Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Attacco al Terzo settore. Perché è vitale capire i rischi della guerra alla solidarietà, di Mario Giro

Attacco al Terzo settore. Perché è vitale capire i rischi della guerra alla solidarietà, di Mario Giro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/05/2019 09:57
Guerra alla solidarietà: il tema è attualissimo ancorché poco discusso e poco seguito dai media. Per questo 'Avvenire' lo ha messo al centro di una mirata campagna informativa…

"Per questo va raccolto l’allarme lanciato domenica 28 aprile in un’intervista a Stefano Zamagni e in un editoriale che il direttore Marco Tarquinio, ha scritto": le reti solidali, tutte, Terzo settore compreso, non solo non sono sostenute, ma sono sotto attacco da parte di una politica miope e di un governo che vara 'dall’alto' il Reddito di cittadinanza e si dimostra ostinatamente ostile alla solidarietà 'dal basso'.

E qui la mente corre a ciò che il Censis, e in particolare Giuseppe De Rita, dicono da tempo: la crisi dei corpi intermedi è antica e la malattia molto avanzata. Tutta la stagione della cosiddetta Seconda Repubblica è stata segnata dal tentativo di negare o comunque di mettere sotto scacco in vari modi questo grande e variegato mondo. Si è cercato di disconoscerne il valore numerico e l’apporto al Pil. Poi, si è tentato di svilirne l’utilità sociale.

E così via, fino a considerarlo nel suo insieme solo come lobby di interessi oppure addirittura di criminalizzarlo come è accaduto alle Ong. Mentre i fatti dicono che con la crisi dei partiti e dei sindacati restano solo l’associazionismo e il cooperativismo a tenere alta la bandiera della libera iniziativa dei cittadini nel campo dell’azione sociale. Il civismo e tutto ciò che rientra in questa larga categoria, così come il solidale e il puramente volontario, rappresentano la base stessa della qualità e della tenuta della società italiana. Senza ciò, la nostra società si impoverisce e muore.

La crisi italiana è una crisi di senso prima che qualunque altra cosa: troppi italiani non sanno più a cosa servono, non hanno più un’idea di futuro e di visione del proprio Paese. Di conseguenza tendono a rinchiudersi nel particolare. Ma c’è ancora la società civile organizzata a dare senso alla vita del Paese. Magari in maniera incompleta e con molti limiti, ma c’è e fa. 

La dinamica della società non dipende solo dall’andamento dell’economia. Se manca lavoro perché l’economia rallenta, non basta un reddito alternativo gestito dallo Stato (e quindi malamente a causa di limiti oggettivi), serve piuttosto una dinamica di creazione di attività nuove. Si pensi ai mestieri della cultura, ai mestieri legati alla cura della persona, o ai nuovi mestieri dell’economia green e all’agricoltura bio.

Sono tutti settori in cui sono protagonisti il Terzo settore, il cooperativismo, il non profit e anche il volontariato. La politica della progressiva disintermediazione - durante la cosiddetta Seconda Repubblica e all’inizio di questa che già viene chiamata Terza Repubblica - punta invece a statalizzare (o regionalizzare, che in questo senso è lo stesso) praticamente tutto, togliendo poco a poco l’iniziativa dalle mani dei cittadini.

C’è dietro l’idea che questi ultimi debbano essere inquadrati e guidati (più di sinistra) oppure che non ci si possa fidare della loro libera presa di responsabilità (più di destra). Il risultato è lo stesso: tarpare le ali a chi vuole operare, cercando in tutti i modi possibili di equiparare Terzo settore e non profit all’impresa privata. Ma se essa va liberata da 'lacci e lacciuoli' come si usa dire, anche il Terzo settore non deve essere imbrigliato, umiliato, fatto fallire

Il valore sociale delle attività non profit e di solidarietà rappresenta il vero plusvalore di cui ha bisogno la società. Una vera politica di sviluppo nazionale tiene conto di questo e crea sinergie sul territorio, lasciando a ciascuno il suo spazio. Così anche una vera cooperazione allo sviluppo all’estero crea sinergie tra settore privato e Terzo settore per favorire entrambi ed essere efficace. Soprattutto una sana politica democratica lascia la libertà ai cittadini di esprimere concretamente il diritto-dovere di occuparsi del proprio Paese e del suo futuro.

*Esponente di Demos, già viceministro degli Esteri

 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/liberi-e-utili-perci-sotto-sferza

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.