Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Autonomia, appello dei costituzionalisti a Mattarella, di Valentina Santarpia

Autonomia, appello dei costituzionalisti a Mattarella, di Valentina Santarpia

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 09/03/2019 09:30
Il documento è stato elaborato da Andrea Patroni Griffi, ordinario dell’Università della Campania «Luigi Vanvitelli» e firmato dai trenta costituzionalisti. Il timore di mettere a repentaglio il ruolo del Parlamento. La replica dal Veneto: «Maldestro tentativo»...

«Siamo fortemente preoccupati per le modalità di attuazione finora seguite nelle intese sul regionalismo differenziato e per il rischio di marginalizzazione del ruolo del Parlamento, luogo di tutela degli interessi nazionali». 

La denuncia è contenuta in un appello, inviato al Capo dello Stato e ai presidenti di Camera e Senato, redatto da 30 costituzionalisti che chiedono che sia garantito «il ruolo del Parlamento anche rispetto alle esigenze sottese a uno sviluppo equilibrato e solidale del regionalismo italiano, a garanzia dell’unità del Paese». 

Nel mirino il procedimento in atto riguardante le Regioni Emilia Romagna, Veneto e Lombardia per cambiare le competenze, e le risorse finanziarie a ciò collegate (il vero punto critico), delle tre regioni. Il Presidente della Repubblica si era già espresso rivolgendosi «da giurista» ai presidenti di Camera e Senato: «Il Parlamento ha diritto a svolgere una discussione di merito, è preferibile un largo approfondimento, ma la scelta è vostra». La Lega è fortemente pro-autonomia.

Il rischio di marginalizzare le Camere

L’appello è stato firmato tra gli altri da 3 presidenti emeriti della Consulta: Francesco Amirante, Giuseppe Tesauro e Francesco Paolo Casavola. Ed è stato predisposto dal professore Andrea Patroni Griffi, ordinario nell’Università della Campania L. Vanvitelli. 

«Le ulteriori forme di autonomia non possono riguardare la mera volontà espressa in un accordo tra Governo e Regione interessata, avendo conseguenze sul piano della forma di Stato e dell’assetto complessivo del regionalismo italiano», sostengono i 30 costituzionalisti, convinti che «i parlamentari, come rappresentanti della Nazione, devono essere infatti chiamati a intervenire, qualora lo riterranno, anche con emendamenti sostanziali che possano incidere sulle intese, in modo da ritrovare un nuovo accordo, prima della definitiva votazione sulla legge». «Anche nell’approvazione dei primi Statuti del 1972 il Parlamento svolse un ruolo incisivo- ricordano-. La fisionomia delle regioni, infatti, riflette quella dell’intero Paese e non riguarda solo i singoli governi regionali». 

Per questo «l’approvazione parlamentare non può essere meramente formale; la previsione della legge nell’articolo 116, comma 3 della Costituzione è posta a garanzia che l’autonomia negoziata dalle regioni richiedenti si inserisca armonicamente nell’ordinamento complessivo della Repubblica. Il ruolo del Parlamento, nell’articolo 116, è finalizzato a tutelare le istanze unitarie a fronte di richieste autonomistiche avanzate dalle Regioni che possono andare proprio in danno a tali istanze unitarie».

«Maldestro tentativo»

Non si sono fatte attendere le repliche degli «autonomisti». « Le differenze-discriminazioni tra Regioni, sottolinea, «esistono da sempre e ad esse lo Stato non ha saputo, finora, porre rimedio», scrive il professor Mario Bertolissi, membro della delegazione trattante per l’autonomia differenziata della Regione del Veneto, bollando l’iniziativa come una «maldestra volontà di forzare Mattarella». 

Per Bertolissi, i timori che hanno ad oggetto la centralità del Parlamento «sono smentiti dalle disamine dei costituzionalisti, i quali, da lungo tempo, vanno dicendo di una centralità del Governo, come è nei fatti». Tra le tante questioni, il costituzionalista veneto cita anche il fatto che «mina l’unità e indivisibilità della Repubblica il criterio della spesa storica, fonte di inefficienze, sperpero di pubblico denaro e di irresponsabilità, cui non si è mai voluto derogare». «È bene che il Parlamento discuta: di numeri, di cose fatte e non fatte, di risultati, di tutele realizzate e no, dopo aver riscontrato se è ancora vero che esistono `Regioni di avanguardia´, `Regioni collocate nel mezzo´ e `Regioni di retroguardia´, alla luce del principio di responsabilità. C’è da chiedersi: perché mai non se ne è parlato in passato - domanda Bertolissi - e si è atteso l’impulso del Veneto?».

https://roma.corriere.it/notizie/politica/19_marzo_06/autonomia-appello-costituzionalisti-mattarella-28badf80-4019-11e9-bb83-aca868a1eb53.shtml

 

Autonomia, Mattarella dà un «parere» destinato a pesare, di Marzio Breda

Il presidente della Repubblica parla «da giurista» ai presidenti di Camera e Senato: «Il Parlamento ha diritto a svolgere una discussione di merito, è preferibile un largo approfondimento, «ma la scelta è vostra»...

È solo «un parere» sul ruolo del Parlamento, ma, visto che a esprimerlo è Sergio Mattarella, sembra destinato a pesare nella partita sull’autonomia differenziata. Si sa: prima che politico e giudice costituzionale il capo dello Stato era docente di diritto parlamentare. Ed è appunto «esclusivamente in questa veste», per non interferire, che tre settimane fa ha accettato di dare lumi ai presidenti di Palazzo Madama e Montecitorio, saliti al Quirinale con l’idea di sondarlo sull’iter migliore per mettere in cantiere la riforma nata dai referendum di Veneto e Lombardia, cui si è aggregata l’Emilia-Romagna, per cambiare le competenze, e le risorse finanziarie a ciò collegate (ecco il vero punto critico), delle tre regioni. 

Un progetto che, una volta nell’agenda di governo, ha cominciato a dividere la maggioranza, mentre il confronto politico si allarga ormai anche ai costituzionalisti. Oggetto del contendere: il percorso per affrontare questo inedito dossier e, di conseguenza, i compiti che spettano alle Assemblee. Da una parte c’è chi — in primis la Lega — preme affinché il testo sia discusso al Senato e alla Camera con la semplice ratifica di una mozione dalla quale emerga un indirizzo politico da affidare al premier Conte per la ricerca di un’intesa con le regioni. Dall’altra parte c’è chi — su tutti Roberto Fico e i 5 Stelle — rivendica il diritto del Parlamento a svolgere una discussione «di merito», con possibilità di emendare i testi, sui poteri che lo Stato cederebbe alle regioni. 

Due soluzioni su cui si gioca il destino della legge, visto che contrappongono velocità (e varo senza trappole della nuova autonomia) e lentezza (con rischi di depotenziamento o persino affossamento della riforma). 

Il parere «da giurista» del Presidente è stato di far esaminare pienamente la riforma dalle Camere. Sia perché i regolamenti lo consentono sia perché, su un caso di tale delicatezza, è preferibile un largo approfondimento. «La scelta è vostra», ha detto Mattarella a Fico e Casellati, al momento del congedo. Come dire: non pensate di coprirvi dietro di me.

 

https://www.corriere.it/politica/19_marzo_03/autonomia-mattarella-da-parere-destinato-pesare-75e31a18-3dfb-11e9-8c5a-fe036315fb55.shtml

 

 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.