Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Attenzione ai segnali ambigui, di Paolo Mieli

Attenzione ai segnali ambigui, di Paolo Mieli

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/12/2020 09:59
Mentre altri Paesi europei, con meno morti di noi, si accingono, per le feste di Natale, ad adottare misure assai severe, in Italia è stata messa in discussione la raccomandazione a trascorrere i giorni di festa in esclusiva compagnia degli abituali conviventi...

È preoccupante che per giorni il governo abbia preso in considerazione l’idea di cedere sul permesso di valicare i confini dei piccoli comuni a Natale, Santo Stefano e Capodanno. È preoccupante non perché quella concessione sarebbe stata priva, almeno in parte, di giustificazioni. Ma perché ciò che avrebbe indotto il presidente del Consiglio a compiere tale scelta è parso essere il desiderio di offrire un segnale di apertura alle forze politiche che, con baldanza o copertamente, da qualche giorno lo insidiano. Per «trattare» con chi cerca di sgambettarlo, il capo del governo si sarebbe dunque apprestato ad ammettere (implicitamente) che, quando varò il provvedimento per limitare gli spostamenti nei giorni festivi, non si era reso conto della differenza che c’è tra una metropoli con milioni di abitanti e un piccolo centro popolato da poche anime. E avrebbe finto adesso di riparare a quell’errore, tornando sui propri passi così da offrire agli italiani un’opportunità di ricongiungimento natalizio con i propri nonni. 

Mentre altri Paesi europei, con meno morti di noi, si accingono, per le feste di Natale, ad adottare misure assai severe (in primis la Germania), qui in Italia è stata messa in discussione la raccomandazione a trascorrere i giorni di festa in esclusiva compagnia degli abituali conviventi. E lo si è fatto per ragioni esclusivamente tattiche. Una sorta di «rimpasto sanitario» concesso alle parti politiche più insofferenti, attuato per giunta nel mentre la comunità scientifica, pressoché al completo, scongiurava di rinunciare a prendere misure di apparente buon senso che avrebbero però potuto avere conseguenze deleterie.

È sbagliato far paragoni con l’estate scorsa. Allora ci si poteva davvero illudere che il peggio fosse alle spalle. Ed era in qualche modo lecito coltivare tale illusione pur a dispetto del parere di molti medici che ancora esortavano alla prudenza. Sicché gli errori commessi a quell’epoca sono parzialmente perdonabili. Molto, molto parzialmente. Semmai una comparazione si può fare con le settimane tra la seconda metà di settembre e la prima di ottobre in cui il virus aveva ripreso a diffondersi in importanti Paesi europei e l’Italia non adottò per tempo le misure che avrebbero potuto porre argine alla cosiddetta seconda ondata. 

Si ripeté, a parti invertite, ciò che era accaduto alla vigilia della primavera. Dieci mesi fa l’Italia fu colpita per prima, Francia e Spagna non vollero capire che la pandemia avrebbe con ogni probabilità varcato i loro confini e qualche settimana dopo furono travolte. In autunno, invece, il contagio ha dilagato inizialmente in Francia, Spagna e persino in Germania. Toccava a noi far tesoro della lezione invernale e assumere ai primi di ottobre le decisioni che saremmo stati costretti a prendere a novembre. Cioè, imperdonabilmente, dopo ben quattro Dpcm, quando ormai il Covid aveva ripreso anche da noi a mietere vittime in abbondanza. Si privilegiò ad inizio autunno il desiderio di non compiere scelte che avrebbero potuto compromettere la stabilità politica e il risultato si è visto. 

In Italia si sottovaluta la fragilità intrinseca e l’inevitabile erraticità di un governo che non ha ricevuto in nessuna forma un qualche consenso degli elettori ed è anzi figlio di una manovra parlamentare avente come esclusivo (ancorché legittimo) scopo quello di mettere fuori gioco l’avversario ed impedirgli una rivincita nelle urne. Un governo del genere per sua natura non ha una missione condivisa, né le parti che ad esso hanno dato vita si sentono in obbligo di obbedire a principi di coerenza e lealtà così da poter esibire tali comportamenti al cospetto degli elettori. Ognuno, ogni singolo partito, ogni formazione minore ma anche ogni microfrazione deve render conto solo ai propri tifosi (qualcuno gli elettori li ha già persi da tempo) in vista di aggiustamenti, uno dietro l’altro, che si conta siano vantaggiosi in termini di potere. Basta che non si torni alle urne, qualsiasi iniziativa è lecita.

La sanità nazionale, in nome della quale si combatte la battaglia decisiva, è la prima vittima di questo modo di procedere. La prova è che ad essa sono stati destinati solo nove miliardi dei 209 che dovrebbero arrivarci dall’Europa. Come è stato possibile? Il ministro della Salute, Roberto Speranza, proviene da una piccola forza politica che non ha alcun potere di ricatto e dal momento che, anche se l’avesse, ad ogni evidenza non ne farebbe uso, al suo dicastero è stata assegnata una somma pari ad un terzo di quella che lui stesso a fine primavera aveva richiesto (25 miliardi). Un ammontare, sia detto per inciso, assai inferiore a quello che, per una valutazione largamente condivisa, sarebbe necessario a rimettere in sesto la nostra sanità (65 miliardi). 

Speranza se ne è lamentato ma non più di tanto. Forse perché impercettibilmente ammaccato a seguito della complicata gestione della caotica vicenda del commissario alla sanità calabrese. Più probabilmente perché non ha voluto unire la sua alle iniziative destabilizzanti all’indirizzo di Conte. In questo modo i miliardi per la sanità verranno (forse) aumentati ma difficilmente in una misura congrua alle difficoltà del momento. Non è così che si vincono le guerre.

 

https://www.corriere.it/editoriali/20_dicembre_13/attenzione-segnali-ambigui-3e852112-3d84-11eb-943e-95a1c9e91e01.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.