Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Apocalisse e potere, di Alessandro Zaccuri

Apocalisse e potere, di Alessandro Zaccuri

creato da Denj — ultima modifica 21/07/2016 18:34
«La forza critica del Vangelo vale nei confronti di tutti i poteri. Ciò non significa che si debba negare il valore del potere nella società e nella Chiesa. Significa piuttosto che il potere diventa una funzione per qualcosa d’altro...
Apocalisse e potere, di Alessandro Zaccuri

La bestia del mare, arazzo dell'apocalisse

A porre la domanda in modo diretto è il monaco Enzo Bianchi: «I cristiani, oggi, sono ancora consapevoli di vivere nel tempo dell’attesa? La prospettiva escatologica ha ancora importanza per i credenti oppure il discorso sulla fine è qualcosa che, in definitiva, pensiamo non ci riguardi?». Interrogativi che nascono dall’intervista – pubblicata ieri su «Avvenire» – in cui il filosofo Massimo Cacciari presenta i temi del suo nuovo libro, Il potere che frena, in uscita da Adelphi. Una riflessione sul katechon, la misteriosa entità evocata da Paolo nella Seconda lettera ai Tessalonicesi(2,6-7) alla quale è deputato il compito di «trattenere» l’Anticristo, ritardandone la vittoria.

«È una prospettiva ben nota all’apocalittica giudaica – sottolinea Bianchi –, nella quale si incontrano spesso figure di falsi messia, le cui sembianze sono ingannevolmente simili a quelle del Figlio di Dio. È la stessa dinamica per cui, nell’Apocalisse di Giovanni, la Bestia del potere imperiale assume la stessa forma dell’Agnello e pretende una liturgia che ricorda quella che all’Agnello stesso sarebbe dovuta. Il che non significa che, per i credenti, il potere partecipi necessariamente di questa natura diabolica. Il cristianesimo, nel suo manifestarsi storico, rifugge dall’anarchia e predilige un ordine statale ben delineato. Nel contempo, però, occorre vigilare affinché lo Stato non si travesta da angelo di luce, in modo da dissimulare il volto della Bestia». Sì, ma il katechon quale ruolo gioca? «Misterioso, secondo Paolo. E qui dobbiamo fermarci – suggerisce Bianchi –. Del resto, è l’atteggiamento tenuto dalle Chiese orientali, che non hanno mai mostrato eccessiva curiosità per questa categoria. Il dibattito sulla Seconda lettera ai Tessalonicesi si è sviluppato più che altro in Occidente, determinando una serie di identificazioni storiche e politiche non di rado influenzate dall’ideologia del momento».

«A partire da quei due versetti si può dire di tutto e tutto, in effetti, è stato detto», avverte Marco Rizzi, lo studioso di letteratura cristiana antica che, insieme con Gian Luca Potestà, sta curando per la Fondazione Valla la raccolta di testi patristici e medievali sull’Anticristo. «L’orizzonte – prosegue Rizzi – è quello del prolungarsi dell’attesa. Lo stesso Paolo, che nella Prima lettera ai Tessalonicesi, si è detto convinto dell’ormai imminente ritorno del Signore, deve fare i conti con un ritardo che rischia di apparire inspiegabile.

Da qui il riferimento al katechon come forza che, in quel preciso momento, contribuisce a rallentare il disegno divino. L’accenno appartiene a un contesto sovrabbondante di immagini oscure, com’è normale nel genere letterario dell’apocalittica. Paolo, insomma, non mira alla precisione, gli basta trasmettere ai suoi lettori l’impressione e la consapevolezza che il loro presente è un tempo fortemente connotato in senso escatologico. Si tratta di suggestioni che più tardi confluiranno nell’opera di Ireneo di Lione, al quale dobbiamo la prima trattazione sistematica sulla figura dell’Anticristo. Ma del katechon, di fatto, Ireneo non si occupa e perfino Agostino affermerà di non comprendere quali fossero le intenzioni di Paolo».

A proporre una possibile interpretazione di questo che, ripete, resta un passaggio fra i i più complessi dell’epistolario paolino è il teologo Giacomo Canobbio: «Tra le tante ipotesi sembra avere una qualche plausibilità l’annuncio del Vangelo – osserva –. Nella storia si riscontra una contrapposizione tra il potere del Vangelo e le forze del male, già presente nella vicenda di Gesù.

Tuttavia il cristianesimo ha sempre respinto ogni forma di dualismo di sapore manicheo. L’ostacolo al trionfo dell’Anticristo sta dunque nell’azione di Dio quale si è manifestata in Gesù, che in quanto risorto diventa il segno e l’esemplare della vittoria sul male. In tal senso, comunque si identifichi l’Anticristo, esso è radicalmente depotenziato: nel mondo, nonostante la percezione di un’accresciuta virulenza del male, opera la forza di Gesù risorto, che si identifica con lo Spirito al quale va ascritto l’annuncio del Vangelo. Nessun potere “mondano” pertanto pare possa essere identificato con il katechon, neppure il potere della Chiesa quando questo fosse inteso nel senso “mondano”. Ovvio che non si può immaginare un annuncio del Vangelo senza un soggetto che lo annunci e quindi che metta in conto dinamiche anche di potere, purché questo sia da intendere nel senso indicato da Gesù».

In ogni caso, sostiene Canobbio, una dimensione “politica” è in una certa misura connaturata alla teologia. «La forza critica del Vangelo vale nei confronti di tutti i poteri – spiega –.  Ciò non significa che si debba negare il valore del potere nella società e nella Chiesa. Significa piuttosto che il potere diventa una funzione per qualcosa d’altro. In riferimento al katechon, ogni potere potrebbe essere pensato come ostacolo al male, la cui virulenza a volte è accresciuta dal potere stesso quando dimentica la sua originaria funzione (sia nella società civile sia nella Chiesa). Una teologia politica diventa legittima quando, in nome del Vangelo, diventa smascheramento dell’uso ideologico delle categorie teologiche».

 

fonte: www.avvenire.it, 28.02.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.