Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Armi leggere, causano il 90% dei morti per conflitti a fuoco, di Matteo Cavallito

Armi leggere, causano il 90% dei morti per conflitti a fuoco, di Matteo Cavallito

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 04/04/2019 11:16
Nel mondo un miliardo di armi leggere, in buona parte in mano ai privati. Nel Mediterraneo tre rotte per i trafficanti che puntano verso l'Africa…

Fanno meno paura delle testate nucleari, non hanno la presenza scenica dei tank: ma le armi comuni restano protagoniste del mercato. E uccidono. Dalla fine della seconda guerra mondiale le cosiddette Small Arms and Light Weapons (SALW, armi leggere e di piccolo calibro) sono responsabili del 90% delle vittime dei conflitti. Lo ricorda l’ultima indagine dell’Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo (IRIAD). Il mercato, si legge nella ricerca, è in continua crescita, non diversamente, per altro, da quello delle armi pesanti. Ad alimentare la domanda sono soprattutto i privati. Soltanto un terzo delle SALW in circolazione è nelle mani degli Stati.

Un miliardo di esemplari nel mondo

Il mercato, per altro, offre un’ampia gamma di “soluzioni”: dalle armi di piccolo calibro a uso individuale (pistole semi-automatiche, revolver, fucili d’assalto etc.) alle light weapons, come mitragliatori pesanti, lanciagranate, cannoni anti-aereo e anti-carro e così via. Il totale degli esemplari supera quota un miliardo.

Secondo l’ultima indagine del Graduate Institute of International and Development Studies di Ginevra, in particolare, le armi leggere e di piccolo calibro negli arsenali militari sono stimate in 133 milioni di unità, pari al 13% del totale. 23 milioni (2%) sono gli esemplari in dotazione alle forze di polizia, una quota minima rispetto alla massa in mano ai civili, valutata in 857 milioni. È stata proprio quest’ultima categoria a trascinare al rialzo la domanda di mercato: nell’ultimo decennio, l’arsenale dei privati è cresciuto del 32%.

Legittima difesa? «Moltiplicherà i rischi»

Il ruolo dei privati resta insomma al centro dell’attenzione. A maggior ragione in Italia dove, ricorda Archivio Disarmo, si registra un significativo aumento delle licenze per uso sportivo, cresciute del 41,6% tra il 2014 e il 2017. L’approvazione della nuova legge sulla legittima difesa, sostiene ancora l’Istituto, dovrebbe ora tradursi in «una corsa al rilascio del porto d’armi e all’acquisto e detenzione da parte dei cittadini di pistole e fucili». E i motivi di preoccupazione non mancano di certo.

«La legittimazione psicologica fornita dalla nuova legge – dichiara Fabrizio Battistelli, presidente di Archivio Disarmo – determinerà una proliferazione delle armi da fuoco che moltiplicherà l’eventualità di incidenti, di usi involontari e di usi impropri. In definitiva un aumento del rischio».

Export armi: Italia sul podio

Stati Uniti, Italia, Brasile: è questo il terzetto dei maggiori esportatori di armi del Pianeta. Quelli, spiegano i ricercatori, con un fatturato annuo superiore al mezzo miliardo di dollari. Gli USA, precisa la ricerca, dominano sul fronte delle armi di piccolo calibro. Quelle leggere, da parte loro, «arrivano soprattutto da territori in conflitto».

Nel 2018, prosegue l’indagine, la produzione mondiale ha generato ricavi per 90 miliardi di dollari distribuiti tra un migliaio di aziende in oltre 100 Paesi. L’80% circa della produzione «viene trasferito nel mondo con strumenti legali e trasparenti, mentre il restante entra nel mercato illegale». E qui iniziano i veri problemi.

Tutto nasce dal mercato legale

Difficile fare una stima, impossibile avere cifre certe. Ma il quadro è preoccupante. La crescita della produzione di armi, infatti, tenderebbe – pare di intuire – ad alimentare il mercato parallelo che interessa trafficanti e criminali.

Nel 2014, riferisce lo studio, l’Afghanistan ha importato legalmente quasi 475mila armi leggere o di piccolo calibro. Duecentomila circa di queste si sono volatilizzate. Un terzo dei sequestri registrati in Europa è avvenuto lungo i confini occidentali del Continente. Balcani, Medio Oriente ed ex URSS restano le principali aree di origine delle armi illegali.

Nel Mediterraneo allargato tre rotte della morte

L’analisi dell’IRIAD prende in considerazione i traffici illeciti nel cosiddetto Mediterraneoallargato”, la regione che si estende idealmente ai Balcani, al Maghreb e al Medio Oriente fino al Corno d’Africa. Tre le principali strade percorse dai trafficanti:

  • C’è la rotta balcanica che dall’Ex Jugoslavia conduce le armi fino all’Europa occidentale ma anche all’Africa e al Medio Oriente passando dai Paesi del sud del Continente (Italia compresa).
  • La rotta orientale, che riversa in Africa – e ultimamente anche Europa occidentale – l’immenso deposito dell’ex Patto di Varsavia e dintorni.
  • Infine la rotta infraMENA Medio Oriente e Nord Africa – che si limita ai mercati regionali e ha il suo perno in Libia.

 

Fanno meno paura delle testate nucleari, non hanno la presenza scenica dei tank: ma le armi comuni restano protagoniste del mercato. E uccidono. Dalla fine della seconda guerra mondiale le cosiddette Small Arms and Light Weapons (SALW, armi leggere e di piccolo calibro) sono responsabili del 90% delle vittime dei conflitti. 

Nuove frontiere: il traffico online

E poi c’è internet, ovviamente. Il dark web, sostiene l’IRIAD, offre armi usate o più spesso rubate, soprattutto pistole (84% delle vendite online). Nel 2017 il 60% dei venditori operava dagli Stati Uniti, mentre il 25% agiva dall’Europa con Danimarca e Germania in testa alla graduatoria. Le offerte partono spesso dai social network, i pagamenti – manco a dirlo – sono effettuati in criptovalute le monete virtuali che garantiscono l’anonimato e che, non a caso, piacciono sempre di più alla criminalità organizzata. Ma questa è notoriamente un’altra storia.

https://valori.it/armi-leggere-causano-il-90-dei-morti-per-conflitti-a-fuoco/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.