Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Aung San Suu Kyi: il nuovo Myanmar, di Piergiorgio Pescali

Aung San Suu Kyi: il nuovo Myanmar, di Piergiorgio Pescali

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 12:02
La leader dell'opposizione birmana è in tour europeo. Prova che il suo paese è avviato verso riforme politiche che sembravano impensabili solo tre anni fa. Sono le trasformazioni sociali a restare indietro. Quasi tutti i prigionieri politici sono stati liberati ma l'improvvisa liberalizzazione della società rischia di stravolgere l'intero sistema, portando il paese verso il caos

Aung San Suu Kyi è in visita in Italia. E' un evento che, al di là della caratura del personaggio, premio Nobel per la pace 1991, indica quanto il Myanmar si sia saldamente avviato verso riforme politiche e sociali che, appena tre anni fa, sembravano impensabili da raggiungere. Il plauso delle democrazie occidentali, Stati Uniti in testa, si è tramutato in aperta collaborazione economica, tanto che le sanzioni europee e statunitensi in vigore dagli anni Novanta, oggi sono sospese, se non addirittura eliminate. L'improvvisa ventata di democrazia ha trovato, paradossalmente, una classe politica più preparata di quanto lo sia la popolazione. Dei duemila prigionieri politici denunciati dalle organizzazioni dei diritti umani nel 2010, oggi ne rimangono in carcere meno di 100. Personaggi di punta dell'opposizione, come Ko Ko Gyi e Zarganar, sono stati liberati e, a differenza di quanto accadeva nel passato regime, chiamati a partecipare al processo di democratizzazione. La stessa Aung San Suu Kyi è attiva protagonista della vita politica e parlamentare della Camera Bassa. I media non sono più censurati e il famigerato Odine 2/88, che vietava a più di quattro persone di riunirsi pubblicamente, è stato cancellato. Mentre le trasformazioni politiche procedono a ritmo serrato, quelle economiche e sociali, ostacolate le prime da una goffa burocrazia e le seconde da un mosaico etnico i cui tasselli difficilmente si riescono a incastrare, non riescono a stare al passo con la liberalizzazione. Il risultato è che oggi il paese è scosso da una serie di fermenti sociali senza precedenti dimostrando ciò che molti avevano paventato da tempo: l'improvvisa liberalizzazione della società, rischia di stravolgere l'intero sistema, portando il paese verso una pericolosa spirale di caos. Ne sono un esempio le manifestazioni popolari in atto a Monywa, dove sorge una delle miniere di rame più grandi al mondo ed in cui i lavoratori, da decenni, sono sfruttati in modo disumano. Gli abitanti della zona, insorti per contrastare l'ampliamento delle miniere, hanno subito una brutale e sanguinosa repressione da parte della polizia. E le fragili tregue con le minoranze etniche, in particolare con i Kachin, il cui accordo è stato firmato poche settimane fa, sono più frutto di risvolti economici che di effettiva volontà di pace. Il gasdotto appena inaugurato, che ogni anno porterà in Cina 12 miliardi di metri cubi di gas naturale, le innumerevoli miniere di giada e rubini e le foreste di tek non potrebbero essere sfruttati appieno se sul territorio perdurasse lo stato di guerra. Più drammatica è la questione degli 800.000 Rohingya islamici che vivono al confine con il Bangladesh. Non riconosciuti dal governo centrale, che si ostina a considerarli Bengalesi, e discriminati dalla maggioranza Rakhine di religione buddista, i Rohingya vivono in uno stato di assedio permanente. Il terrore di pogrom ha indotto migliaia di loro a cercare rifugio in Bangladesh, Thailandia, Malesia, Indonesia venendo regolarmente respinti o, nel migliore dei casi, internati in campi temporanei. Di fronte a questa escalation Aung San Suu Kyi ha dato prova di poca sagacia giustificando il suo rifiuto nel condannare le violenze perpetrate dai buddisti col fatto che i Rohingya non sono rappresentati in parlamento. Le critiche, per questa improbabile scusante, sono piovute non solo dall'interno del paese, ma anche dall'esterno, facendo infuriare la Lady, per troppo tempo abituata a ricevere solo elogi e, quindi, poco avvezza ai giudizi negativi. Neppure la decisa condanna di Tomàs Ojea Quintana, rappresentante speciale dell'Onu per i Diritti umani, e di organismi come Medici Senza Frontiere, hanno indotto Suu Kyi a fare marcia indietro. Nel 2013 le violenze etnico-religiose sono dilagate in altre parti del paese inducendo gli elementi più estremisti buddisti a fondare organizzazioni xenofobe e intolleranti come il Movimento 969, promosso da monaci influenti come Wirathu e Wimala. Rispecchiando la tradizione di superstizione che permea ogni atto sociale e politico della vita birmana, 969 rappresenta, nella numerologia astronomica, gli speciali attributi del Buddha e i suoi insegnamenti. I leader del movimento chiedono il boicottaggio delle attività commerciali e il divieto dei matrimoni misti, ipotizzando un fantomatico complotto jihadista per convertire il paese e prendere il potere. Il conflitto ha già valicato i confini nazionali, inducendo molti stati islamici, tra cui il turbolento Pakistan, a chiedere a Thein Sein di impegnarsi a proteggere la comunità islamica che, raggiungendo il 4% della popolazione, è il secondo gruppo religioso del Myanmar. Nel suo tour europeo, Aung San Suu Kyi ha cercato sempre di glissare sulla questione Rohingya: il tema ricorrente dei suoi discorsi è stato la riforma costituzionale. Presentata giustamente come proposta per democratizzare il paese (secondo l'attuale sistema il 25% dei seggi parlamentari è riservato ai militari), in realtà gli emendamenti chiesti dalla leader dell'opposizione hanno un obiettivo più personale. La costituzione del 2008 (così come quella democratica del 1947 a cui spesso la stessa Suu Kyi si riferisce come esempio da seguire) vieta a cittadini birmani che hanno parenti con passaporto straniero di occupare cariche presidenziali. Con le elezioni del 2015 che si stanno avvicinando, Aung San Suu Kyi, i cui due figli hanno cittadinanza britannica, rischierebbe di restare esclusa dalla candidatura alla più alta carica del paese. Il che, nonostante tutti i limiti politici che presenta la Lady, sarebbe un danno per lo stesso Myanmar.

fonte: http://www.ilmanifesto.it/attualita/notizie/mricN/10054/, 28.10.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.