera gerarchia cattolica alla spinta vaccinale (dai vescovi alle conferenze episcopali, dai media alle associazioni laicali) ha impedito il formarsi del consenso attorno alle suggestioni complottiste che trovano comunque spazio in alcuni movimenti (Pro vita) e nell’ambito dei social e dei media (i siti di Aldo Maria Valli e di Marco Tosatti, come Bastabugie e Bussola quotidiana).

Sui vaccini non si gioca la sostanza ecclesiale, ma la responsabilità civile e la cura dei più deboli. Elemento prezioso di contenimento in una società come quella occidentale che per un terzo sarebbe disponibile alla narrazione complottista.

Assai più difficile il compito dei vertici dell’Ortodossia nei paesi ex-sovietici (Grecia compresa) che si scontrano con vescovi, monaci e popolazione che per lunga tradizione diffidano della credibilità dei poteri politici per consentire a gesti e tradizioni di invalidare le prassi  preventive e curative anti-pandemia.

http://www.settimananews.it/chiesa/baruffe-no-vax/

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.