Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Ascoltare possibilmente dal basso, di Andrea Monda

Ascoltare possibilmente dal basso, di Andrea Monda

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 11/02/2022 10:52
Il primo servizio che si deve agli altri nella comunione consiste nel prestare loro ascolto. Chi non sa ascoltare il fratello ben presto non sarà più capace di ascoltare nemmeno Dio…

Pubblichiamo la riflessione di monsignor Domenico Pompili, vescovo di Rieti e di padre Gaetano Piccolo, decano della Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Gregoriana.

Nel Messaggio per la Giornata delle Comunicazioni Sociali il Papa riflette sul fatto che ogni cristiano in quanto tale è un “comunicatore”, una persona abitata, quasi “investita” da una notizia che sente urgentemente il bisogno di ritrasmettere agli altri suoi fratelli. Una buona notizia. Il cristiano quindi può comunicare in quanto prima è Dio che comunica con lui, sempre che egli sia disposto all’ascolto. Da qui la centralità, in questo Messaggio per il 2022, del tema dell’ascolto.

Il primo aspetto su cui vale la pena riflettere, dice il Papa, è lo stile comunicativo di Dio, uno stile umile: «Tra i cinque sensi, quello privilegiato da Dio sembra essere proprio l’udito, forse perché è meno invasivo, più discreto della vista, e dunque lascia l’essere umano più libero. L’ascolto corrisponde allo stile umile di Dio […] Da una parte, quindi, c’è Dio che sempre si rivela comunicandosi gratuitamente, dall’altra l’uomo al quale è richiesto di sintonizzarsi, di mettersi in ascolto. Il Signore chiama esplicitamente l’uomo a un’alleanza d’amore, affinché egli possa diventare pienamente ciò che è: immagine e somiglianza di Dio nella sua capacità di ascoltare, di accogliere, di dare spazio all’altro».

Si tratta quindi di sintonizzarsi; si potrebbe dire che Dio preferisca parlare attraverso la radio anziché apparire in televisione. Quest’ultima infatti è un mezzo di comunicazione più forte e violento rispetto alla radio, la televisione si impone. La radio invece è discreta, resta sempre sullo sfondo e richiede attenzione, lascia insomma l’uomo alla sua libertà. Tanto è vero che, tra i tanti suoni che arrivano al nostro orecchio, noi possiamo scegliere a quale dare ascolto. Avverte il Papa che «tutti abbiamo le orecchie, ma tante volte anche chi ha un udito perfetto non riesce ad ascoltare l’altro. C’è infatti una sordità interiore, peggiore di quella fisica. 

L’ascolto, infatti, non riguarda solo il senso dell’udito, ma tutta la persona». Emerge una dimensione paradossale dell’udito per cui da una parte l’uomo è costitutivamente “uditore”, aperto all’ascolto, può chiudere gli occhi e la bocca ma non può “chiudere” le orecchie (su questo punto è preziosa la riflessione del teologo Karl Rahner nel suo celebre saggio Uditori della Parola), ma dall’altra parte questo non basta perché ascoltare veramente non è solo una questione di timpani ma appunto di cuore, cioè di tutta la persona: sensibilità, intelligenza, affettività, volontà. Lo stile umile di Dio, che interpella la libertà dell’uomo, è continuamente riproposto nel testo biblico, come nel caso dell’episodio della teofania di Elia sul monte Oreb, che ci ricorda che Dio non parla negli eventi più evidenti e fragorosi ma attraverso il sussurro di un vento leggero (1 Re 19, 9-13). È questa “voce di silenzio” che l’uomo deve riuscire a cogliere, questo stile discreto di Dio, perfettamente incarnato dal Figlio: «Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui e cenerò con lui ed egli con me» (Apocalisse 3, 20).

Il mondo, e il mondo della comunicazione ancora di più, non ha questo stile discreto; viviamo oggi una società satura di suoni, voci, grida, immagini, clamori e fragori ed è difficile “ascoltare il silenzio”. Ne era ben consapevole Federico Fellini che nell’ultima scena del suo ultimo film, Le voci della luna, del 1990, mostrava il protagonista, Roberto Benigni, che di notte guarda la luna e si accosta ad un pozzo come se volesse udirne la voce e invita tutti ad un maggiore silenzio, condizione per ascoltare e comprendere qualcosa più di quel “guazzabuglio” che è il mondo e il cuore dell’uomo.

Quello stile umile di Dio, fatto di parole ma anche di silenzio, che si propone senza imporsi, è lo stile che si deve adottare se si vuole avere una comunicazione cristianamente ispirata. Il comunicatore cristiano non alza la voce, non si impone con arroganza ma si china umilmente sulla realtà e si sforza, lì dove si trova, a cercare Dio in tutte le cose anche quelle più nascoste, più sorprendenti e spiazzanti. Cercare la voce di Dio vuol dire anche sforzarsi di ascoltare e dare voce a chi non ha voce, perché ogni storia umana possiede una dignità incommensurabile. Bello e nobile quindi il lavoro di comunicare per un cristiano, ma anche rischioso. 

In questo il Messaggio del Papa è chiaro e attento a sottolineare che anche l’ascolto è qualcosa di umano che può degenerare, essere deviato: «C’è un uso dell’udito che non è un vero ascolto, ma il suo opposto: l’origliare. Infatti, una tentazione sempre presente e che oggi, nel tempo del social web, sembra essersi acuita è quella di origliare e spiare, strumentalizzando gli altri per un nostro interesse. Al contrario, ciò che rende la comunicazione buona e pienamente umana è proprio l’ascolto di chi abbiamo di fronte, faccia a faccia, l’ascolto dell’altro a cui ci accostiamo con apertura leale, fiduciosa e onesta». Ancora una volta è l’umiltà la via di salvezza, l’umiltà che risiede nel modo giusto, umano, non strumentale ma affettuoso di accostarsi all’altro. 

Lo esprime bene lo scrittore inglese C.S. Lewis quando suggerisce di cambiare la nostra immagine dell’uomo veramente umile che non è quello «che dichiara a ogni piè sospinto di non essere nessuno. Probabilmente vi troverete di fronte un uomo vivace e intelligente, che si interessa davvero a ciò che voi gli dite. Se vi riesce antipatico, sarà perché vi sentite un po’ invidiosi di uno che sembra godersi così facilmente la vita. Costui non pensa all’umiltà: non pensa affatto a se stesso».

Questa è la grande sfida dell’umiltà, soprattutto in un’epoca come quella contemporanea contrassegnata da un forte individualismo. Si tratta infatti di sgonfiare il proprio ego e lasciar spazio agli altri, altrimenti il rischio è alto, perché se non ascoltiamo l’altro non ascoltiamo neanche l’Altro. Lo ricorda il Papa citando il teologo protestante Dietrich Bonhoeffer che nel saggio La vita comune afferma che «il primo servizio che si deve agli altri nella comunione consiste nel prestare loro ascolto. Chi non sa ascoltare il fratello ben presto non sarà più capace di ascoltare nemmeno Dio». Se si fa spazio all’altro, se si è umili nell’ascolto allora la relazione fa un salto di qualità e si diventa generativi, più simili a Dio che, come coglie il poeta tedesco Hoelderlin, genera il mondo con un gesto di umiltà: «Dio ha creato il mondo come il mare i continenti: ritirandosi».

Il Messaggio del Papa quindi, oltre ad offrire consigli pratici per una buona comunicazione, pone questo interrogativo preliminare alla coscienza cristiana: siamo in grado di questa umiltà? Perché su questa virtù si gioca la possibilità reale di una vera, libera ed efficace comunicazione tra esseri umani.

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2022-02/quo-033/ascoltare-possibilmente-dal-basso.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.